Boccia a Confindustria: "Prima la salute, poi la fase 2"

Il ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia, risponde a Confindustria: "Mettiamo in sicurezza la Lombardia, gli ospedali lombardi e gli ospedali che stanno affrontando ancora situazioni molto critiche, poi penseremo alla Fase 2

"Mettiamo in sicurezza la Lombardia, gli ospedali lombardi e gli ospedali che stanno affrontando ancora situazioni molto critiche, poi penseremo alla Fase 2". Così il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, ha risposto su Facebook alle pressioni che arrivano dal mondo di Confindustria per una riapertura più celere delle attività.

Boccia proprio stamane si trovava a Milano, insieme al Capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, per accompagnare la task force di medici volontari "che, con grande generosità e solidarietà, non hanno esitato un secondo a lasciare i propri affetti per dare un sostegno ai loro colleghi" del Nord. Una task force che opererà non solo in Lombardia, ma anche nelle altre Regioni del Nord come Emilia Romagna, Piemonte, Liguria e Val d'Aosta. Al suo arrivo a Milano, il ministro aveva precisato: "Per la fase 2 ci sarà una cabina di regia, annunciata dal presidente del Consiglio, e il presidente Fontana sarà parte integrante di questa cabina di regia, scelta dalle stesse regioni. Poi ci sarà Bonaccini e un terzo presidente ci sarà comunicato a breve dalla Conferenza delle Regioni. E così faremo con comuni, parti sociali, rappresentanti delle imprese e comunità scientifica. Tutti insieme gestiremo la fase 2".

Il titolare degli Affari regionali, sempre in mattinata, aveva rassicurato le imprese e, dalla sede del Comune di Milano, aveva ribadito la sua posizione: "Le esigenze di Confindustria e Assolombarda sono di tutto il Paese, avere un quadro chiaro sulle modalità con cui si ripartirà. Oggi oltre il 33% delle attività economiche sono in funzione, dall'agroalimentare alla logistica. Confindustria darà il suo contributo alla cabina di regia, ma la ripartenza non può non tenere in conto della necessità di mettere in sicurezza la salute degli italiani". Boccia ha, inoltre, spiegato che la riapertura sarà a macchia di leopardo perché "ci sono province più ferite di altre ed è evidente che bisogna valutare un approccio differente". E ancora: "Nessuna Regione ci ha chiesto di ripartire prima di altre. Posso però immaginare che quando si accenderà l’interruttore potrebbe accadere in modo diverso da territorio a territorio”.

Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, nel pomeriggio ha dato atto al governo "Nessuna Regione ci ha chiesto di ripartire prima di altre. Posso però immaginare che quando si accenderà l’interruttore potrebbe accadere in modo diverso da territorio a territorio”, ma ha avvertito la necessità "che queste risorse giungano con tempestività alle imprese". E, infine, ha espresso le sue preoccupazione per la crisi: "Per consentire la sopravvivenza del sistema economico occorre passare alla Fase 2, con graduali aperture delle fabbriche e degli uffici nel rispetto di tutte le prescrizioni sanitarie per la sicurezza dei lavoratori, e poi alla Fase 3 attraverso massivi investimenti pubblici che compensino e supportino la progressiva ripresa della domanda privata".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

giovanni951

Gio, 09/04/2020 - 18:25

questo incompetente parla così semplicemente perchè ha lo stipendio ( e che stipendio) garantito a fine mese. Del resto, pensare che capisca il problema degli industriali è tempo perso.

cir

Gio, 09/04/2020 - 18:33

giustissimo . gli industriali vanno rieducati .

jaguar

Gio, 09/04/2020 - 18:48

Il governo si avvale della consulenza dei cosiddetti luminari, i quali non azzeccandone una tengono il paese chiuso a oltranza, tanto cosa gliene frega, loro lo stipendio ce l'hanno garantito.

POKER70

Gio, 09/04/2020 - 19:02

Tanto a Boccia che gli frega, tanto lui ha lo stipendio assicurato pagato dai contribuenti. Come se il problema di un default economico fosse solo quello degli industriali e non già dei di dipendenti che rimarranno senza reddito.

wyxwyx

Gio, 09/04/2020 - 19:05

Il pugliese boccia viene qui dalla puglia in Lombardia,a 800km di distanza,a dire ai lombardi cosa devono fare e se possono riaprire o no le loro aziende. Ma in Lombardia quand'è che si sveglieranno e impediranno a altri popoli di venire qui a comandare. Ma ce li vedete gli industriali tedeschi che vanno a supplicare il governo della Merkel affinchè possano riaprire le aziende?In realtà in Germania le aziende lavorano a pieno ritmo per riorganizzarsi con le nuove tecnologie.Il blocco totale c'è solo in Italia, dove la parte più evoluta del paese, il Nord Italia, è comandata/okkupata dalla parte più sottosviluppata d'Europa, roma e il sud.Con la ripartenza i politici di roma e del sud faranno di tutto per rallentare il Nord Italia sperando che economia e risorse si trasferiscano a roma e al sud quando in realtà tutto si trasferirà nelle altre nazioni europee,che si stanno riorganizzando per il futuro.

florio

Ven, 10/04/2020 - 10:14

@cir, se le aziende piccole, medie, e grandi saltano,l'Italia crolla nel baratro. Forse a voi sinistri abituati all'assistenzialismo, al posto di lavoro statale garantito, non vi è chiaro che senza il serbatoio delle aziende, dei piccoli imprenditori, delle partite IVA, di soldi nelle casse dello stato non ne entrano. Poi ci spieghi come farà lo stato a mantenere i dipendenti pubblici, statali e tutta la pletora di pelandroni, compresi loro stessi?!

cir

Ven, 10/04/2020 - 10:46

florio Ven, 10/04/2020 - 10:14 : ma proprio non ti riesce minimamente ad immaginare una societa' diversa da quella attuale?

florio

Ven, 10/04/2020 - 11:08

cir, Ma che cosa vuoi immaginare, ma dove vivi? Beato te che vivi d'aria. Chi vive sperando muore..cantando!

cir

Ven, 10/04/2020 - 11:23

florio Ven, 10/04/2020 - 11:08: niente da fare , devi essere di centro destra.

killkoms

Ven, 10/04/2020 - 12:21

quello con la mascherina da orecchio!

killkoms

Ven, 10/04/2020 - 12:25

La salute a stomaco vuoto?se non si riparte subito è la fine!