Casaleggio: "Molti lavori spariranno, serve sostegno al reddito"

Il guru del M5s: "Dobbiamo affrontare una trasformazione del mondo del lavoro radicale"

Il reddito di cittadinanza è "un primo passo verso la ridistribuzione alla comunità della iper-produttività delle imprese". Davide Casaleggio rilascia un'intervista al Corriere della Sera e ragiona di lavoro e futuro.

Secondo il titolare della Casaleggio Associati e guru del Movimento 5 Stelle, le trasformazioni del mondo del lavoro dovute alle nuove tecnologie saranno determinanti. E influenzeranno anche le scelte della politica. "Il rapporto tra produttività e tempo lavorativo, che si traduce in occupazione, è cambiato e in futuro i due fattori saranno sempre più indipendenti. Entro una generazione, molte professioni scompariranno", ragiona l'imprenditore.

Ecco perché la politica è chiamata, secondo Casaleggio, a offrire forme di sostegno al reddito dei cittadini: "Occorrerà istituire dei meccanismi di redistribuzione del reddito svincolati dall'occupazione che supportino la domanda, altrimenti avremo la massima produttività e consumatori con sempre meno capacità di spesa".

Riguardo alle critiche degli industriali, che giudicano il provvedimento bandiera del M5s come una forma di assistenzialismo, replica: "Credo che le grandi industrie italiane, come già avviene all'estero, conoscano bene questi temi. Per le Pmi invece l'adeguamento tecnologico può essere un fattore critico, per questo bisogna supportarle, guardando ai modelli più innovativi, come blockchain e intelligenza artificiale. Si prevede solo per quest'ultima un aumento della produttività per le aziende fino al 40% entro il 2025".

Infine una battuta sull'Europa: "I criteri che hanno regolato la visione economica fino a questo momento presto non saranno più adeguati, anzi già oggi non lo sono più". E ancora: "Se ci fosse una vera Unione Europea, con politiche economiche e fiscali omogenee, potremmo affrontare con maggiore efficacia i futuri cambiamenti e anche, perché no, pensare a un reddito di cittadinanza europeo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Antenna54

Mer, 16/01/2019 - 10:52

Questo ne capisce di economia come io di botanica. Inutile foraggiare i nullafacenti, create lavoro, create imprese che producano. Non si creano risorse per sostenere il sociale senza creare economia che produca.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 16/01/2019 - 10:52

Si, paga papà stato che prende i soldi a chi produce, in un tourbillon di tasse infernale. Non serve socialismo - statalismo. Serve liberalismo. Per salvare la baracca occorrono dosi massicce di liberalismo e libertarismo. Col socialismo o col catto-comunismo il fallimento è assicurato.

greg

Mer, 16/01/2019 - 11:07

Penso semplicemente che a questo figuro manchino le più elementari cognizioni storiche e sociali di ciò che è il lavoro ed il progresso umano, che non si ferma mai, e non fermandosi mai, fin dalla notte dei tempi, non si ferma neppure la trasformazione del lavoro, inteso come impegno per ogni uomo, quali che siano i tempi che sono passati e che verranno. Nel 2050 ci saranno tante nuove professioni, ma purtroppo il sogno di fasulli come Casaleggio di campare mantenuti dallo Stato, non morirà mai. Lo scopo di Grillo e Casaleggio jr., e prima ancora di suo padre, era quello di crearsi una base di cialtroni che li votassero e permettessero, a loro per primi, di campare senza fare la fatica di lavorare e innovare. Perciò queste sue dichiarazioni, che danno la misura esatta dell'inutilità, sociale, economica e antropologica, del movimiento (alla sud americana) che hanno creato e con il quale stanno distruggendo l'Italia

cgf

Mer, 16/01/2019 - 11:17

Basterebbe aver studiato sul serio anziché fantasticare come sarà il futuro per rendersi conto che nel corso del XX secolo tantissimi lavori sono spariti al punto da non averne più nemmeno memoria. Nonostante tutto il XX secolo è stato fino ad oggi quello che nella storia dell'uomo ha avuto i progressi maggiori e più veloci. Pensare che verso la fine del secolo precedente fu dichiarato, da uno più competente ed ascoltato in materia di un Casaleggio qualsiasi, everything that can be invented has been invented In 1889, Charles H. Duell. He was the Commissioner of US patent office.

buri

Mer, 16/01/2019 - 11:54

se fossimo un paese normale quello sarebbe già condannato per indebito interferenza nella politica anche a scopo di lucro

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 16/01/2019 - 12:48

I danni li stanno facendo loro e noi dobbiamo sostenere il governo? Purtroppo, Salvini permettendo, siamo destinati ad essere vittime di questo governo, ma certamente faremo di tutto per NON sostenerlo. Al momento le residue speranze sono tutte in Salvini: dia fine a questo "pseudo governo"!

nonnoaldo

Mer, 16/01/2019 - 13:41

Casaleggio, Grillo e soci si mettano d'accordo sullo scopo del reddito di cittadinanza. DiMaio & C. ci stanno frantumando i dicotiledoni con il mantra che recita "il redditodi cittadinanza non è assistenzialismo ma accompagnamento al lavoro". Ci dica ora il "guru" a quale lavoro, visto che afferma che molti lavori stanno sparendo, specie, ritengo, quelli a minori contenuti intellettuali. Forse ritengono di trasformare qualche milione di disoccupati senza arte nè parte in novelli scienziati con 18 mesi di corsi farlocchi e di lavori socialmente utili?

rokko

Mer, 16/01/2019 - 15:51

Penso che di "sostegni" ce ne siano già abbastanza. Le persone che perdono il lavoro o sono disposti a rimettersi in gioco e riqualificarsi, anche studiando di nuovo se necessario, oppure per me possono perdere tranquillamente il lavoro. Basta assistenzialismo, il lavoro non è qualcosa che ti è dovuto a prescindere.