Cavalli denutriti costretti a correre nei concorsi

L'associazione Islander di Nicole Berlusconi denuncia i maltrattamenti sugli animali

«Cavalli denutriti, picchiati, sfruttati fino allo stremo, cavalli che non servono più lasciati morire di fame e di sete, animali ai quali hanno negato ogni tipo di cura». A denunciare gli inaccettabili maltrattamenti è Nicole Berlusconi, da sempre in prima fila per i diritti degli animali con la sua associazione Progetto Islander. Il 9 giugno scorso sono state postate su Facebook le foto di due cavalli gravemente denutriti, montati da due ragazze e pronti per partecipare a un concorso al Centro Ippico Brianteo a Lentate sul Seveso. Fortunatamente la giuria non ne ha permesso la partenza ed è seguita una denuncia alla Procura Federale. Immediata la polemica sui social mentre l'Associazione Progetto Islander, capitanata da Nicole Berlusconi, è stata sommersa da decine e decine di segnalazioni sulla discutibile attività della struttura da cui provengono gli sfortunati cavalli. Nel mirino i metodi del Centro Ippico Seprio Asd di Gornate Olona (Va), centro affiliato Fise e gestito da Luca Minorini istruttore Fise.

Le continue segnalazioni pervenute a Progetto Islander, tutte corredate da immagini che attestano la situazione gravissima in cui versano i cavalli, testimoniano che il Centro Ippico Seprio già in passato ha presentato in concorso cavalli in stato di denutrizione. Inoltre le indagini dell'Associazione hanno rivelato particolari agghiaccianti: sono circa un centinaio i cavalli presenti al centro, di cui più della metà in evidente stato di estrema magrezza. Non solo. Sembrerebbe che i cavalli nelle condizioni peggiori siano stati tenuti chiusi dentro a un capannone senza acqua e lasciati morire mentre ci sarebbero carcasse di cavalli e asini seppelliti all'interno della struttura. Tra le denunce l'uso di farmaci per coprire le zoppie e anche tranquillanti e altri farmaci per indurre i cavalli a performance che altrimenti non sarebbero in grado di sostenere.

«Lo scorso 14 giugno sono intervenuti sul posto sia le autorità sanitarie locali che i carabinieri che, parrebbe, abbiano posto sotto sequestro alcune aree ma non gli animali», afferma Nicole Berlusconi, presidente di Progetto Islander. «Auspichiamo che i veterinari dell'Asl di zona prendano i dovuti provvedimenti per il ripristino della legalità», prosegue Nicole Berlusconi che critica anche «i genitori che portano i loro figli in strutture che non hanno il minimo di rispetto per la vita di esseri viventi» invitandoli a denunciare eventuali abusi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Mar, 18/06/2019 - 09:45

Ora serve un congruo periodo di galera per i responsabili di questo schifo....

cgf

Mar, 18/06/2019 - 10:14

Spiace sentire di animali maltrattati, però a volte ci si fa prendere troppo dalla 'compassione', personalmente dubito fortemente che cavalli DESTINATI A CONCORSI siano denutriti, picchiati, sfruttati fino allo stremo, cavalli che non servono più lasciati morire di fame e di sete, animali ai quali hanno negato ogni tipo di cura. Come i visoni DI ALLEVAMENTO ammazzati a bastonate e lasciati morire in laghi di sangue. Come se poi il sangue venisse via dalla pelliccia, per la serie metto dei vermi dentro la farina prima di venderla.

Ritratto di venividi

venividi

Mar, 18/06/2019 - 17:52

E' vero, cgf, i suoi dubbi sono i miei. Spero che almeno in questo caso si tratti di informazioni non vere.