Conte si commuove in tv: "Il momento più duro? La lista dei morti"

Il presidente del Consiglio, ospite di Accordi&Disaccordi, si commuove in televisione quando gli chiedono qual è stato per lui il momento più difficile dall'inizio dell'epidemia

Giuseppe Conte si commuove in televisione, ospite del programma Accordi&Disaccordi, speciale di approfondimento politico condotto sul canale Nove da Luca Sommi e Andrea Scanzi.

Alla domanda dei due giornalisti al timone della trasmissione "qual è stato il momento più difficile dall'inizio della pandemia di coronavirus?", il presidente del Consiglio ha raccontato qual è stato. E si è visibilmente commosso spiegandolo ai suoi due interlocutori.

"In primis quando abbiamo dovuto per la prima volta disporre la zona rossa nella provincia di Lodi: dieci comuni, 50mila abitanti. E allo stesso modo la cintura rossa ha riguardato il comune di Vo' Euganeo. Una cosa mai successa dal dopoguerra ad oggi", ha detto l'inquilino di Palazzo Chigi. Ma è in seguito che il sedicente avvocato del popolo si fa prendere dall'emozione, riportando un altro momento assai duro per lui, il governo e tutto il Paese, con voce rotta e gli occhi lucidi.

Queste le sue parole: "E poi iniziare a vedere la lista dei decessi: quando ho dovuto confrontarmi con i primi decessi, abbiamo toccato con mano una ferita che, ho e abbiamo comprese, si sarebbe aperta sempre di più..". È qui che la commozione prende il sopravvento, come si può vedere nel video del suo intervento pubblicato dal Corriere della Sera.

Interviene allora Sommi, che capisce il momento e ringrazia il premier, salutandolo e ringraziandolo per aver partecipato all'appuntamento tivvù: "Grazie presidente, grazie davvero di essere stato con noi e le auguriamo buon lavoro". Quindi Scanzi: "Grazie presidente e in bocca al lupo". "Grazie a voi, buonasera", si è congedato infine il premier.

Coronavirus: il bilancio aggiornato

Secondo gli ultimi dati aggiornati, l'Italia rappresenta il secondo Paese al mondo per numero totale di casi di coronavirus confermati: sono 110.574. Il triste primato è degli Stai Uniti d'America, che sostanzialmente doppiano il Belpaese con 216.722 casi, 5.137 morti e 8.672 persone che sono guarite dall'infezione di Covid-19. Ecco su uno di questi due punti, però, l'Italia supera purtroppo gli States, visto che i decessi sono 13.155 e le persone che si sono fortunatamente riprese sono 16.847. Al momento, la Spagna è invece di poco dietro l'Italia, con 110.238 contagi totali, 26.743 ristabiliti e 10.003 vittime.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ziobeppe1951

Gio, 02/04/2020 - 17:23

Già dal 1 febbraio (dopo il decreto firmato e riportato sulla Gazzetta Ufficiale)...doveva dichiarare Comuni, Provincie, Regioni, zone rosse ..ciò non è stato fatto in quanto gli interessi erano molti, non per ultimo il festival di Sanremo

APPARENZINGANNA

Gio, 02/04/2020 - 17:37

Lo capisco e sul piano umano lo comprendo. Magari, però, se il 5 gennaio il ministero della salute sapeva già tutto, il governo poteva non aspettare marzo per prendere provvedimenti seri...

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Gio, 02/04/2020 - 17:43

Il momento più duro sarà quando il popolo italiano gli chiederà di giustificare il suo operato.

magnum357

Gio, 02/04/2020 - 17:46

Spieghi come mai non avevavano deciso di rimandare le elezioni regionali anteponendo invece i propri interessi politici alle esigenze sanitarie di un immediato intervendo già a metà gennaio ? Troppo comodo piangere adesso .............

Anticomunista75

Gio, 02/04/2020 - 17:57

ma per favore...

amicomuffo

Gio, 02/04/2020 - 18:02

adesso piangere non serve, dovevi pensarci prima!

Jon

Gio, 02/04/2020 - 18:03

I deceduti negli Usa, sono piu' di 30.000, mentre in Italia quelli riferiti solo al CoronaVirus, sono molto pochi, visto che normalmente ne muoiono in media 1800/gg, nel nostro Paese.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Gio, 02/04/2020 - 18:06

La scena madre di ogni sceneggiata prevede sempre le lacrime!

Ilsabbatico

Gio, 02/04/2020 - 18:09

Ma c'è ancora qualcuno che gli crede?

steffen

Gio, 02/04/2020 - 18:26

Le stesse lacrime di coccodrillo, che ebbe la Fornero, quando disse che gli Italiani, (non loro), dovevano fare grandi sacrifici! Non credo a quest'uomo, soprattutto per casalino, che lo consiglia e gli suggerisce cosa dire!

Popi46

Gio, 02/04/2020 - 18:52

Sai quanto gliene importa dei morti...., non ha faticato nulla per conquistare la poltrona, non gli costa nulla far finta...

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Gio, 02/04/2020 - 18:56

I COCCODRILLI, la FORNERO e CONTE hanno un comune denominatore: PIANGONO. Dopo aver fagocitato i disgraziati che sono finiti sotto le loro grinfie!

jaguar

Gio, 02/04/2020 - 19:02

Lacrime causate dalla poltrona traballante?

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Gio, 02/04/2020 - 19:22

Siparietto spontaneo come il "fuorionda" di Mattarella.

machimo

Gio, 02/04/2020 - 19:34

Per cosa si è commosso? Di sicuro non per i danni che ha combinato. Forse perché la merkel non gli ha negato l’abbraccio?

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 02/04/2020 - 19:35

Non credibile,assolutamente,classiche lacrime di coccodrillo per tacitare la plebe innervosita.

Ritratto di Marcateo

Marcateo

Dom, 05/04/2020 - 13:27

Sulla sincerità di Conte tutti scettici, eh? Sulla sincerità dello sventolarosari tutti credenti?