Politica

Conte vuole ministri politici Sulle banche: "Risarcire i truffati"

Il premier in pectore incontra una delegazione delle "vittime delle banche". Vertice anche col governatore di Bankitalia, Visco

Conte vuole ministri politici Sulle banche: "Risarcire i truffati"

Giuseppe Conte da domani si metterà al lavoro sulla lista dei ministri. Dopo il giro di conusltazioni di oggi, il premier incaricato ha deciso di incontrare una delegazione di alcuni correntisti truffati dalle banche: "Concluderò la giornata di oggi con una delegazione di risparmiatori che hanno sofferto per il default di alcune banche. Sono persone che chiedono il rispetto dei diritti e che il loro risparmio venga tutelato. Dirò loro che la tutela dei risparmi sarà uno dei principali impegni di questo governo del cambiamento: chi ha subito truffe o raggiri sarà risarcito". Poi, sempre Conte ha annunciato di voler incontrare il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco.

Il premier incaricato ha poi parlato della sua squadra di governo. Non ha indicato nomi ma ha dato un'idea su come potrebbe essere: "I ministri che proporrò, come il sottoscritto, saranno ministri politici. Persone che condividono obiettivi e programmi del governo del cambiamento, che abbiano dato prova di poter adempiere alle funzioni pubbliche che saranno loro affidate con disciplina e onore". Infine ha indicato una scadenza per comunicare la sua lista al Colle: "Sui tempi per la formazione del governo dedicherò l'intera giornata di domani ad una proposta da sottoporre al presidente della Repubblica". Intanto emergono già le priorità del governo. Conte avrebbe detto a Giorgia Meloni che in cima alla lista del programma c'è il reddito di cittadinanza. "Abbiamo cercato di capire quali sono le priorità del presidente del Consiglio, ma non ci siamo riusciti - ha raccontato la Meloni - il professore dice che deve confrontarsi con le forze politiche di maggioranza, e la prima proposta che ha citato è il reddito di cittadinanza, una di quelle cose su cui noi Fratelli d'Italia non siamo d'accordo". Da qui la chiusura di FdI. Insomma a quanto pare il percorso del governo è già scritto. E il premier "esecutore" metterà in atto la più discussa delle proposte pentastellate...

Commenti