Carvajal parla coi pm. Interrogatorio top secret

Rimane top secret sia in Spagna che in Italia il contenuto dell'interrogatorio di Hugo Armando Carvajal detto "Il Pollo", durato poco più di un'ora e condotto l'altroieri da due importanti esponenti della Procura di Milano

Carvajal parla coi pm. Interrogatorio top secret

Rimane top secret sia in Spagna che in Italia il contenuto dell'interrogatorio di Hugo Armando Carvajal detto «Il Pollo», durato poco più di un'ora e condotto l'altroieri da due importanti esponenti della Procura di Milano, i magistrati Maurizio Romanelli e Cristiana Roveda, arrivati appositamente dall'Italia a Madrid. Presenti al fianco dell'ex capo dell'intelligence militare venezuelana anche il procuratore capo della Corte Nazionale spagnola, Jesús Alonso ed il giudice iberico Joaquín Gadea. L'interesse del nostro paese ad interrogare Carvajal si ricollega all'indagine su una spedizione di 3,5 milioni di euro via valigia diplomatica al fondatore del Movimento 5 Stelle, Gianroberto Casaleggio, tramite la delegazione venezuelana di Milano nella persona del console Gian Carlo Di Martino, al momento indagato. Al termine dell'interrogatorio, i pubblici ministeri italiani hanno confermato di «avere un'indagine aperta sul finanziamento dei grillini» ma che, proprio a causa della segretezza del caso e delle sue ramificazioni internazionali, «non possono fornire i dettagli dell'interrogatorio». Anche l'avvocato di Carvajal, Dolores de Argüelles, ha mantenuto il massimo riserbo quando le sono stati chiesti lumi sulle risposte date dal suo assistito. Tuttavia, ha assicurato di «non essere assolutamente sorpresa» per il fatto che la Procura italiana fosse interessata ad interrogare «Il Pollo». Il motivo è semplice: da quando Carvajal è stato arrestato - lo scorso settembre in Spagna dopo due anni di latitanza - ha scelto di fare rivelazioni sempre più dettagliate sui tentacoli del governo chavista al di fuori del Venezuela e giornalisti provenienti da Italia, Argentina, Perù e Brasile l'hanno chiamata «insistentemente per informarsi sulla dichiarazioni giudiziarie» del suo cliente. E naturalmente anche i sistemi giudiziari dei paesi sopracitati si sono attivati per sentire Carvajal. L'avvocato del Pollo ieri ha annunciato che intende chiederne il rilascio, pur mettendogli un braccialetto elettronico per evitare il rischio di fuga. Da quando è detenuto, Carvajal sta usando tutte le strategie possibili per fermare la sua estradizione negli Stati Uniti, dicendo tutto ciò che sa sul finanziamento illecito della dittatura di Caracas a partiti come l'iberico Podemos ed il M5s.

Commenti