Cacciari sferza Zingaretti: "Apra il congresso del Pd alle sardine"

Il filosofo aggiunge che il movimento dovrà avanzare delle proposte concrete perché non potranno portare la gente in piazza all’infinito

Parla direttamente a Nicola Zingaretti e alle sardine. Al primo ricorda di aprire il congresso del Partito democratico a questo movimento. Alle seconde dice di fare proposte concrete e precise perché non potranno portare la gente in piazza all’infinito. Massimo Cacciari è come sempre molto chiaro e trasparente nelle sue dichiarazioni. E lo ha fatto anche stavolta su uno dei temi caldi dell'attualità.

Il filosofo è convinto che le sardine abbiano cambiato il clima politico caratterizzato da “intolleranza, arroganza e megalomania che non era soltanto di Salvini”, precisa l’ex sindaco di Venezia. Secondo Cacciari, le sardine assomigliano ai partiti di Tsipras in Grecia e di Podemos in Spagna che nascono, scompaiono e poi ritornano. Il saggista nota delle affinità anche con il Movimento 5 Stelle perché sia le sardine sia i grillini sono segnali della caduta della rappresentanza politica tradizionale. “Ma i 5 Stelle all'inizio avevano una leadership carismatica ultra personalizzata e poi il loro motto era né a destra né a sinistra, era il vaffa - spiega Cacciari -. Le sardine sono chiaramente più ideologiche e hanno una configurazione più incerta nella loro prospettiva”.

In un'intervista a Repubblica, l’ex sindaco di Venezia evidenzia che il movimento si trova davanti a un momento di svolta. In sostanza, dovrà avanzare delle proposte concrete e definire una piattaforma programmatica centrata su determinate problematiche. Secondo Cacciari, infatti, l’antifascismo e l’antisalvinismo sono dei buoni punti di partenza ma non sono sufficienti. In definitiva, il filosofo ribadisce che non ci si può accontentare di ritrovarsi in piazza per lungo tempo senza avere degli obiettivi precisi e definiti.

Cacciari lancia poi un messaggio a Zingaretti affinché il segretario del Pd organizzi il congresso del partito tenendo conto di questo movimento. Il senso è quello di aprire uno spazio politico in cui le sardine possano entrare a farne parte. “Dica loro: venite e lavoriamo insieme - precisa il saggista -. So che lui ha capito questo discorso, ma lo deve imporre esplicitamente anche ai tre quarti del suo gruppo dirigente che non ne vuole sapere di un congresso con questa apertura”.

Infine, il filosofo riconosce al movimento di aver messo in difficoltà Matteo Salvini perché il leader della Lega ha compreso di aver fatto troppo lo spaccone e allo stesso tempo ha permesso alle sardine di assumere una dimensione di massa.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

carpa1

Sab, 21/12/2019 - 12:03

Come al solito il filosofo si spiega molto bene; in buona sostanza abbiamo capito che le sardine non sono nè carne nè pesce. Allora, come si cucinano? Ce lo può spiegare? Se qualcuno non l'ha capito, non sono io ad essere in confusone bensì il filosofo, che dovrebbe fare un pò di pace con se stesso. Se le ultime tre righe rispecchiano il suo pensiero, nulla da eccepire sulle spacconate di Salvini che farebbe bene a modificare radicalmente il suo modo di esprimersi (se non gli riesce esca pian piano di scena senza troppo scalpore; ormai la mazzata alle carogne che ci sgovernano da decenni l'ha appioppata); per il resto, sardine o 5str, non vengono certo dal cdx (forse qualche sporadico individuo da FI), ma sono solo falsi transfughi della sinistra in cui riconfluiranno come è nella natura delle cose.

fjrt1

Sab, 21/12/2019 - 12:08

Forse le sardine stanno portando via qualche voto a Salvini, ma è mia opinione che stanno facendo shopping nel m5 e anche nel pd

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Sab, 21/12/2019 - 12:13

.... e perché non aprire ai girotondini, al popolo viola, ai pesci rossi? La sinistra è diventata un fenomeno che definire rocambolesco è ancora poco. Non sanno più che pesci pigliare.

steacanessa

Sab, 21/12/2019 - 12:20

Pd alleato con 5s e sardine(puzzolenti)? Meraviglioso suggerimento del “filosofo” per eliminarlo.

nopolcorrect

Sab, 21/12/2019 - 12:21

Proposte concrete? Ma certo, di sinistra ovviamente, ovviamente contro Salvini e a favore del PD, dovrebbero cioè diventare quello che già sono, dei supporters del PD. Ma naturalmente i vari capi e capetti, le sardone, mirano a un comodo posto in Parlamento a 14.000 euro al mese, i grillini hanno dimostrato che si può diventare facilmente da bibitaro a ministro degli esteri, i pidioti hanno dimostrato che si può diventare ministro della pubblica istruzione con un semplice diploma da maestra d'asilo e i sardoni, che non sono fessi e sono furbi,vogliono seguire il luminoso esempio , vogliono svoltare...

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 21/12/2019 - 12:24

...tutto fa brodo!

leopard73

Sab, 21/12/2019 - 12:34

Poi chi le mangia le sardine?, cambiate modo di fare politica ciarlatani incapaci!!!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 21/12/2019 - 13:27

La paura fa 91, vero Cacciari?

Calmapiatta

Sab, 21/12/2019 - 13:27

Lo aprirebbe pure a Boh Laden, Belzebù e Candy Candy...pur di mantenere la poltrona.

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 21/12/2019 - 13:38

sìì,sii.così potremo avere una frittura mista : sardine,scuorfani e cozze!!!

agosvac

Sab, 21/12/2019 - 14:21

In effetti, visto che le sardine e seguaci sono "esclusivamente" di sinistra non si vede perché non debbano partecipare alla vita politica del PD. L'unico rischio è che eliminino Zingaretti e facciano segretario il "sardina primo".

Savoiardo

Sab, 21/12/2019 - 14:23

Quante "ombrette" oggi sig. Cacciari ?