Che danni negare il liberismo pure nei vaccini

Se la questione dei vaccini si affrontasse con una mentalità economica, si dovrebbe permettere la loro vendita sul libero mercato.

Se la questione dei vaccini si affrontasse con una mentalità economica, si dovrebbe permettere la loro vendita sul libero mercato. La questione è di principio, ovviamente, e non solo. C'è anche una ragione più pragmatica: oltre a limitare le libertà dei cittadini, le democrazie occidentali, tra poco dovranno ampliare le loro tassazioni, per porre rimedio alle spese senza copertura (più o meno efficienti, a seconda degli Stati) sostenute fino ad oggi. Dunque la Bestia statale, tra poco sarà più affamata di prima. E ciò avverrà, precisamente quando riterremo di esserci salvati dal virus. Una disdetta.

La seconda considerazione riguarda una distribuzione ottimale di un bene scarso (il vaccino) con una richiesta elevata: un principio che si applica anche ai beni essenziali.

Come si sa la nostra Costituzione e i principi accettati dalle liberaldemocrazie, con sfumature socialiste, dell'Europa continentale, «tutelano (non garantiscono) la salute e garantiscono (queste si) cure gratuite». Motivo per il quale un fumatore viene operato e un grande alcolista assistito. La somministrazione del vaccino, se ritenuta unica cura per scampare alla malattia, può ben dunque, al pari di altri medicinali, essere assicurato senza costi o a prezzi calmierati. Anzi, dal punto di vista strettamente economico, l'immunità di gregge, avrebbe degli effetti positivi che travalicano l'interesse del singolo. Come l'istruzione rende un paese più ricco, così l'immunità dal Covid può permettere ai cittadini di riprendersi le loro libertà e per questa via, accrescere il benessere collettivo.

Resta però il nostro punto di partenza: perché non permettere ai ricchi, ai più paurosi, a coloro che preferiscono un vaccino ad un telefonino di ultima generazione, di impiegare, liberamente, i propri quattrini per farsi pungere in anticipo? Somministrazione di massa e quota riservata per chi voglia pagare non confliggono, ma come avviene spesso nei beni pubblici, se non si fa ideologia, convivono.

I vantaggi sarebbero importanti. Nessuna redistribuzione del reddito è più sana di quella decisa individualmente. I prezzi, per un economista e non per i nostri azzeccagarbugli, sono banalmente una formidabile informazione. Il prezzo del vaccino è quanto un singolo è disposto a pagare per assicurarsi una dose. È l'espressione della sua appetibilità. Un bene costosissimo che nessuno vuole, resterà invenduto. Grazie ad un po' di mercato, le finanze potrebbero incamerare risorse che poi verrebbero utilizzate per finanziare i vaccini gratuiti a chi non può permetterseli. Secondo voi i miliardi di euro che verranno spesi per la vaccinazione di massa, sono gratis? Macché li pagheremo con le nostre tasse in futuro. Perché non mettere in vendita oggi una porzione di vaccini per fare cassa e così redistribuire le risorse volontariamente tra chi ha e chi non ha?

Con l'effetto secondario, ma fondamentale, che si verrebbe a creare un'industria efficientissima e veloce, perché legata all'interesse economico, nella somministrazione del siero ai paganti.

Qualcuno, come sempre, potrebbe obiettare che la cosa sarebbe ingiusta. Posto che le categorie più fragili verrebbero subito vaccinate, anche nella nostra proposta, ci sarebbe certamente un buon numero di privilegiati che salterebbe la fila, ma pagando. Si tratta anche qui di una trappola logica e socialista.

Chi ha stabilito le priorità? Abbiamo deciso che i primi saranno i medici: ma quali? Si potrebbe dire molto su coloro che sono davvero a rischio. I 350mila operatori sanitari che a ieri erano stati vaccinati sono effettivamente i più bisognosi? E perché non il personale che sta nei supermercati? E i professori a scuola? O i tranvieri. Ognuno di loro potrebbe accampare una qualche ragione di priorità. E perché discriminare per professioni. Potremmo discriminare per rischio: conosciamo così poco della malattia, che ancora non siamo certi se vaccinare prima tutti i diabetici o i sovrappeso. Dal punto di vista sociale, come alcuni sostengono, si sarebbero dovuti vaccinare prima i giovani. Oppure avremmo dovuto vaccinare i 4milioni di ultraotantenni per primi, così da ridurre del 60 per cento la mortalità, già bassa, della malattia.

Insomma quello che vogliamo sostenere è che la lista della priorità oggi imposta è comunque arbitraria. Se non spesso casuale. Il criterio del reddito è un criterio come tanti. Che il moralismo socialista considera il peggiore: perché i ricchi devono comunque piangere.

Ma questi folli, quelli che attaccano i liberisti con il cocktail il mano alla Der Kommissar, non si rendono conto che a piangere saranno in questo modo sempre i più sfortunati. Il vaccino gratuito alla fine graverà sulle loro tasche come su quelle del milionario, a cui avremmo potuto togliere, con il sorriso, un bel po' di quattrini facendolo vaccinare in anticipo.

Ma in un paese cattolico e socialista come questo, ragionamenti logici ed economici come questo non sfonderanno mai.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.