Cos'è la Commissione contenziosa del Senato. E cosa succede adesso

Ecco cos'è e da chi è composta la Commissione contenziosa del Senato, che ha annullato il taglio dei vitalizi agli ex senatori

Cos'è la Commissione contenziosa del Senato. E cosa succede adesso

Il taglio dei vitalizi non ci sarà. La delibera del Consiglio di presidenza del 16 ottobre 2018, che aveva deciso di tagliare i privilegi agli ex senatori, è stata annullata. A inserire la retromarcia è stata la Commissione contenziosa del Senato, un organismo chiamato a esaminare i ricorsi presentati dai senatori.

La Commissione, prevista dall'articolo 72 del Testo unico delle norme regolamentari dell'Amministrazione riguardanti il personale del Senato della Repubblica, ha il compito di decidere sui "ricorsi presentati dai dipendenti del Senato" contro gli atti dell'Amministrazione e sui ricorsi presentati contro gli atti amministratitivi del Senato.

All'inizio di ogni legislatura vengono nominati i membri della Commissione, composta da tre senatori e da altre 4 persone (due per ogni sezione). I tre senatori vengono scelti dal presidente del Senato tra i senatori in carica, esperti in materie giuridiche, amministrative e del lavoro, che soddisfano alcuni requisiti: "magistrato, anche a riposo, delle magistrature ordinaria e amministrative, professore ordinario o associato d'università in materie giuridiche, anche a riposo, avvocato dello Stato, anche a riposo, o avvocato del libero foro".

Per decidere sui ricorsi dei dipendenti, vengono nomitati anche "un Consigliere parlamentare ed un dipendente scelto dal Presidente del Senato su una terna eletta da tutti i dipendenti di ruolo". Per le decisioni sui ricorsi sugli atti del Senato, invece, ai tre senatori si aggiungono "due membri, nominati anch'essi dal Presidente del Senato, scelti tra magistrati a riposo delle supreme magistrature ordinaria e amministrative, professori ordinari di universita' in materie giuridiche, anche a riposo, e avvocati dopo venti anni d'esercizio". La Commissione, quindi, è composta in tutto da 7 membri che, tutti insieme, eleggono presidente e vice presidente, scelti tra i senatori.

A decidere il taglio dei vitalizi, invece, sono stati 5 componenti della Commissione: i tre senatori e i due membri scelti per decidere sui ricorsi presentati dai senatori. Il presidente è Giacomo Caliendo, senatore, magistrato, di Forza Italia. Gli altri due senatori sono i leghisti Simone Pillon e Alessandra Riccardi, eletta col Movimento 5 Stelle e passata da poco al Carroccio. Poi ci sono i due membri nominati dal presidente del Senato.

Secondo quanto riferito dalle agenzie, che citano fonti parlamentari, ieri sera, due sono stati i voti contrari all'annullamento e tre i favorevoli. Per il "no" si sarebbero schierati i due senatori della Lega, Simone Pillon e Alessandra Ricciardi. La decisione presa dalla Commissione contenziosa riguarda solamente il Senato e il taglio dei vitalizi dei suoi ex dipendenti.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti