Politica

"Quella telefonata...", Crosetto sbotta con il giornalista

Il co-fondatore di FdI ha replicato polemicamente alle domande rivoltegli da una giornalista, dando avvio al confronto col vicedirettore Cannavò

"Quella telefonata...", Crosetto sbotta con il giornalista

Finito al centro dell'attenzione mediatica per il fatto che, presumibilmente, otterrà un ruolo attivo e di prestigio all'interno del prossimo governo, Guido Crosetto ha replicato in modo piccato alle domande postegli da una giornalista de Il Fatto Quotidiano.

Il co-fondatore di Fratelli d'Italia, che secondo alcune indiscrezioni potrebbe essere il prossimo ministro della Difesa o il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, ha scelto Twitter per dare sfogo, senza troppi giri di parole, al proprio malcontento motivato dal contenuto delle informazioni richiestegli dalla reporter. "Oggi mi ha chiamato una cortese giornalista del Fatto, che mi ha chiesto per chi ho svolto lavori e servizi, fatturati e dichiarati, in questi anni", ha raccontato Crosetto ai propri followers. "Ho risposto con cortesia, ma mi chiedevo: siccome parliamo di attività legittime e regolari, società, redditi, lavoro sono il male?", ha poi aggiunto polemicamente.

Tra i messaggi postati sotto il tweet ne è comparso uno in particolare, nel quale il vicedirettore de Il Fatto Quotidiano ha replicato alla domanda posta a conclusione del messaggio lasciato dal co-fondatore di Fratelli d'Italia parlando di una situazione comune a tanti che finiscono al centro dell'attenzione mediatica. "No, sono semplicemente elementi che consentono di capire chi è lei, visto il ruolo che occupa mediaticamente nonostante alcun incarico formale", ha risposto Salvatore Cannavò in difesa del lavoro della sua giornalista, "dovrebbe abituarsi alla voglia di sapere di più".

Poco dopo è lo stesso Crosetto a controbattere, parlando del modo da lui scelto in questi anni per dosare la propria esposizione dinanzi a microfoni e telecamere. "Se si informa dai suoi colleghi di carta e Tv, (anche quelli della sua redazione che lavorano al giornale ed in tv) scoprirà che rifiuto il 90% delle richieste", twitta il co-fondatore di Fratelli d'Italia. "Scoprirà anche che le accetto solo se non vengo chiamato o citato come esponente di una forza politica. Da sempre", puntualizza ancora. Il vicedirettore de Il Fatto Quotidiano interviene nuovamente nel botta e risposta, spiegando il proprio punto di vista."Ma è qui il problema @GuidoCrosetto: il gioco dell'intervento a titolo personale è finito. Lei è dato come consigliere, ministro, n.2 a palazzo Chigi, rilascia interviste", scrive Salvatore Cannavò,"è un ruolo pubblico e va chiarito all'opinione pubblica. Lo si chiede ormai a lei e anche a @GiorgiaMeloni".

Tanti i commenti caricati sotto i post da chi è voluto intervenire nel dibattito. "Semplicemente... devono costruire fango su di lei, loro pensano che siamo come loro. Ma è proprio qui che sbagliano di grosso", affonda un follower. "E quindi? sono illegali? Può averne 10 società se versa le dovute tasse se ha operazioni legali se opera rispettando le leggi complimenti a Crossetto", replica un altro. "Ecco la Bella addormentata nel bosco che esce dal suo torpore. Lo fanno con tutti, la colf di Fico, le aziende di papà Renzi, il papà della Boschi, ecc. Ma dove ha vissuto fino ad oggi?", commenta un internauta.

Commenti