Il circolo mondiale dei negazionisti vip: macché epidemia, è una normale influenza

In Usa il presidente Trump e l'industriale Musk minimizzano il Coronavirus

«Falsità», «panico da stupidi», «il coronavirus non esiste». I negazionisti del Covid-19 non desistono nemmeno di fronte a un'Italia chiusa per emergenza e di terapie intensive a rischio collasso. Twittano, si immortalano in video selfie per «svegliare» i followers dal «terrorismo mediatico». Il virologo Roberto Burioni, attento controllore dei cinguettii diffusori di fake news sui social, ha risposto a Elon Musk, patron di Tesla, che ai suoi 32 milioni di seguaci su Twitter aveva scritto: «Il panico da coronavirus è stupido». Per molti l'imprenditore ha sminuito la portata dell'infezione nonostante anche la sua «patria d'affari», la California, ne sia stata colpita. «L'epidemia di babbei è già una pandemia», gli ha risposto Burioni. E con gli utenti che lo hanno attaccato in difesa di Musk, il virologo ha rincarato la dose: «Io ho fatto un millesimo di quello che ha fatto questo babbeo: ho studiato molto la virologia. Lui con tutti i suoi soldi no». Del resto Burioni ha risposto, sebbene in toni più garbati, anche al presidente degli Stati Uniti Donal Trump che sul Covid-19 aveva twittato: «Quindi l'anno scorso 37.000 americani sono morti per l'influenza comune. In media tra 27.000 e 70.000 all'anno. Niente è fermo, la vita e l'economia continuano». Il professore gli ha fatto notare: «Signor Presidente, mentre tutti gli americani hanno un certo grado di immunità contro l'influenza stagionale, non esiste alcuna immunità contro questo nuovo coronavirus. Il virus è pericoloso, si diffonde molto rapidamente e penso che sottovalutare questa malattia infettiva sarebbe un errore mortale».

E poi ci sono personaggi di casa nostra, che scatenano l'indignazione collettiva. Come l'uscita video su Facebook della ex showgirl Eleonora Brigliadori che si cimenta su teorie di complotti americani e ai suoi followers parla così: «Che ci fosse l'America dietro tutto questo, era già chiaro a molti di noi!». E ancora: «I contagi ci sono sempre stati, non c'è niente di nuovo tranne la volontà di creare terrorismo». È bene ricordate che l'Organizzazione mondiale della sanità ha più volte ribadito che «a livello globale si arriva al decesso in circa il 3,4% dei casi di Covid-19. Per fare un confronto, l'influenza uccide meno dell'1% degli infetti».

E fanno discutere anche le dichiarazioni del presidente della casa del caffè Hausbrandt, Martino Zanetti, che ieri ha commentato la situazione italiana così: «Il Coronavirus non esiste, se questa è una pandemia allora ce l'abbiamo tutti gli anni. È una falsità palese costruita dal governo francese per sabotare i progetti di Via della Seta fra Pechino e Venezia. Ai miei collaboratori consiglio di viaggiare e muoversi liberamente senza preoccupazioni».

Alla fila si è aggiunto ieri anche Helmut Marko, ex pilota e ora consulente di Red Bull: «È come un'influenza. Per la maggior parte, le persone muoiono di vecchiaia con malattie preesistenti. Dobbiamo contrastare la paura dei politici e non sostenerli».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

scurzone

Mer, 11/03/2020 - 17:38

Anch'io pensavo allo stesso modo, ma mi sono ricreduto: purtroppo è piu' pericolosa di una semplice influenza! E se non diminuiscono i casi cadiamo in emergenza sanitaria.

Ritratto di Trinky

Trinky

Mer, 11/03/2020 - 18:08

Vuoi vedere che Trump adesso farà costruire qualche altro muro per separare gli ammalati dai sani?

GuglielmoCrollalanza

Mer, 11/03/2020 - 19:02

Il Mexico sollecita il governo americano affinchè finisca il muro in tempi rapidi

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 11/03/2020 - 19:37

Stare chiusi in casa a respirarsi aria viziata peggiora le cose.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 11/03/2020 - 19:44

La guarigione avviene quando i globuli bianchi sono di più dei virus. Dunque respirare aria piena di virus peggiora la malattia. Meglio respirare aria fresca, normalmente sterilizzata dai raggi solari. Se non si può aprire la finestra dal freddo oppure dall'inquinamento come in Cina conviene mettere in casa una lampada a raggi UV, come quelle per fulminare le zanzare, tanto per intenderci.