"Ci impose la chiusura forzata". Scatta l'azione legale contro Conte

Nuova tegola per Conte. L'iniziativa di un gruppo di legali per ottenere un giusto indennizzo: "I ristori non sono stati equi"

Va bene difendere la salute. Va bene istituire il lockdown. Ma lo Stato deve anche garantire la sopravvivenza delle aziende e versare un “giusto indennizzo” a chi sta soffrendo la crisi economica provocata dalla pandemia da coronavirus. Ne è convinto lo staff di difendimi.com, piattaforma online creata allo scopo di rendere “la giustizia accessibile a tutti”. Non bastano i ristori bis, ter, quater e via dicendo. L’idea è quella di chiedere a un giudice civile "di condannare il governo al pagamento di almeno un’indennità” agli imprenditori. Una “causa pilota” che possa “consolidare una giurisprudenza” a tutela delle aziende, calcolando il corretto indennizzo a ristoro di chi non ha potuto lavorare in questi mesi.

“Siamo coscienti - si legge sul sito - che la misura di restringimento sociale e la chiusura forzata delle attività produttive abbiano intaccato in profondità il tessuto economico-sociale dei privati andando a minare profondamente la salute delle imprese italiane, sacrificando piccoli e grandi imprenditori e commercianti”. Da qui l'idea di adire le vie legali. Ma come intendono muoversi? Tutto si basa sull’articolo 2045 del codice civile. Che recita così: “Quando chi ha compiuto il fatto dannoso vi è stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, e il pericolo non è stato da lui volontariamente causato né era altrimenti evitabile, al danneggiato è dovuta un’indennità, la cui misura è rimessa all’equo apprezzamento del giudice”. Tradotto alla situazione attuale, secondo difendimi.com, "l’autore del fatto dannoso (in questo caso lo Stato) commesso in stato di necessità (l’emergenza Covid 19) sarebbe tenuto a corrispondere una indennità al danneggiato (in questo caso le imprese costrette alla chiusura)".

Si tratta insomma di bilanciare due diritti costituzionalmente garantiti: quello alla salute e quello a fare impresa. E i ristori decisi dal governo? Un po' di soldi sono arrivati, potrebbe obiettare qualcuno. “Riteniamo - spiegano però dalla società di Prato - che attualmente il supporto statale che le imprese italiane hanno ricevuto non sia minimamente congruo ed equo rispetto ai danni subiti alle loro attività, e siamo convinti che sia doveroso chiedere di più: un ristoro che si avvicini il più possibile al danno concretamente patito dalla chiusura forzata e che l’esecutivo non ha mai disposto”. Le misure sin qui adottate non possono essere “considerate alla stregua di indennizzi”: deve essere il giudice a stabilire l’equo risarcimento.

Certo va detto che una “causa pilota” non ha precedenti. Dunque non è detto che gli imprenditori possano vincere e si partirà solo al raggiungimento di 300 aderenti. Aderendo a “indennizzo lockdown” chi partecipa dovrà però spendere solo un contributo iniziale intorno ali 150-200 euro, e poi sperare che le cose vadano a buon fine. “In ogni caso, anche di non vittoria, - dicono i promotori - l’unione di più cittadini e imprenditori dovrebbe stimolare lo stato a prendere delle decisioni a tutela degli stessi”. In fondo i numeri della crisi economica fanno spavento.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 27/01/2021 - 12:42

Fine ingloriosa di un egocentrico ed arrogante avvocatuccio di periferia,che credeva di far bene il premier! Storia già vista.

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 27/01/2021 - 12:59

Senza contare che lo Stato ha lasciato entrare indisturbati o quasi numerosi soggetti africani portatori di contagio senza prendere alcuna misura contro le loro fughe e dispersione dei contagi

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 27/01/2021 - 13:07

ma tanto chi paga il conto? gli italiani! come? facilissimo: con le tasse aumentate! complimenti vivissimi ai BABBEI COMUNISTI GRULLI, e un ringraziamento particolare a MATTARELLA per aver consentito, già nel 2018, di formare un governo strampalato e stravolgendo la legge elettorale, poi, non contento di aver sbagliato, si rifa lo stesso errore, mettendo in piedi un altro strampalato governo, giallo rosso! geniali questi BABBEI COMUNISTI GRULLI, e ancora criticano e vomitano odio su berlusconi :-) uuuuuuhhhh come sono FUUUUUUUURBIIIIIIISSIMIIIIIIIIIIII :-)

necken

Mer, 27/01/2021 - 13:11

I "giusti indennizzi" pagati con le tasse degli Italiani!? Lo Stato Pantalone sono quelli che pagano le tasse è ora di finirla. In Italia ci sono troppi avvocati che vivono di questi affari

Ritratto di I-dare

I-dare

Mer, 27/01/2021 - 13:16

Egergio Sig. Bartolo Dall'Orto (autore dell'articolo). Mi perdoni. Vorrei segnalarLe una errata corrige alla terza riga . A chi sta soffrendo e non già a chi stanno soffrendo. Sicuramente si è trattato di un mero errore materiale.

amicomuffo

Mer, 27/01/2021 - 14:14

a quando pagare di tasca propria? Senza gravare sulle già asfittiche nostre tasche?

dredd

Mer, 27/01/2021 - 16:16

Ma sì tanto il coniglio alla mal parata troverà qualche capro espiatorio fra le varie task force, le ha fatte per quello.

fabioerre64

Mer, 27/01/2021 - 16:37

Ristori, indennizzi, cause, siamo solo all'inizio, ci toccherà pagare tutti pesantemente l'incapacità di questo governo. Sarebbe bastato usare il buon senso, invece che giocare con i colori ed imporre chiusure senza logica e poi riaperture e poi di nuovo chiusure con DPCM comunicati di notte e già operativi il giorno successivo.

Iacobellig

Mer, 27/01/2021 - 16:46

CONTE UN BUFFONE INCAPACE MEDIOCRE INCOMPETENTE, DEVE USCIRE DI SCENA. HA GIÀ FALLITO DUE VOLTE.

ItaliaSvegliati

Mer, 27/01/2021 - 17:18

L'accozzaglia trova sempre i soldi per i CLANDESTINI che sono sonori miliardi, gli italioti possono morire di fame...giusta causa chi sbaglia paga risarcisca di tasca propria e non con i soldi nostri!!!

DRAGONI

Mer, 27/01/2021 - 18:35

COMUNQUE PAGHERANNO GLI ITALIANI SE NON INTERVERRA' POI LA PROCURA DELLA C ORTE DEI CONTI FACENDO L'ADDEBITO AL GIUSEPPI OVVERO ALL'AVVOCATO DEGLI ITALIANI COME SI ERA AUTONOMUNATO SUA SPONTE!!

ClaudioD1961

Mer, 27/01/2021 - 19:18

in ogni caso siamo noi Italiani a pagare il tutto, il fallimento della chiusura per lockdown senza alcun risultato effettivo, sempre più contagi e morti, ma con le regioni colorate è stato il massimo..schiere di esperti..ma in cosa? aziende fallite, cig a raffica, settore spettacolo chiuso, il giorno che terminerà perchè dovrà terminare la socialità come andremo avanti..il nostro futuro, un aumento del debito alle stelle..10 mesi...

Ritratto di giannibarbieri

giannibarbieri

Mer, 27/01/2021 - 19:29

Gli avvocati sanno benissimo che far causa al Governo non porterà a nulla. Ma devono vivere anche loro e dunque accettano queste cause temerarie destinate ad un veloce aborto quanto ad una congrua parcella.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 27/01/2021 - 19:30

Chi la fa l'aspetti.