Brexit, Johnson fa il duro: "Intesa a ottobre o No Deal"

L'avvertimento alla vigilia dei nuovi negoziati. Il FT: "Pronta una legge per aggirare i punti dell'accordo"

La Brexit è tornata. Ha viaggiato sottotraccia in questi mesi, oscurata dalla crisi pandemica e dopo 7 infruttuosi round negoziali succedutisi a partire da marzo, una volta a Bruxelles, la successiva veniamo noi a Londra per ricambiare il favore, comincia oggi l'ottavo incontro tra le due delegazioni. Cosa cambia ora? Come si è ripetuto decine di volte nella saga della Brexit, il tempo sta per finire.

Che questa volta la pressione stesse aumentando lo aveva messo in chiaro il caponegoziatore britannico David Frost che in un'intervista al Mail on Sunday aveva ribadito come Londra non cederà sui due punti principali che separano le parti: pesca e aiuti di stato. Si è poi aggiunto lo scoop del Financial Times che domenica sera ha rivelato che il governo inglese intende legiferare su alcuni ambiti coperti dal Withdrawal Agreement e in particolare sul protocollo dell'Irlanda del Nord. Tre sarebbero gli ambiti di intervento di Londra: arrogarsi il potere di definire unilateralmente quali sono i beni a rischio di transitare dalla Gran Bretagna all'Irlanda del Nord e poi all'Ue, che secondo l'accordo firmato a fine dell'anno scorso dovranno essere soggetti a tariffe doganali; togliere la necessità che le imprese nordirlandesi debbano compilare dichiarazioni doganali per esportare beni nel resto del Regno; limitare l'obbligo di dover comunicare a Bruxelles ogni variazione del regime di aiuti di stato che interessa le imprese in Irlanda del Nord, riservandolo a casi specifici. L'implementazione del protocollo sull'Irlanda del Nord è oggetto di un comitato congiunto anglo-europeo i cui lavori, dopo un avvio a rilento, stanno proseguendo con soddisfazione reciproca.

Il governo inglese non ha negato le rivelazioni del Financial Times ma ha parlato di necessità di tutelarsi nel caso entro fine anno, quando le leggi europee non si applicheranno più nel Regno, non sia stato ancora raggiunto un accordo. E ha respinto decisamente, come sostenuto da più parti, di volere unilateralmente riscrivere quanto pattuito con Bruxelles: eventualità che equivarrebbe alla rottura di un trattato internazionale. Il rispetto del Withdrawal Agreement è una precondizione per poter raggiungere un accordo commerciale, hanno fatto subito sapere da Bruxelles, con la Presidente von der Leyen che si è detta fiduciosa che Londra «implementerà il WA, un obbligo legale internazionale e un prerequisito per ogni futura collaborazione». Le illazioni sfumeranno domani quando la lettera della legge sarà resa nota.

Ad acuire le tensioni, inoltre, è intervenuto direttamente il primo ministro inglese che ieri ha rilasciato un comunicato stampa in cui dà tempo alle parti fino a metà ottobre per poter trovare la quadra. Entro l'incontro dei leader europei del mese prossimo si dovrà essere giunti a un accordo, altrimenti «dovremmo tutti accettarlo e andare avanti». Poco più di un mese per ridefinire le quote di pesca della flotta europea nelle acque britanniche: argomento marginale economicamente ma sostanziale per molte comunità inglesi e francesi, di grande rilevanza politica per il successo in patria di Johnson e Macron. Quaranta giorni per definire il regime di aiuti di stato su cui potrà far leva Londra per favorire le sue imprese strategiche: il vero timore che agita Bruxelles. Non si dovesse arrivare a un accordo, prosegue Johnson, si applicheranno le stesse condizioni in vigore tra Ue e Australia, cioè quelle dell'Organizzazione Mondiale del Commercio e comunque «sarà un buon risultato per il Regno Unito». Ci credono in pochi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 08/09/2020 - 10:23

Beato lui che ha tutte certezze, in realtà la posizione inglese é fragile e Boris gioca a fare il gradasso perché non ha vie di uscita essendo schiacciato dai duri del Brexit da un lato e da quelli che vogliono mantenere il business con l'Europa ... Vediamo ma credo che la saga non sia ancora finita e che ne vedremo ancora delle belle!

schiacciarayban

Mar, 08/09/2020 - 12:07

La Brexit sta riducendo questo paese in briciole. Spero che questo basti a scoraggiare i pochi fanatici rimasti per Italexit!

bernardo47

Mar, 08/09/2020 - 12:46

jonshon fa come i bambini impauriti e strilla......ma non fa paura a nessuno.Povera Inghilterra come si e' ridotta e che errore la brexit....ora sono doloroni eh?

HappyFuture

Mar, 08/09/2020 - 13:33

A Ottobre: NO DEAL. C.V.D.

schiacciarayban

Mar, 08/09/2020 - 14:01

E Salvini, Borghi e compagnia? Tutti zitti? Hanno capito anche loro che stavano contando l'ennesima balla sui vantaggi incredibili di un'uscita dall'Europa? Se davamo retta a questi, potete immaginare dove saremmo adesso...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 08/09/2020 - 15:40

@schiacciarayban - babbeo comunista, preoccupati dell'Italia, che per colpa di voi sinistri è allo sfascio, in tutti i sensi. Guarda a casa tua i gravi danni, non le piccolezze altrui.

Libertà75

Mar, 08/09/2020 - 16:18

@schiaccia, sei esilarante, basta aprire un qualsiasi report macroeconomico. Capisco che però per te sia più belle mentire che informarsi. Tranquillo, è normale, vi vogliono così: senza cultura e pronti a ripetere sciocchezze all'infinito.