Autonoma, sobria e più attenta al sociale. Ecco perché la Ceccardi spaventa la sinistra

Nuova strategia dopo il ko emiliano. E Salvini non ha oscurato la candidata

Hai voglia a paragonare l'Emilia-Romagna alla Toscana. Sì ok, in parte è vero. La Toscana, come l'Emilia, è una regione sistemica, cioè esiste una forte interazione tra politica, società ed economia e il centro di potere è da sempre la sinistra. Questi sistemi tendono a preservarsi nel tempo e gli elettori, prima di cambiare sistema, ci pensano bene. I toscani devono essere certi di avere un'alternativa. In Emilia l'alternativa non ha funzionato E in Toscana? Beh, diciamo solo che Eugenio Giani non è Stefano Bonaccini e Susanna Ceccardi non è Lucia Borgonzoni.

Oltre a questo, siamo di fronte ad un totale cambio di strategia di comunicazione politica della Lega. Matteo Salvini mette in pausa l'immigrazione, preferendo discutere, per esempio, dei temi legati alla scuola, anziché di quelli che riguardano Lampedusa. I temi sociali ed economici prendono il posto dei migranti, che non vengono certo dimenticati, ma col Covid sul groppone, si sono accorti che gli italiani hanno adesso altre priorità.

Come scrive Claudio Brachino su questo giornale «ora il leader della Lega sembra davvero studiare per Palazzo Chigi». Una politica meno sbraitata e più ragionata che preferisce calcare la mano sulle proposte, piuttosto che sull'aggressione di una donna di colore. E l'europarlamentare Ceccardi, fa lo stesso. Sebbene sia una nuova leva, in questi anni si è fatta le ossa, e ha imparato le arti del mestiere. Anche lei, nell'ultimo mese, ha cambiato registro. Il favorito Giani, che credeva in una vittoria scontata, ha pensato gli bastasse riproporre lo schemino dell'Emilia, ma nel corso delle settimane ha dimostrato di non essere Bonaccini e la Ceccardi di non essere la Borgonzoni. La lezione romagnola è servita: Salvini ha lasciato fare alla Ceccardi la sua corsa senza oscurarla, come era accaduto con la Borgonzoni. Ma, soprattutto, senza personalizzare il voto. La Ceccardi si è dimostrata autonoma nelle proprie scelte e nella propria narrazione, scegliendo toni, temi e messaggi diversi. Ancora battagliera come una tigre, ma con un look più sobrio e slogan meno sparati.

Giani, invece, ha voluto scimmiottare la campagna di Bonaccini: ha preso contatti con «Consenso», l'agenzia a cui va il merito del successo emiliano, decidendo poi per un ampio team composto da «Momentum», un'agenzia di Milano, You Trend, Social Change (gli stessi americani che seguono, con scarsi risultati, Sansa in Liguria) e lo sfortunato Marco Agnoletti, ex spin doctor di Renzi, ai quali si è aggiunto ora, vista la mala parata, Marco Furfaro della comunicazione del Pd. Tante teste, troppe.

La Ceccardi è avvantaggiata dai tanti capoluoghi passati recentemente al centrodestra, con alcune eccezioni quali Livorno, Pisa e soprattutto Firenze, dove è in svantaggio. Se riuscirà a recuperare anche in quelle zone, vincerà. Giani ha girato come una trottola, toccando tutti gli angoli della Toscana, guidando da solo, un po' a casaccio, senza una strategia, né di attacco né di difesa. Infine, Giani sfugge ai confronti tv: se n'è svolto solo uno, dove la Ceccardi ne è uscita meglio. Da allora ha evitato qualsiasi altro faccia a faccia, annullando pure, all'ultimo momento, quello alla Versiliana.

A questo quadro, già angosciante per la sinistra, se ne aggiunge un altro: quello del fuoco amico. Incassato il sostegno di Italia Viva di Matteo Renzi, che in Toscana si gioca la faccia (un'altra volta), a preoccupare il Pd è il bottino di consensi degli altri sfidanti a sinistra. Soprattutto del consigliere regionale uscente, Tommaso Fattori, candidato di Toscana a Sinistra, le cui preferenze potrebbero fare la differenza nel caso di un duello all'ultima scheda tra Ceccardi e Giani.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Iacobellig

Dom, 13/09/2020 - 10:22

Forza Ceccardi faccia vedere a questa maledetta sinistra e a Renzi come si governa onestamente nell’interesse del popolo. Auguri.

giancristi

Dom, 13/09/2020 - 10:31

Si spera che la Ceccardi riesca ad asfaltare Giani. Invece dello champagne, i piddini stapperanno .... il Malox. Sarà un mal di stomaco terribile, se perdono.

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Dom, 13/09/2020 - 10:34

Forza Ceccardi, sei anche una bella ragazza, stravincerai su questi comunistracci.

paolinorispondi

Dom, 13/09/2020 - 11:34

Io mi auguro solo che in Toscana non manchino i voti di FI come sono mancati in Emilia. La differenza è stata tutta qua.

Cosean

Dom, 13/09/2020 - 11:55

Ma la Ceccardi non è quella che ha accomunato "Imagine" di John lennon, la canzone idealista, pacifista, la più rappresentativa del paradiso.. al COMUNISMO?

ClioBer

Dom, 13/09/2020 - 12:01

Giani dà l’impressione d’essere un pesce fuori dall’acqua. Per certi atteggiamenti ricorda Biden, e come costui, al contrario della Ceccardi che sprizza empatia, lui sprizza – in quantità industriali –alessitimia. La Ceccardi dà l’impressione di una persona, interiormente, serena ed è misurata ed equilibrata. Sa, pure ascoltare ed intervenire, coerentemente, sul tema. Una che chiunque vorrebbe avere per amica e, cosa che, naturalmente, non deve essere mai determinante, ma di certo non guasta, è di aspetto molto, davvero molto, gradevole. I pidioti si rassegnino, perché non c’è partita. Forza Susanna, la Toscana, anzi, per le conseguenze che potrebbe avere il voto, l’Italia è nelle tue mani. Purtroppo, essendo di un’altra Regione, non potrò votarti, ma se le cose andranno come spero, verrò a Firenze per abbracciarti.

jaguar

Dom, 13/09/2020 - 12:01

La Ceccardi non ha speranze, i toscani hanno la testa de coccio, anzi di marmo.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Dom, 13/09/2020 - 12:08

Ci sono due tipi di sondaggi. Quelli fatti con la metodologia CATI che ha il merito di essere molto rapida (se ne può fare anche uno al giorno) ed economica, ma che è piuttosto imprecisa, e quelli "seri" che si fanno fare i partiti, complessi e costosi che richiedono anche 15-20 giorni tra campionamento, raccolta e analisi dei dati. EBBENE quelli fatti fare dal PD per la toscana sono TOTALMENTE e PAUROSAMENTE diversi da quelli CATI, non dico di quanto - non si può - dico solo che per loro "...sarà pianto e stridor di denti" (Luca 13:28). Vogliamo che ci sia una festa epocale nelle strade e nelle piazze, la festa della liberazione! Tutti, nessuno escluso, dovranno parteciparvi. Dopo anni di sofferenze e tragedie la Toscana torna ad essere la gloriosa regione che fu. Dopo 76 anni!

Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Dom, 13/09/2020 - 13:34

In Toscana c'è il doppio turno con ballottaggio. Le sinistre si dividono solo per contare i rispettivi pesi per quando si passerà al magna magna. Purtroppo quello che non si dice è che la Ceccardi potrà farcela solo con un 51% al primo turno, alquanto improbabile. Al ballottaggio, come accade alla Lepen in Francia ogni volta, torneranno tutti a compattarsi contro di lei, purtroppo...

FrateCipolla

Dom, 13/09/2020 - 14:12

PerSilvio46 ...quanto spero tu abbia ragione !!!! È vero che i toscani, purtroppo, si sono dimostrati sempre fedeli alla linea.....ma chi pensava, anche solo 2/3 anni fa che a Destra si potessero raggiungere certe percentuali??(sia in Toscana che in Emilia). Speriamo che i toscani inizino a guardare al futuro anziché al passato....speriamo nella nostra vera Liberazione !!

roberto zanella

Dom, 13/09/2020 - 14:28

SI LA CANDIDATA E' MOLTO DIVERSA DALLA BERGONZONI. QUEST'ULTIMA SEMBRAVA PENDERE MOLTO FORSE PER TROPPO RISPETTO, NEI CONFRONTI DI SALVINI. UN VISINO CHE NON POTEVA FAR PAURA A BONACCINI CON IL COLBACCO, UN VERO DON PEPPONE. LA CECCARDI BASTA GUARDARLA IN FACCIA E GLI OCCHI DA TOSCANACCIA. CARATTERE DI QUELLI CHE TI FULMINO. SPERIAMO RIESCA AD ABBATTERE IL GRANDUCATO SOVIETICO DI TOSCANA.

ItaliaSvegliati

Dom, 13/09/2020 - 14:30

La CECCARDI è una donna molto in gamba, spero che i toshani facciano la scelta di una cittadina capace e volonterosa, ne possono trarre solo vantaggi!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 13/09/2020 - 14:46

Ottimo articolo che favorisce la comprensione del “sistema”, così come si sta svolgendo. Che la sinistra sia ben presente in Toscana è ben saputo, ma i problemi vanno comunque affrontati, sperando che i rapporti politici siano in giusta evoluzione, cioè pensando al futuro e cercando di scavalcare il passato.

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 13/09/2020 - 15:23

"Sebbene sia una nuova leva, in questi anni si è fatta le ossa, e ha imparato le arti del mestiere", senza laurea, un anno di carica a Cecina poi con Salvini e poi all'Europarlamento durante il lockdown ... una esperienza importante non c'é che dire ... BTW che cosa faceva per vivere la pasionaria leghista prima che il vate salvino la notasse e la facesse ascendere nell'olimpo delle menti leghiste più fini?

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 13/09/2020 - 15:46

ah complimenti anche al babbo,sembra un sodale di quello, più noto, di dibattista ...