L'ira dei ristoratori contro la Castelli: "Non siamo più disposti a scusare"

L'eco delle polemiche per le dichiarazioni del viceministro grillino non si è ancora placata, arriva una lettera aperta firmata da 500 ristoratori italiani

Sulla Fase 3 e la gestione della crisi economica proprio non ci siamo, specie se oltre al danno si aggiunge la beffa, come accaduto durante un intervento del viceministro dell'Economia grillina Laura Castelli, che al Tg2 aveva dichiarato: "Se una persona decide di non andare più al ristorante, bisogna aiutare l'imprenditore a fare un'altra attività".

In pratica se non ci sono più clienti, bisognerà aiutare i ristoratori a cambiare mestiere. Un'uscita che ha scatenato un mare di polemiche proprio tra gli stessi ristoratori, che hanno indirizzato alla pentastellata una lettera aperta. "Per noi il commento del viceministro al servizio mandato in onda dal TG2 è bocciato. Non siamo più disposti a scusare, a capire o giustificare", affondano i 500 firmatari. "Siamo diventati intolleranti a questi scivoloni televisivi che mettono alla gogna mediatica un intero comparto. Ci hanno dato dei pigri, dei rivoluzionari, multati e adesso anche degli incapaci. Tutti questi appellativi non appartengono alla nostra categoria che rappresenta un importante colonna economica italiana ( 13% del Pil)".

Una categoria intera che ribadisce con orgoglio di non aver mai chiesto nient'altro che sostenibilità per le riaperture, avvenute con estrema difficoltà, tra la riduzione del numero dei clienti, non solo per il timore di contagio o per la crisi economica ma soprattutto per le nuove e rigide regole di distanziamento, e i costi più elevati (per l'acquisto di dpi e per la sanificazione dei locali). "Molte attività, hanno riaperto con la consapevolezza di ricominciare in una situazione emergenziale, dove gli incassi non coprono i costi", aggiungono ancora i ristoratori. "Con il coraggio e lo spirito di sacrificio che sempre contraddistingue la nostra categoria abbiano scelto di voler continuare a regalare una serranda alzata in città, di voler essere vicini ai nostri collaboratori, per sopperire ad uno stato che ha lascito nell'incertezza centinaia di migliaia di lavoratori del settore".

Ciò nonostante numerose attività hanno riaperto i battenti, anche con il rischio di andare in perdita, specie nelle prime fasi di ripresa. "Ci siamo solo ritrovati con un pacchetto di promesse su promesse ancora non mantenute. A tutto ciò cosa si aggiunge l'incapacità della comunicazione politica. Mai ci saremmo aspettati una dichiarazione del vice ministro Castelli totalmente fuori focus", si legge ancora nella lettera aperta, dove l'attacco si estende anche alle strampalate manovre ideate dal governo Conte per far ripartire, almeno nei sogni dei giallorossi, l'economia del Paese."Da quando è cominciata l'era dell'impresa 4.0 avete propinato alle aziende digitalizzazione, robotica, e-commerce, app tecnologiche, ecologia, monopattini, delivery e tanto altro, ma nulla di tutto questo rappresenta l'essenza dei principi fondamentali della ristorazione fatta di ospitalità, accoglienza e relazione", attaccano ancora i ristoratori, tra i quali si insinua il sospetto di un progetto preciso da parte dell'esecutivo. "Ci volete vedere mangiare tutti davanti al Pc in smartworkig? Così siete liberi di ingabbiarci a casa e negli uffici e lasciare le città in balia del degrado e delle attività clandestine".

Come ricorda la categoria, la politica non è uno show, per cui"Caro ministro Castelli, non abbiamo bisogno di aiuti per cambiare modo di fare le nostre attività. Non si risolve il problema invitando aziende non convertibili a convertirsi in altro. Non sforzatevi ad analizzare il mercato che cambia nella domanda ed offerta, lo sappiamo fare bene anche noi".

Duro anche l'intervento di Matteo Salvini: " Da ieri incontro ristoratori, baristi e albergatori che mi dicono 'il vice ministro grillino Castelli è una cretina'. Hanno ragione. Non sono loro a dover cambiare mestiere, a differenza di troppi esponenti dell'attuale mal-governo", ha concluso il leader del Carroccio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cir

Dom, 19/07/2020 - 14:36

grande Castelli ! hai perfettamente ragione ! Il 60 % di loro deva cambiare mestiere .

Ritratto di alesan_48

alesan_48

Dom, 19/07/2020 - 14:36

COSTEI SPERA CHE I RISTORATORI ABBANDONINO IL LORO LAVORO IN MODO DA AVERE IL REDDITO DI CITTADINANZA.ALMENO SI Aspetta che LA DEBBONO RINGRAZIARE.

FRANGIUS

Dom, 19/07/2020 - 14:37

BANDA DI INETTI MANTENUTI DAL POPOLO ITALIANO.QUESTO FASULLO GOVERNO COMPOSTO DA NULLAFACENTI NON SANNO COSA VUOL DIRE GUADAGNARSI IL PANE CON TANTO SUDORE,VISTO CHE NON HAN MAI LAVORATO IN VITA LORO.E PURTROPPO NON SANNO NEPPURE COSA E' LA VERGOGNA !

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 19/07/2020 - 14:38

Ristoratori 3 quote rosa in salsa 5* ZERO. AMEN.

ST6

Dom, 19/07/2020 - 14:39

"ospitalità, accoglienza e relazione". Al ristorante si va per mangiare e non per sentirsi in un centro d'accoglienza. Bocciati

audionova

Dom, 19/07/2020 - 14:41

L'ITALIA CON IL DEBITO PUBBLICO CHE AVRA' ALLA FINE DELLA PANDEMIA NON SI RISOLLEVERA' MAI PIU',I NOSRI VICINI FANNO BENE A NON FIDARSI E NOI AD USCIRE DALLA UE,MEGLIO MORTI FUORI CON MONETA SVALUTATA CHE ATTIRA INVESTIMENTI CHE STARE DENTRO E MORIRE PIAN PIANO.ALMENO MORIAMO PER COLPA NOSTRA DOPO AVER PROVATO A SALVARCI,CON QUEL DEBITO DENTRO E' SICURO CHE CI MANGERANNOOGNI COSA.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 19/07/2020 - 14:42

L'incompentenza dei grillini alla 5 potenza stellata.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 19/07/2020 - 14:46

Le dimissioni sarebbero la cosa giusta,ma si sa, sono così attaccati alla poltrona da fregarsene di quello che dicono e dei danni economici causati dacché sono nelle compagini governative:dai blocchi delle infrastrutture, all'assistenzialismo col RdC,alle mancate casse integrazioni,per non parlare dei ritardi dei fondi erogati dall'INPS. Ovviamente nessun grazie vi è dovuto,anzi...

steluc

Dom, 19/07/2020 - 14:48

A fine anno il pil sarà a meno due cifre, e l’Italia cenerentola Ue.Disoccupazione boom, cig finita per molti,Inps in difficoltà. Ricetta degli scappati? Chiudete. Ricetta dei kompagni? Dentro i clandestini, meglio se col Covid. Ma al colle non cale.

roberto010203

Dom, 19/07/2020 - 14:48

l'alternativa al cambiare lavoro e' campare di sussidi. Ma voi destrorsi non eravate contro i sussidi statali?

maurizio-macold

Dom, 19/07/2020 - 14:51

State montando un caso inesistente. La Castelli ha semplicemente dichiarato che le persone che lavoravano nei ristoranti vanno aiutate a trovare una occupazione diversa.

INGVDI

Dom, 19/07/2020 - 14:54

La Castelli, l'Azzolina, il Di Maio assieme a tanti compagni stellati, rappresentano gran parte della popolazione, perlopiù giovane, del nostro Paese. Purtroppo se non crescono in cultura ed intelligenza non ci sarà speranza per il futuro. I più non se ne rendono conto: subiamo per colpa loro e di chi trae vantaggio dall'inganno coronavirus.

Mangia_Mangia

Dom, 19/07/2020 - 14:55

Non c'e' piu' bisogno di ristoranti in Italia perche' tra qualche anno si mangiera' solo kebobs e couscous.

uberalles

Dom, 19/07/2020 - 14:56

Sig.ra Castelli, magari faccia presente alla Sua collega FARO del M5S che, invece di piagnucolare per il ristorante del Parlamento chiuso la domenica, può consumare il pasto in un ristorante "a pagamento"... P.S: si intende pagando di tasca propria, ovvio!!

cir

Dom, 19/07/2020 - 14:59

ST6 Dom, 19/07/2020 - 14:39 Al ristorante si va per mangiare genuinamente e non per essere presi per i fondelli ai prezzi che decidono loro .il 60 % sono da far chiudere per legge.

Nick86

Dom, 19/07/2020 - 15:04

X cir 14,36 ....Dai, su, fai il bravo..vai a nanna, altrimenti niente biberon..PATETICO...

lorenzovan

Dom, 19/07/2020 - 15:06

ma fatevi uno shampoo con ste polemiche del nulla...

Ritratto di illuso

illuso

Dom, 19/07/2020 - 15:12

Pazzesco... resta il fatto che in democrazia la viceministro può dire ciò che pensa, il problema vero sono quelle milionate di elettori che l'hanno votata facendole guadagnare 15000 eurucci mensili percepiti sul groppone dei contribuenti parte dei quali sono anche i ristoratori.

Ritratto di pascariello

pascariello

Dom, 19/07/2020 - 15:16

Potrebbe cominciare lei a dare l'esempio, pensoche sul mercato potrebbe trovare molte occasioni anche se difficilmente guadagnerebbe come ora ...

Malacappa

Dom, 19/07/2020 - 15:18

Forse e'meglio che sia lei a cambiare lavoro

Sempreverde

Dom, 19/07/2020 - 15:21

Smarworking, CIG, reddito di cittadinanza, così fallisce l’Italia.

cir

Dom, 19/07/2020 - 15:37

Nick86 Dom, 19/07/2020 - 15:04 torna a fare il lavapiatti..

Venditore

Dom, 19/07/2020 - 15:43

Siamo alle solite. Tutti bravi a dire COSA fare, ma ce ne fosse uno che si preoccupa di dire COME farlo, in questo governo. Ovvio che quando dimezzano i clienti, per forza di cose dimezzeranno anche i fornitori e di conseguenza sopravviveranno forse quelli che hanno lavorato bene, mentre gli altri saranno destinati a chiudere bottega. Mi pare tuttavia semplicemente inconcludente proporre a questi ultimi di cambiare mestiere, a meno che non si sia disposti a scambiarlo con il proprio. Ma questa soluzione non passa certo per la mente di chi gode di un bel lavoro statale, pagato bene e a prescindere. Gente abituata a deridere chi non la pensa come loro, anche tra i commentatori di questo articolo, ma che si guarda bene dal condividere i problemi degli altri.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 19/07/2020 - 15:43

quella della signora è tipica della sinistra, il non rendersi conto cosa stia dicendo, e che cosa significhi! però c'è anche da dire che i ristoratori hanno fatto un GRAVE errore quello di votare per il M5S, credendo che essi possano liberarsi della politica cosi come la conosciamo! non c'è un altro meglio, può esserci sono uno peggio! e cosi è stato! :-) BABBEI COMUNISTI GRULLI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Market

Dom, 19/07/2020 - 15:54

Sig. CIR (mai pseudonimo più azzeccato per parlare, pardon straparlare, di ristorazione), probabilmente lei ha una simpatia particolare per dare ragione ad un viceministro che nemmeno i paesi più sottosviluppati si meriterebbero. La signora ha già dato ampio sfoggio delle sue incompetenze economiche e finanziarie, ma qua ha toccato il fondo e, mi consenta, il fatto è oggettivo.

maxfan74

Dom, 19/07/2020 - 15:56

Non ci sono scuse si deve dimettere. Non ha la minima idea di cosa costa investire nella ristorazione. Mai visto un Governo del genere è imbarazzante a livello nazionale ed internazionale.

lavitaebreve

Dom, 19/07/2020 - 15:59

PER GOVERNARE NON CI VOGLIONO PERSONE LAUREATE , CI VOGLIONO PERSONE INTELLIGENTI.

schiacciarayban

Dom, 19/07/2020 - 16:02

Se non c’é più domanda per risoranti,alcuni dovranno cambiare lavoro, il discorso in teoria è giusto.

mimmo1960

Dom, 19/07/2020 - 16:04

I politici sono al servizio dei cittadini non i cittadini al servizio dei politici, se ci sono problemi la politica li deve risolvere non crearli.

cir

Dom, 19/07/2020 - 16:06

Market Dom, 19/07/2020 - 15:54 :coglio : ho mangiato per 30 anni tutti i giorni al ristorante , purtroppo, tranne la domenica , e so benissimo distinguere la genuinita ' , il vecchiume nei cibi , il ristoratore onesto dal disonesto..guarda che non sono nato ieri..tu sarai senza dubbio quelli che guardano " i 4 ristoranti " e parlano poi di cucina..

Valvo Vittorio

Dom, 19/07/2020 - 16:12

Viene spontaneo chiedersi: è il lavoro che condiziona le esigenze della società o viceversa? Logica suggerisce che sono le esigenze della società che suggeriscono il lavoro. Un tempo si diceva che il lavoro occorre inventarlo secondo le esigenze di nuove scoperte. Così è nato il meccanico, il ristoratore ecc. A questo punto viene spontaneo chiedersi: il governo ha veramente bisogno di siffatto ministro? Viene spontaneo asserire di no.

pilandi

Dom, 19/07/2020 - 16:13

Bene, ma se nessuno entra nei ristoranti, che si fa? E' una peculiarità del consumismo, che voi appoggiate, che la domanda giustifichi l'esistenza dell'offerta, e se non c'è la domanda... Inoltre la Castelli ha detto che dovrebbero modificare il loro lavoro, che so, asporto ad esempio... Ci avete fatto 2 OO con la non possibile garanzia del posto fisso e adesso ve la rimangiate?

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 19/07/2020 - 16:17

maurizio-macold Dom, 19/07/2020 - 14:51 Lei è troppo fiducioso!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 19/07/2020 - 16:19

lorenzovan Dom, 19/07/2020 - 15:06 ma fatevi uno shampoo con ste polemiche del nulla... Lorenzo van perg,è del tutto inutile tirar il can per l'aia...

cgf

Dom, 19/07/2020 - 16:24

se si presenta al ristorante, mandatela alla camera che con 5 euro le danno caviale

Brutio63

Dom, 19/07/2020 - 16:52

Scarsezza a 5 Stelle, un misto di pochezza, arroganza e presunzione con adesso anche la paura di perdere i privilegi a cui si sono subito adattati, vedi la Trenta ed il suo alloggio di servizio. Per la Castelli, allieva del comico, unica possibilità seria è dare le dimissioni e cercare altro lavoro!

ItaliaSvegliati

Dom, 19/07/2020 - 17:08

Ricordatevi quando andate a votare....

Bebele50

Dom, 19/07/2020 - 17:51

maurizio-macold Dom, 19/07/2020 - 14:51. La Castelli si è rivolta ai ristoratori. Poi ti ricordo che riguardo ai camerieri è vietato licenziarli. Possono dimettersi ma sembrerebbe un licenziamento simulato. Ti rammento che alle società, come potrebbe essere per un ristorante, non è consentito chiudere. Per ultimo, che razza di lavoro potrebbero fare considerato che di lavoro non ce n'è?? A meno che intendi lavoro da reddito di cittadinanza.

treumann

Dom, 19/07/2020 - 17:55

Quando penso che questa banda di dilettanti allo sbaraglio, tenuti al guinzaglio da un ex-comico ormai bollito, ha in mano il governo di questo disgraziato paese mi viene solo da alzare lo sguardo al Cielo...

jaguar

Dom, 19/07/2020 - 17:56

La Castelli non ha colpe, prendetevela con chi l'ha votata e continuerà a farlo.