Casamonica avvertono Salvini: "Cacciarci? Con noi riga dritto"

Il ministro degli Interni prepara il dossier rom: "Espellere gli irregolari". Ma tra i nomadi è rivolta: "Non siamo come gli slavi"

Casamonica avvertono Salvini: "Cacciarci? Con noi riga dritto"

Dopo l'annuncio di Salvini su un nuovo censimento dei rom per mandare via gli irregolari e tenere invece quelli con cittadinanza italiana, arriva la durissima reazione di Angela Casamonica. Lei, italiana e di origine rom, fa parte di una delle famiglie rom più note della Capitale. Intervistata dall'Agenzia Dire, la Casamonica attacca il ministro degli Interni: "Salvini non mi fa paura, mi sembra una brava persona, lui parla, fa il suo lavoro, ma con noi deve rigare dritto, non dire che viene a cacciare le persone". Poi rifiuta l'idea delle espulsioni che sarebbe tra le ipotesi messe sul campo dal leader della Lega: "Noi non siamo criminali- dice interpellata dall’agenzia Dire- i criminali sono altri: i problemi sono quelli che escono subito dal carcere dopo che hanno commesso un crimine. Sono italiani che rubano, ammazzano, spacciano. E poi ci sono gli slavi: se Salvini parla di loro fa bene a cacciarli. Cacciasse loro, cacciasse quelli di colore, gli immigrati, e pure i cinesi che sono tantissimi...".

Poi i toni si fanno ancora più duri e di fatto la Casamonica rivendica le sue orgini rom: "Prima di parlare di noi si devono lavare la bocca. Noi abbiamo lavorato sempre, non combiniamo guai: siamo stati commercianti di cavalli, ora vendiamo macchine. Siamo rom ma nelle roulotte ci vivevamo cinquant’anni fa, oggi abbiamo case guadagnate col sudore delle nostre famiglie. Mica siamo come gli slavi". Infine sbotta: "Noi siamo nati qua, Salvini ci vuole cacciare? Ma che vuole da noi? Non lo può fare". Intanto il ministro degli Interni prosegue per la sua strada ed ha chiesto un dossier per avere un quadro chiaro sulla situazione dei rom nel nostro Paese.