Bruciati 6 punti in un solo mese: in picchiata la fiducia in Conte

L'ultimo sondaggio Ipsos porta brutte notizie al presidente del Consiglio ed al suo governo, che registrano rispettivamente un calo di 6 e di 3 punti. Scendono anche la Lega, che resta comunque il primo partito, ed il M5S, mentre Fratelli d'Italia continua ad incassare consensi

Bruciati 6 punti in un solo mese: in picchiata la fiducia in Conte

Ora che l'emergenza Coronavirus sta a mano a mano regredendo, con gli italiani alla disperata ricerca di un po' di normalità e principalmente preoccupati per la propria situazione economica, anche la fiducia nel premier Giuseppe Conte, una volta paragonatosi a Winston Churchill, comincia a calare.

Si tratta di un dato prevedibile. Una volta lasciata alle spalle la paura del contagio, che aveva portato la maggior parte dei cittadini ad appoggiare le misure di lockdown ed a cercare nel presidente del Consiglio una figura di riferimento a cui aggrapparsi in un momento tanto drammatico per il nostro Paese, cominciano ora a venire a galla tutte le lacune dell'esecutivo. Troppe le gaffe (dalla scarcerazione dei boss, ai tira e molla con le Regioni), troppe le difficoltà che adesso si trovano ad affrontare gli italiani.

Secondo quanto si evince dal sondaggio Ipsos di Nando Pagnoncelli pubblicato sul "Corriere", a calare non è soltanto Giuseppe Conte. La Lega di Matteo Salvini, che ancora resta la preferita dal popolo italiano, ha registrato una discesa di 1,1 punti rispetto al mese scorso, mantenendosi comunque al 24,3%. Non è andata diversamente al Movimento Cinque Stelle, che scende di 1,9 punti, fermandosi al 16,7% . La vittoria elettorale del 2018 è ormai un lontano ricordo.

Resta stabile, invece, il Partito Democratico, che mantiene il suo 21,2%, mentre Italia Viva di Matteo Renzi non riesce ancora a decollare, restando ferma al 3%. Rimane al suo posto Forza Italia, mantenendo il 7,4%, mentre sale ancora il partito di Giorgia Meloni, che da tempo tampina il M5S. Con un aumento del 2,1%, Fratelli d'Italia infatti raggiunge il 16,2%.

Il calo del Carroccio, spiegano gli analisti, sembra principalmente dovuto ad un consistente numero di leghisti delusi che hanno scelto di dare il proprio gradimento all'altro partito appartenente alla coalizione di centrodestra. Tanta la fiducia nei confronti di Giorgia Meloni, che è stata molto apprezzata anche nel periodo più critico della pandemia.

I sondaggi, in ogni caso, devono essere analizzati a scopo orientativo. Solo con il voto si potrà realmente conoscere l'intenzione degli italiani.

Il calo registrato in quest'ultimo mese, tuttavia, non può non preoccupare il premier Conte, così sicuro del consenso dei cittadini. Stando al sondaggio Ipsos, il gradimento nei confronti del presidente del Consiglio è sceso di 6 punti, mentre quello verso il governo di 3.

Un bello smacco per Giuseppe Conte, che tanto ha fatto per ottenere il favore degli italiani, arrivando addirittura ad essere onnipresente sulla propria pagina Facebook, con interventi, post e dirette, proprio lui che un tempo criticava Matteo Salvini e la sua "Bestia".