"Chi ha consigliato di non vaccinarsi si sottrae al confronto con i medici"

Antonella e la morte per meningite della figlia: "Ho dato retta a un medico. E ora non ho pace"

"Mentre le accarezzavo la fronte, le chiedevo perdono per non averla vaccinata". Non riesce a trattenere le lacrime mamma Antonella mentre ricorda gli ultimi istanti di vita della figlia, morta a causa di una meningite fulminante. Antonella Salimbene vive a Casalmaiocco, nel Lodigiano, insieme al marito e ai suoi due figli, Alessia e Francesco.

La sua terza bambina, Azzurra, è morta il 20 marzo 2014. Dopo averle somministrato i vaccini obbligatori, la pediatra le sconsiglia di vaccinare la figlia contro la meningite: "Se non va all'asilo - le aveva detto - non ce n'è bisogno". Antonella si fida della dottoressa ma a distanza di 11 anni si pente profondamente di quella scelta. "Andai a prendere Azzurra a scuola perché aveva mal di testa e qualche linea di febbre". A nulla serve l'antipiretico. La mattina seguente Azzurra continua a stare male.

"Quando sono andata a portare la sorellina all'asilo, ho lasciato Azzurra con mia madre. Al ritorno a casa, mia figlia aveva vomitato". Mamma Antonella attribuisce il sintomo all'influenza. Ma Azzurra non riesce a stare in piedi e dal divano al letto, appena pochi passi, "sembrava ubriaca, è andata a sbattere contro il muro". A questo punto Antonella si rende conto della gravità della situazione perché Azzurra non dà più segni di vita. Una volta in ospedale, la diagnosi terribile: "Sua figlia ha la meningite". È in quel momento che Antonella ricorda di non aver vaccinato la figlia contro questa grave malattia che colpisce il sistema nervoso. Alle ore 19 del 20 marzo 2014 Azzurra muore e da quel momento Antonella vive con un profondo senso di colpa: "Io voglio dire di vaccinare. I bambini non meritano di morire per le nostre scelte sbagliate".

Della stessa opinione è il dottor Roberto Burioni, professore ordinario di microbiologia e virologia presso l'ospedale San Raffaele di Milano. "I vaccini sono sicuri e fondamentali per proteggere i bambini da malattie pericolosissime". Il dottor Burioni si batte, anche sulla propria pagina Facebook, contro certe teorie, non scientificamente provate, secondo cui le vaccinazioni, in particolare il vaccino MPR (morbillo, parotite e rosolia), sono la causa dell'autismo. Primo sostenitore di questa tesi è Andrew Wakefield, medico radiato dall'ordine e regista del docu-film Vaxxed, dall'occultamento alla catastrofe. "La scienza afferma che tra vaccini e autismo non c'è nessuna correlazione - afferma il dottor Burioni - la scelta di non vaccinare ricade prima di tutto sui loro figli perché queste teorie sono false. Chi non vaccina i propri figli non solo mette in pericolo loro ma anche i figli degli altri e tutta la società".

Di tutt'altro parere è invece Jean Paul Vanoli che, dal suo sito internet, porta avanti la battaglia antivaccinista. Per lui i vaccini sono soltanto una fonte di guadagno per le case farmaceutiche e non servono invece a proteggere le persone da virus, anche letali.

Una teoria per nulla suffragata da ricerche scientifiche tanto che alla richiesta di porgergli alcune domande in merito al suo discutibile pensiero, il sedicente esperto pretende di scegliere gli argomenti da trattare. Ovviamente ci rifiutiamo.

Gli ultimi dati diffusi dal ministero della Salute confermano però che tra gli italiani e le vaccinazioni il rapporto è conflittuale.

Le coperture vaccinali, riferite al 2015, evidenziano un andamento in diminuzione in quasi tutte le regioni. Particolarmente preoccupanti sono i dati che riguardano i vaccini contro il morbillo e la rosolia. In due anni, dal 2013 al 2015, le coperture sono scese dal 90,5 all'85,3 per cento. E il calo è costante. (GUARDA IL VIDEO)

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Sab, 05/11/2016 - 23:20

Ah si? A quanto pare il vaccino per la meningite copre solo uno dei tre ceppi. Inoltre nessuno è anti-vaccino, ma si chiede semplicemente che vengano somministrati in maniera sicura.

il_viaggiatore

Sab, 05/11/2016 - 23:46

Io da adulto ho fatto il vaccino per la A C W135 Y e B. Totale spesa circa 100€. Costa meno del funerale. Idem per i figli. E no, gli antivaccinisti sono anti e basta. Sono semplicemente paladini del caos e del regresso.

belmoni

Dom, 06/11/2016 - 00:07

Esatto, basta fare terrorismo psicologico!!! il vaccino per la meningite copre solo i ceppi che COMUNQUE non sono mortali, per il ceppo fulminante NON c'è vaccino che tenga! mettetevelo bene in testa, ma soprattutto INFORMATEVI CON LA VOSTRA TESTA!! e poi dopo sarete in grado di fare una scelta CONSAPEVOLE non fermatevi ai consigli dei medici, le case farmaceutiche hanno interesse perchè le persone si ammalino!!! non che restino in salute! Basta strumentalizzare la salute in particolare dei bambini facendo terrorismo psicologico! I vaccini sono sempre stati un grande BUSINESS!

linoalo1

Dom, 06/11/2016 - 08:12

Poveri Genitori Ignorantoni!!!Una Notizia del genere,andrebbe divulgata a grandi lettere per mesi e mesi,in modo che gli Ignorantoni Antivaccino,sappiano a cosa vanno incontro!!!Molto probabilmente,se i loro figlioli avessero potere decisionale,sarebbero più Saggi dei Propri Genitori!!!Genitori Ignorantoni,losapete che ,qualsiasi medicinale,può avere degli Effeti Collaterali anche gravi e mortali???Se non fate vaccinare i Vostri figli,per coerenza,non dovreste mai più curarli con un Farmaco,perchè potrebbe essere pericoloso,anche se tutto il Mondo lo usa!!!!Personalmente,a chi non è vaccinato,vieterei la libera circolazione!!!E' troppo alto il rischio che corre lui stesso e,di conseguenza,la gente attorno a lui!!!Pensateci bene!!!Raffreddore ed Influenza,ne sono un classico esempio!!!!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 06/11/2016 - 08:13

Chi sarà stato quel fesso che per primo ha provato su se stesso il vaccino che aveva "inventato". Purtroppo nella casistica di milioni di vaccinati può capitare una "defaillance" e basterebbe chiederlo a quei milioni di persone che vivono nella miseria ovvero non hanno due spiccioli da investire nella salute. Solo certe popolazioni isolate dal resto del mondo e che potevano vivere come in una cella incontaminata dalle infezioni inoculate da alieni e che nella loro evoluzione si sono auto immunizzate possono dire no alle vaccinazioni. A mali estremi estremi rimedi.

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Dom, 06/11/2016 - 08:21

E il perche' e' molto senplice: tutti gli sudi sui vaccini sono finanziati dai colossi farmaceutici; ai miei tempi quando si era malati si stava a casa finche' non si guariva; non ci si imbottiva di medicinali e/o vaccini; specialmente quelli nuovi non sono testati abbastanza, hanno effetti collaterali ignoti e spesso pericolosi, e soprattutto non garantiscono l'immunita' dalla malattia da cui vogliono proteggere

quell'io

Dom, 06/11/2016 - 08:40

In un paese serio alcuni vaccini dovrebbero essere obbligatori e altri non dovrebbero neppure essere considerati ma come sappiamo la salute è una cosa seria ma può essere anche un affare!

gnamen

Dom, 06/11/2016 - 09:11

Giusto ITALIA NOSTRA cj vogliono propinare la favola che sono un toccasana. Mio nipote morì per esavalente sotto i miei occhi. In Toscana il piu alto numero di vaccinazione contro meningite ciò nonostante ha il più alto numero di malati da meningite (pare) ...è di poco fa la notizia di u ragazzo che ha contratto la meningt ed era già vaccinato

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 06/11/2016 - 10:13

gnamen - Mi dispiace molto per la notizia. Purtroppo non la gente si limita ad etichettare e basta, ma bisognerebbe vedere quello che in realtà succede dietro al commercio di questi vaccini e come vengono propinati. Il CDC negli Stati Uniti (Centro per il controllo malattie) ora è sotto indagine del congresso degli Stati Uniti proprio per aver offuscato dati relativi agli effetti di certe somministrazioni. In alcuni casi, i maschietti (più colpiti a quanto pare) non dovrebbero riceverlo prima dei tre anni, ad esempio, ma la campagna va avanti ad oltranza ed i casi di autismo (malattia pressoché inesistente prima dei vaccini) dilagano a macchia d'olio. Cordialità.

Ritratto di Riky65

Riky65

Dom, 06/11/2016 - 10:44

Senza considerare che nuovi ceppi "alieni" stanno arrivando dal sud del mondo in quantità industriale!!! Non sono controllabili dai pochi medici che si prodigano nel primo contatto con la marea umana in arrivo sulle nostre coste!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 06/11/2016 - 10:58

In Italia si dispone attualmente di un vaccino tetravalente( sierogruppi batterici A+C+Y+W1359), di vaccini olisaccaridici monovalenti (sierogruppo C). Dal 2013, inoltre è disponibile un preparato che consente l'immunizzazione contro il siero gruppo B: E questo solo per quanto riguarda la meningite meningococcica. Ti risparmio quelli indicati nelle altre forme batteriche... Mai affidarsi al "a quanto pare". Ma a testi di infettivologia possibilmente recenti.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 06/11/2016 - 11:12

#cokieIII- 08:21 A questo punto non sussistono più dubbi sulle cause che hanno portato al decesso della bambina. Non è stata a casa sino alla guarigione...Mai pensato di candidarti a direttore del reparto infettivi del Gaslini?

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 06/11/2016 - 11:22

"Il vaccino per il morbillo sarebbe la causa della Sindrome di Kanner, meglio nota come: autismo. Questa la sentenza emessa dal Tribunale di Rimini che ha condannato il ministero della Salute a risarcire la famiglia del piccolo B.V., riconoscendo un nesso di causalità tra il classico vaccino trivalente (contro morbillo, parotite e rosolia) a cui venne sottoposto nel 2004 e l’autismo insorto successivamente. Ed è immediato lo scontro fra giustizia e medicina."Lo scontro è stato talmente immediato che sono perfino ricorsi in appello, nella speranza che il tutto si risolvesse a favore del Ministero della Salute. Ma purtroppo per loro l'appello è stato respinto. È vero, mai fidarsi del 'quanto pare'.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 06/11/2016 - 11:27

Ma soprattutto, andando in rete potrebbe scoprire che esiste il “Memo di Simpsonwood” , un rapporto redatto nel 2000 durante un convegno medico negli Stati Uniti, indetto dal CDC (Center for Disease Control), dal quale risulta che sia gli immunologi sia le case farmaceutiche fossero perfettamente a conoscenza, già da allora, del legame fra vaccini contenenti mercurio e autismo.

squalotigre

Dom, 06/11/2016 - 12:36

Italia Nostra - per quanto riguarda l'efficacia del vaccino sui vari ceppi batterici le ha risposto in maniera efficace il collega Memphis35. Per quanto riguarda l'autismo provocato dalla somministrazione dei preparati non sto a ripeterle che dal 1992 l'etilmercurio non viene più utilizzato, neanche nella quantità infinitesimale che assolutamente non aveva alcun effetto sul sistema neurologico. L'autismo sconosciuto prima dei vaccini? Ma per favore!!! Smetta di dare notizie false che non hanno alcuna base scientifica e che sono frutto di dicerie pericolosissime per la salute pubblica. La somministrazione dei vaccini ha salvato e salva le vite di milioni di persone e il vero appunto da muovere alle case che lo producono è quello di non diffonderlo a prezzi contenuti o addirittura gratis in quei paesi che non possono permetterselo. Continuare con la solfa dell'autismo è CRIMINALE.

ffranchi

Dom, 06/11/2016 - 13:16

Perché non avete anche scritto che in Italia nel 2016 ci sono stati 6 casi di meningite acuta in vaccinati? E che non sono morti grazie ad una diagnosi precoce? Che in questo caso invece è stata fatta molto in ritardo? E che circa un mese fa un bambino siciliano è morto subito dopo la vaccinazione anti meningite? Leggo il giornale da 1000 anni, ne sono abbonato da diversi, eppure una sola volta ho visto un confronto alla pari tra tesi opposte su questo argomento. Ma voi non siete favorevoli ad un confronto alla pari, vero? Preferite non parlare delle migliaia di reazioni avverse gravi post vaccinali che avvengono ogni anno in Italia. Se vi invio un breve scritto riguardo alcune delle recenti frottole che ci raccontano gli espertoni, da voi tanto ascoltati, me lo pubblicate? Fabio Franchi (medico)

il_viaggiatore

Dom, 06/11/2016 - 15:45

La meningite fulminante tipicamente viene dal meningococco B. Per non giocare alla roulette russa, in famiglia siamo tutti vaccinati su tutti e cinque i ceppi possibili. Condoglianze, @belmoni, mi dispiace per Lei e per i suoi. Di che legno preferisce la bara?

il_viaggiatore

Dom, 06/11/2016 - 15:56

Le case farmaceutiche hanno interesse a vendere a prezzi stratosferici farmaci salvavita, non i vaccini. Ci guadagnano molto di più a tirare fuori dai guai una persona a rischio di vita piuttosto che a farti la punturina da 4 soldi. @ffranchi, non puoi essere un medico - se anche lo fossi andresti radiato immediatamente. Banda di capre, andate a studiare invece di esprimere pareri raccattati su pagine internet che nemmeno capite. No, non c'è libertà di stampa e non ce ne deve essere su questi argomenti. Su queste cose c'è la revisione tra pari, l'unica cosa che funziona nella scienza. Se avete qualcosa da dire, ditelo su un articolo scientifico su rivista specializzata con tanto di protocollo da controprovare oppure tacete.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 07/11/2016 - 08:53

Squalotigre - 1/5 - Redazione lo so che è lungo, ma il presente documento è di importanza fondamentale. Prego di pubblicare, Grazie. Tecnicamente, il “Memo di Simpsonwood” è la trascrizione letterale di tutto ciò che è stato detto durante un convegno medico indetto dal CDC nel giugno 2000, nelle vicinanze di Norcross in Georgia. (Il CDC, o Center for Desease Control, è l’organizzazione governativa americana che ha il compito di monitorare, prevenire ed eventualmente combattere la diffusione di malattie di qualunque tipo. E’, in altre parole, soprattutto una organizzazione di raccolta e diffusione dati sul pericolo e sulla diffusione delle malattie). Il “Memo di Simpsonwood” consiste di quasi 300 pagine dattiloscritte,

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 07/11/2016 - 08:54

2/5 Il MEMO DI SIMPSONWOOD – Passaggi scelti All’inizio del convegno i partecipanti si auto-presentano ai colleghi uno per uno. Poi vengono fatti discorsi introduttivi di vario tipo, ed infine si passa al sodo della questione: il Dott. Thomas Verstraeten, che al tempo lavorava per il CDC, presenta la sua ricerca insieme al Dott. Phil Rhodes, che lavorava per l’Ufficio Nazionale Statistiche. E molto presto iniziano ad emergere i problemi:

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 07/11/2016 - 13:01

3/5 (Pag. 40) Dr. Verstraeten: “Abbiamo trovato una relazione statisticamente significativa tra le esposizioni [ai vaccini] e gli esiti [di tipo autistico] per tre diversi tipi di esposizioni ed esiti. Nel primo caso [con la somministrazione] a due mesi di età, c’era un non specificato ritardo nello sviluppo, che ha il suo codice ICD9 specifico. Per l’esposizione a tre mesi, tic nervosi. Per l’esposizione a sei mesi, sindrome da deficit di attenzione. Esposizione a 1, 3 e 6 mesi: ritardi nel linguaggio e nella parola, con due codici ICD9 separati. Esposizione a 1,3 e 6 mesi: tutta la categoria di ritardi nello sviluppo neurologico, che include tutti questi disturbi più un certo numero di altri disturbi.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 07/11/2016 - 13:02

5/5 (Pag. 198) Dr. Johnson: “Questa associazione [fra vaccini e diagnosi di tipo autistico] mi porta a favorire la raccomandazione che i bambini fino a due anni non vengano inoculati con vaccini contenenti Timerosal, qualora vi siano valide alternative disponibili. Io mi occupo di rapporti di causalità, e mi sembra abbastanza chiaro che i dati non siano sufficienti nè in un senso nè nell’altro. Se volete la mia impressione, la cosa mi preoccupa abbastanza. Chiedo scusa per questo commento personale, ma ho ricevuto una chiamata di emergenza, e mia nuora ha appena avuto un figlio nella sezione-C. E’ il primo maschio in famiglia della prossima generazione, e non voglio che questo mio nipote riceva nessun vaccino con Timerosal finchè non ne sapremo di più. Squalotigre, si aggiorni perché queste sono le parole dei suoi colleghi medici esperti nel settore!!

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 07/11/2016 - 13:02

4/5 (Pag. 42) Dr. Verstraeten: “Una cosa è certa: c’è sicuramente una sottovalutazione [di tutti questi dati] perché alcuni dei bambini semplicemente non sono ancora abbastanza grandi per poterli diagnosticare. Quindi il tasso crudo di incidenza è probabilmente molto più basso di quello che ci si può aspettare, perché la coorte è ancora molto giovane”. (Pag. 44) Dr. Verstraeten: “Parliamo dei ritardi nell’uso della parola, che è il disturbo più diffuso in questa categoria di ritardi di tipo neurologico. […] Il test generale del trend è altamente significativo, statisticamente, al di sopra di uno (cont).