Centrodestra in testa a Roma e Milano: il sondaggio fa tremare la sinistra

I cittadini vogliono liberarsi dalla Raggi e da Sala: il centrodestra è in vantaggio nelle due grandi città. Ora scatta il panico totale nel Pd e nel M5S

Centrodestra in testa a Roma e Milano: il sondaggio fa tremare la sinistra

La partita delle elezioni Amministrative resta apertissima, ma una prima linea generale sembra essere stata già tracciata dagli ultimissimi sondaggi. Da una parte il centrodestra si riunirà tra poche ore per ufficializzare i prossimi candidati sindaci; dall'altra il centrosinistra va in ordine sparso tra scelte "spezzatino" e alleanza con il Movimento 5 Stelle a intermittenza. Eppure le consultazioni locali che si terranno tra settembre e ottobre 2021 hanno un'importanza notevole, anche perché si voterà in città molto importanti come Bologna, Milano, Napoli, Roma e Torino. E i risultati avranno inevitabilmente dei riflessi sullo scenario politico internazionale. Ecco perché c'è grande attenzione per ogni singola mossa: vincere in queste grandi città significa mettere il timbro in vista delle prossime (imminenti o lontane?) elezioni nazionali.

Centrodestra avanti a Roma

La partita della Capitale è probabilmente quella più complessa. Al momento i tre candidati big sono Roberto Gualtieri per il Partito democratico (deve passare prima per le primarie), Virginia Raggi per il Movimento 5 Stelle e Carlo Calenda per Azione. Manca all'appello quello del centrodestra, che deve ancora decidere su quale profilo civico puntare. La coalizione - salvo ripensamenti - sarà chiamata ad affidarsi a Enrico Michetti (noto avvocato e opinionista radiofonico di Roma) o Simonetta Matone (magistrato ed ex sostituto procuratore al Tribunale dei minori di Roma).

Eppure dai sondaggi emerge che il centrodestra, seppur con un "candidato fantasma", sia in vantaggio rispetto all'ex ministro dell'Economia del governo Conte bis. A testimonianza di quanto sia impellente la voglia dei romani di liberarsi dopo cinque anni di amministrazione targata Virginia Raggi. Secondo le rilevazioni Tecne per Quarta Repubblica, programma condotto da Nicola Porro su Rete 4, la situazione è la seguente: centrodestra avanti al 35%, seguito da Gualtieri al 32%. Più distaccati invece la Raggi (17%) e Calenda (14%). Gli altri candidati non superano il 2%.

E anche a Milano

Pure a Milano il quadro è simile. Il centrosinistra punterà ancora su Giuseppe Sala, mentre il centrodestra e il Movimento 5 Stelle devono ancora scegliere il proprio candidato. In questo caso il ventaglio di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia è più ampio: tra le varie carte figurano quelle di Oscar di Montigny, Annarosa Racca, Riccardo Ruggieri e Fabio Minoli. Anche a Milano c'è voglia di cambiare: il centrodestra è in vantaggio al 46%, mentre Sala è al 43%. Fuori partita i grillini, che si fermano al 7%. Gli altri candidati vengono dati al 4%.