Caso Cucchi, il ministro M5s Barbara Lezzi chiede scusa alla famiglia

Intervistata stamattina in radio, il ministro Lezzi ha chiarito che "le scuse di Salvini attengono a Salvini" ma si è scusata con la famiglia Cucchi

Alla fine le scuse del governo per la famiglia Cucchi sono arrivate. Non da Matteo Salvini ma dal ministro per il Sud Barbara Lezzi, del MoVimento 5 Stelle.

Intervistata questa mattina da Massimo Giannini ai microfoni di Circo Massimo su Radio Capital, l'esponente grillina è stata interpellata sugli ultimi sviluppi del caso del giovane romano morto nel 2009 mentre si trovava nelle mani dello Stato. Inevitabile la domanda sulla posizione del governo.

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini, che in passato infatti aveva espresso posizioni molto critiche nei confronti della famiglia Cucchi, ieri ha invitato i parenti al Viminale. La sorella di Stefano Cucchi, Ilaria, ha però replicato che farà visita al ministro dell'Interno solo dopo che la sua famiglia ne riceverà le scuse pubbliche e ufficiali. Scuse che per il momento non sono ancora arrivate, a differenza di quanto avvenuto con il ministro Lezzi.

"Le scuse di Salvini? Attengono a Salvini - chiarisce la titolare del dicastero per il Sud - Io come membro del governo chiedo scusa per tutti questi anni di attesa. Quello che è successo alla famiglia Cucchi è atroce, questa orribile vicenda getta un'ombra terribile sul nostro Paese. Mi auguro che l'Arma dei carabinieri possa risollevarsi ma questo potrà accadere una volta che siano accertate tutte le responsabilità e che i colpevoli siano stati puniti. Ringrazio Ilaria e la sua caparbietà e determinazione".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

venco

Ven, 12/10/2018 - 13:37

Il Cucchi era un drogato e spacciatore pregiudicato, non era una persona normale.