Caso Chil Post, Donzelli svela i documenti che inchiodano Tiziano Renzi

Fratelli d'Italia accusa: "Temiamo che qualcuno abbia indebitamente riattivato l'erogazione del mutuo a favore del padre di Renzi"

"Ho ricevuto il documento in busta anonima. Si tratta di carte inedite che ci fanno temere che ci sia stato qualcuno che abbia indebitamente riattivato l'erogazione del mutuo. Ecco perché ho presentato un'interrogazione urgente in cui si domanda, fra le altre cose, se esponenti politici legati al Partito Democratico, al governo nazionale e/o alla Regione Toscana siano intervenuti con pressioni presso componenti e/o dirigenti di Fiditoscana per superare le circostanze che avevano sospeso il pagamento". È quanto rivela Giovanni Donzelli, capogruppo di Fratelli d'Italia in Regione Toscana che da tempo si occupa del caso Chil Post.

"È una vicenda che puzza di bruciato. Basti pensare - continua Donzelli - che dai documenti di Fidi Toscana emerge che la Regione ha chiesto a Fiditoscana di 'provvedere al più presto .... procedendo con la revoca totale dell'Esl' in data venerdì 18 settembre 2015, solo il giorno dopo che era stata calendarizzata per il Consiglio del 22-23 settembre la risposta del Presidente Rossi alla mia interrogazione"."Nel documento la Guardia di finanza di Genova, inoltre - aggiunge l'esponente toscano di FdI - rileverebbe che 'tutti i rapporti con il predetto istituto di credito (la Bcc di Pontassieve ndr) sono stati intrattenuti e/o comunque avvenuti tramite Renzi Tiziano anche quando egli non faceva parte della compagine sociale e non ricopriva alcuna carica societaria, partecipando a riunioni, colloqui sia personali che telefonici, intrattenendo corrispondenza tramite email già agli atti e ricoprendo quindi funzioni di rappresentanza e decisionali di Chil Srl poi Chil Post Srl'". "Di fronte a tutti questi elementi eloquenti non possiamo che tornare a chiedere chiarezza - conclude Donzelli - il governatore Rossi non può più bluffare: o la Regione si costituisce parte lesa nei procedimenti giudiziari contro Chil, oppure continuerà a prendere in giro i cittadini".

Nel documento scritto dalla Guardia di finanza di Genova e inviato alla procura del capoluogo ligure si legge, infatti, che: "La Fiditoscana Spa, escussa nella garanzia prestata all'80% sull'erogazione del mutuo da parte della Bcc Pontassieve, sospendeva il pagamento a causa della non comunicazione e non conoscenza del cambiamento della compagine sociale. Al momento non risultano ancora chiare le motivazioni per le quali si è quindi poi evidentemente giunti al superamento di tale circostanza dal momento che Fiditoscana giungeva comunque all'erogazione del pagamento a favore della Bcc Pontassieve".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

lento

Lun, 28/09/2015 - 20:06

Questo ca la faccia di un pedofilo in calore...

Edmond Dantes

Lun, 28/09/2015 - 20:57

O grulli, continuate a votare PD e continuerete ad avere una regione che coi vostri quattrini finanzia gente come il babbo Renzescu, mettendovelo in quel posto. Ma forse a voi vi garba, Settant'anni di socialismo alla finocchiona vi hanno fuso il cervello e rotto irrimediabilmente il c..o.

Ritratto di Simbruino

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 29/09/2015 - 00:05

Ancora un po' di tempo e non sentiremo più parlare del "babbo di Renzi". Lo stretto necessario perché l'intervento di Magistratura Democratica metta le giuste toppe giuridiche, POLITICAMENTE OPPOSTE ALLA NEFASTA GIUSTIZIA BORGHESE, in modo che il "babbo di Renzi" sparirà magicamente dai media. Come hanno fatto sparire il fetore sinistro emanato dalla vicenda del Monte dei Paschi di Siena.

paolonardi

Mar, 29/09/2015 - 00:15

Tale padre, tale figlio; dalla barbetta mefistofelica del padre alla faccia un po' cosi' del contadino di Rignano.

mariod6

Mar, 29/09/2015 - 02:31

Se io chiedo una copertura a Confidi per un finanziamento, prima devo fornire un metro cubo di carte, e poi mi rispondono che la pratica non può essere aperta per mancanza di garanzie o per un rating troppo basso (???). Se mi chiamassi Renzi o se avessi la tessera N° 1 del PD sarebbe un poco più facile. O no???

Iacobellig

Mar, 29/09/2015 - 06:16

CHE SCHIFO QUESTI RENZI, IL PADRE E LA FAMIGLIA DA UNA PARTE IL FIGLIO DALL'ALTRA PER INCAPACITÀ E ARROGANZA DI CHI SA DI ESSERE RACCOMANDATO: DA NAPOLITANO!

erie51

Mar, 29/09/2015 - 07:05

tanto queste notizie verranno insabbiate come tutte le notizie negative della sinistra,ormai Renzi ci ha detto diverse volte che LUI con il suo governo fanno ed disfanno come gli pare,non accettanno niente che e contrario ad cio che decidono loro.insabbiatoquello che riguarda la sinistra ed messo in prima pagina cio che decide e fa la destra.

Duka

Mar, 29/09/2015 - 07:55

Finirà tutto sotto sabbia nel muglior stile comunista. Così è stato per: UNIPOL, Telekom Serbia, Cirio, IRI, MPS, EXPO, Bassolino, Penati, Il kompagno G, Lusi, e moltissimi altri , un esercito.