C'era una volta l'ordine globale made in America

C' era una volta l'Ordine Mondiale. E con lui il suo cardine Occidentale chiamato America. Con Donald Trump quell'era è definitivamente tramontata. La responsabilità non è solo sua. Lo sgretolamento dell'Asse Atlantico incomincia parallelamente al crollo di quell'asse sovietico di cui era l'antitesi. Ma i due presidenti che ne accelerano bruscamente lo smantellamento sono Obama prima e Trump poi. Due presidenti all'opposto come personalità e linea politica, ma identici nell'anteporre gli impegni con gli elettori a quelli internazionali. Nel 2010, rispettando le promesse di due anni prima, Obama lascia l'Iraq senza aver debellato un terrorismo alqaidista pronto a risorgere sotto forma di Stato Islamico. Trump oggi fa lo stesso. A due anni dall'elezione lascia la Siria e riduce al lumicino la presenza in Afghanistan. Stavolta però il passo è ancor più decisivo. Ad annunciarlo è, infatti, il presidente che ha relegato ad un ruolo secondario una Nato cuore e simbolo per quasi 70 anni dell'alleanza occidentale. Ma non solo. Con l'addio a Siria e Afghanistan Trump rinuncia in un colpo solo a combattere il terrorismo islamista, a contrapporsi alla Russia, a proteggere d'Israele e a contrastare l'Iran. Il tutto senza contare il compiuto addio al fronte del Pacifico già avviato da un Obama permettendo alla Cina di acquisire il controllo delle principali rotte marittime, di dotarsi di un esercito sempre più potente e di diventare la nuova potenza coloniale dell'Africa impossessandosi delle sue materie prime. Un arretramento a dir poco vertiginoso proseguit, però, anche con l'attuale amministrazione. Interessato a difendere solo la superiorità commerciale degli Usa Trump si è dimostrato indifferente alla necessità, ribadita più volte dal dimissionario Jim Mattis, di garantire i propri interessi non solo con la deterrenza di un'armata invincibile, ma anche con strategie basate su un solido e concorde sistema di alleanze. Così oggi l'America di Trump si ritrova, paradossalmente, con la più potente macchina da guerra della storia parcheggiata in un angusto cortile di casa. Una macchina invincibile e ineguagliabile, ma priva di guida strategica. E difficile da muovere sull'asse terrestre per la mancanza di alleati pronti a condividerne la potenza. In sostanza una macchina invincibile, ma anche invisibile. E incapace, dunque, d'impaurire gli avversari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ohibò44

Sab, 22/12/2018 - 18:05

L’ordine globale made in America è stata la salvezza dell’umanità quando dall’altra parte c’era l’URSS, quando il disordine si chiamava comunismo e, ancor prima, quando si chiamava nazismo. Nell’89 è crollato il muro e gli americani, che a stabilire l’ordine ci avevano provato gusto, hanno inaugurato i regime change. Be’, che l’era dei regime change sia finita a me non dispiace: non li accetto dalla UE perché dovrei accettarli dagli USA?

ohibò44

Sab, 22/12/2018 - 18:11

Oggi l’unico che combatte seriamente il terrorismo è Putin che sa bene cosa significhi (leggi Cecenia) gli Stati Uniti fanno solo geopolitica: in Siria volevano mettere un uomo a loro gradito ed erano disposti ad accettare l’aiuto dei terroristi. L’Afghanistan è irriformabile.

ohibò44

Sab, 22/12/2018 - 18:14

In quanto alla Cinafrica forse dovrebbe essere il coacervo finanziario chiamato UE a doversene preoccupare

GGuerrieri

Dom, 23/12/2018 - 00:47

La storia delle relazioni internazionali ha una costante:quando il costo del mantenimento di una posizione "imperiale" supera i benefici, la potenza di turno inizia a decadere. Questo è valso per la grande Spagna asburgica, ed anche per l'Impero Britannico. Trump lo ha compreso. Ed è in quest'ottica che sta anche togliendo gli USA dal ruolo di motore della globalizzazione ultra-liberista, riscoprendo il protezionismo.