Chi è Luca Casarini, l'ex no global dal G8 ai migranti

Luca Casarini, il leader dei "Disobbedienti" che animarono gli scontri di piazza durante il G8 del 2001, torna a far parlare di sè per la sua attività di salvataggio migranti con la nave Mare Jonio. Ultima tappa di una vita da contestatore

Chi è Luca Casarini, l'ex no global dal G8 ai migranti

Luca Casarini è come i gatti: è un uomo dalle sette vite. Lui che guidava il movimento no-global durante i tragici giorni del G8 di Genova del 2001, oggi è il capo della Ong che in queste ore è protagonista di un braccio di ferro con le autorità italiane per lo sbarco dei 50 migranti raccolti a poca distanza dalle coste della Libia con il suo rimorchiatore trasformato in una nave acchiappa-disperati. 52 anni ancora da compiere, la vita da contestatore di Luca Casarini inizia da molto lontano, precisamente dalla fine degli anni Ottanta. Dopo essersi diplomato perito termotecnico a Padova, la passione per la politica lo spinge a iscriversi a Scienze Politiche. Ma il ragazzo non ha molto tempo per studiare e tra il 1990 e il 1993, fra un'occupazione e l'altra, dà solo sei esami.

Centri sociali e scontri di piazza

Poco male. L'educazione ricevuta nei centri sociali "Pedro" di Padova e "Rivolta" di Porto Marghera lo spinge nelle piazze delle principali città del Veneto. Casarini è sempre lì, lancia in resta e pronto ad usare le mani se necessario, contro la polizia e i "maledetti fascisti". Nel 1999 tenta il grande salto nelle istituzioni che tanto contesta, ma la sua candidatura a sindaco di Padova gli porta appena l'1,4% dei voti. Ma lui non demorde e alla fine non gli dispiace più di tanto: al dialogo istituzionale preferisce il megafono. La ricerca del compromesso non gli piace e alla difesa preferisce l'attacco. A cavallo tra anni '90 e 2000 Casarini guida una lunga serie di azioni di protesta: i suoi bersagli sono i centri di permanenza temporanea, la flessibilizzazione del lavoro, le guerre in Afghanistan e in Iraq, i Treni ad Alta Velocità e le basi militari americane in Italia, su tutte la "Dal Molin" di Vicenza.

Il G8 e l'amicizia con Niki Vendola

Ma è durante il G8 che Casarini inizia a occupare le prime pagine dei giornali. Come portavoce del gruppo dei "Disobbedienti" diventa subito tra i leader del movimento no-global. Nei giorni che portano alla tragica morte di Carlo Giuliani, Casarini è sempre in testa ai cortei che spesso e volentieri affrontano le forze dell'ordine. Lo scontro gli piace e non fa nulla per nasconderlo. Ma poi la bolla si sgonfia e, insieme al movimento no-global, anche la buona stella di Casarini comincia a tramontare. L'ex Disobbediente deve trovarsi un lavoro. Nel 2009, al Corriere della Sera, racconta di essersi trasferito a Palermo e di avere aperto una partita Iva: "Mi occupo di consulenza sul marketing e design pubblicitario". La politica, però, gli rimane nel sangue. Amico di Niki Vendola, nel 2014 gli strappa una candidatura nella lista di sinistra radicale L'altra Europa con Tsipras. Candidato nella circoscrizione Italia centrale, prende circa 10 mila voti. Non abbastanza per conquistare un seggio a Bruxelles, ma sufficienti per diventare - nel 2017 - segretario siciliano di Sinistra Italiana.

Il matrimonio della figlia di Negri e la Mare Jonio

Anche da imprenditore (di se stesso), Casarini non ha cambiato le sue idee. E non dimentica gli amici. Come l'ideologo di alcuni movimenti della sinistra extraparlamentare Toni Negri, condannato a 12 anni di carcere per associazione sovversiva e concorso morale nella rapina di Argelato. Da privato cittadino, nel 2018, Casarini ha celebrato a Pantelleria - con tanto di fascia tricolore - il matrimonio della figlia di Negri, Nina, che ha sposato Marco. "Due amici carissimi. Sono stati loro a spiegarmi — aveva raccontato subito dopo la cerimonia a ottobre al Mattino di Padova — che un privato cittadino può sposare una coppia. E così l’ho fatto", riporta il Corriere della Sera. Fino all'ultima, pazza idea: la trasformazione di un rimorchiatore del 1971 in una nave di "ricerca e salvataggio": la Mare Jonio "Se siamo una Ong? No, piuttosto una piattaforma sociale. Questa nave deve diventare un simbolo. Se l’Italia e l’Europa chiudono i loro porti, chiameremo la popolazione a scendere in strada". E ora anche in mare. Il solito contestatore. Il solito Luca Casarini.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti