Cosentino condannato nel "processo carburanti"

L'ex sottosegretario condannato in primo grado a 7 anni e 6 mesi per estorsione e illecita concorrenza

Nicola Cosentino

L'ex sottosegretario all'Economia, Nicola Cosentino, è stato condannato in primo grado a 7 anni e 6 mesi di reclusione per estorsione e illecita concorrenza nell'ambito del processo "carburanti".

Condannati anche il fratello Antonio a 5 anni e il fratello Giovanni a 9 anni e sei mesi. Prosciolta invece per prescrizione l'ex prefetto di Caserta Maria Elena Stasi.

Il processo li vedeva imputati per vari reati con l'aggravante mafiosa per le pressioni che i Cosentino avrebbero perpetrato affinché il comune di Villa di Briano negasse l'autorizzazione per un distributore di benzina all'imprenditore Luigi Gallo. Ordinata anche la confisca dei beni e delle quota della società di famiglia dei Cosentino la Aversana Petroli.

"Siamo fortemente perplessi: ritenevamo che fosse innocente e riteniamo ancora di più che sia innocente", ha detto il legale di Cosentino, Agostino De Caro, "Leggeremo la sentenza e ricorreremo senza alcun dubbio in appello".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di riflessiva

riflessiva

Mer, 15/03/2017 - 17:54

Una bellissima notizia . ma di che partito è ?? vietato saperlo?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 15/03/2017 - 17:57

Mamma mia, tutti sono dentro in qualcosa?

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Mer, 15/03/2017 - 17:57

Ok ho controllato. è di forza italia ora capisco perché non abbiate scritto il partito. l'informazione con fantasia

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 15/03/2017 - 18:17

Queste si che sono risorse...

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 16/03/2017 - 08:26

Ma Cosentino chi? Non sara` mica quel parlamentare del PdL attorno al quale i "centrodestra unito" fece quadrato quando si tratto` di concedere l'autorizzazione all'arresto per reati di criminalita` organizzata? Nooo, impossibile, il "centrodestra unito" non farebbe mai cio`, figuriamoci, stare dalla parte delle mafie? ma quando mai?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 16/03/2017 - 08:32

Un altro amico di zilvio, l'imprenditore del secolo che senza aiutini non sarebbe dove e'.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 16/03/2017 - 10:53

se in italia ci fosse una magistratura , vera , e non attivista , serva e al soldo del pci , ds , pd , in italia non ci sarebbe nessun politico di sinistra in libertà , tutti ingabbiati .