Dal catasto per la frutta alle spese per consulenti: le mance della manovra

Nuova manovra, nuova ondata di mance. La legge di Bilancio che il governo si appresta ad approvare ha al suo interno una serie di micro misure su diversi fronti

Dal catasto per la frutta alle spese per consulenti: le mance della manovra

Nuova manovra, nuova ondata di mance. La legge di Bilancio che il governo si appresta ad approvare ha al suo interno una serie di micro misure che vanno a chiudere il cerchio degli investimenti con le poche risorse rimaste dopo l'ok a Quota 100 e al reddito di cittadinanza. Si tratta di piccoli interventi che, come sottolinea ilSole 24 Ore, hanno il sapore di "mancia". I micro-Interventi previsti in manovra sono almeno 106. Mini stanziamenti che vanno in tutte le direzioni. Si va dai 100mila euro per combattere le plastiche monouso ai 250mila euro alla Fondazione Lincei per la scuola. Poi ci sono le erogazioni per alcune opere come ad esempio un milione e mezzo per il ponte che unisce Calusco e Paderno d'Adda, 3 milioni per l'aeroporto di Crotone e 5 milioni alla ferrovia Novara-Biella. Insomma l'assalto alla manovra c'è stato anche col governo gialloverde.

Tra le spese della manovra ad esempio ci sono anche un aumento del fondo decentrato per il Viminale (+7 milioni) e un altro milione diretto proprio al dicastero. Ci sono anche otto milioni per il fondo decentrato per i dipendenti del Fisco. Almeno 150mila euro per tre anni invece andranno ai consulenti Mef che dovranno occuparsi della vendita degli immobili di Stato. Almeno sessantamila euro poi sono stati stanziati per l'anniversario della scomparsa di Ugo Spirito. Due i milioni spesi, infine, per il Catasto della frutta.

Commenti