Dalle Ong all'Anpi alle star: ecco chi c'è dietro le sardine

Tutti pazzi a sinistra per il movimento, endorsement pure da Carola. In campo anche De Niro e Cunningham

Tutti pazzi per le sardine, il movimento che va tanto di moda. Per non parlare dell’asse sardine-Ong, che è passato in secondo piano. Il 3 dicembre, in occasione della manifestazione a Milano del giorno prima, i talebani dell’accoglienza di Sea watch Italy hanno scritto: “Ieri a Milano c’era il mare. Grazie” e accanto un cuore rosso. Sotto era postato il video di piazza del Duomo a Milano gremita di sardine fatto girare dalla Rete Italiana Antifascista. E il seguente proclama: “Milano non si lega. Sulle note di Bella ciao. La dedichiamo a (…) @CaroRackete @SeaWatchItaly e a tutti quelli che credono nei valori della costituzione e dell’antifascismo”. Magari un po’ meno nelle leggi come la capitana Rackete che non ha esitato a sfidare il divieto ad entrare in un porto e schiacciato una motovedetta della Guardia di Finanza pur di sbarcare i migranti recuperati al largo della Libia.

Non è un caso che l’ “eroina” tedesca, sempre indagata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e le sue spericolate manovre, ha appoggiato pubblicamente le sardine. Il 30 novembre la capitana coraggiosa commentava su twitter il filmato della manifestazione di Firenze inviando un cuoricino viola a chi “si sta organizzando contro l'estrema destra e si oppone alla loro ideologia”.

Francesca Totolo ha scoperto che fra gli organizzatori delle sardine di Milano spicca Fabio Cavallo, “un attivista della Rete nazionale antifascista”. Lo scorso giugno “ha aperto una raccolta fondi a favore della speronatrice Carola Rackete e della Ong Sea Watch, che ha raggiunto quasi 300mila euro”.

I primi sostenitori delle sardine sono i partigiani dell’Anpi. Carla Nespolo, presidente nazionale, ha annunciato che l’associazione parteciperà alla manifestazione nazionale delle sardine il 14 dicembre a Roma. "Si tratta di un movimento fortemente popolare con una dichiarata passione democratica e costituzionale. Ne condividiamo la natura antiautoritaria, il ripudio dell'odio e di ogni linguaggio offensivo, la spontanea vocazione antifascista che si manifesta anche nel frequente canto di "Bella ciao”” ha dichiarato la presidente dell’Anpi.

Mario Monti e Romano Prodi sono due ex presidenti del Consiglio, un po’ decotti, che appoggiano le sardine. Ieri il fondatore dell’Ulivo ha dichiarato: “Mi piace molto il modo in cui le sardine si esprimono, ragionando sui problemi senza attacchi violenti. Rappresentano un formidabile passo avanti”.

Fra i sostenitori dello spettacolo il più aggressivo c’è Liam Cunningham, attore del Trono di spade, che ha condiviso un video delle sardine a Modena. Il commento in inglese, che ritwitta, non lascia dubbi: “Incredibile. Migliaia di antifascisti (…) in Italia, che cantano l’inno dei partigiani “Bella ciao”” scritto in italiano. A chi osava opporsi criticandolo ha risposto a muso duro: “Tu ritwitti Salvini. Vai a farti fottere”.

Francesco Guccini prima lo definisce il movimento dei Boy scout e poi si dice pronto a dare il suo contributo, se richiesto. La cantautrice americana, Patti Smith, a 72 anni è salita mercoledì sul palco di Ravenna con una sardina di cartone cucita sulla giacca.

In piazza Duomo a Milano con le sardine c’era ovviamente Roberto Saviano e a Ferrara ha sfilato Ilaria Cucchi. Il vignettista Vauro Senesi è un altro fan. Gad Lerner cinguetta chiedendosi “chissà che la gente non stia cominciando a distinguere tra #Sardine e Squali” in riferimento al leader della Lega, Matteo Salvini. Lilli Gruber è scoppiata in un “bravo” in diretta rivolto a Mattia Santori, uno dei fondatori del movimento.

---

Aggiornamento delle 14.41 del 7 dicembre 2019: Una prima versione di questo articolo articolo apparsa sull'edizione cartacea di oggi citava, tra i tanti esempi di sostenitori delle sardine, anche Robert De Niro, il cui endorsement si è poi rivelato infondato. Ci scusiamo con i lettori e con l'attore.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

stefi84

Sab, 07/12/2019 - 17:46

Troppo poche per cambiare gli equilibri, ormai l'Italia vota Cdx.

Brutio63

Sab, 07/12/2019 - 18:06

Ecco le sardine nate spontaneamente: DIETRO ALLE SARDINE. Come segnala la giornalista ricercatrice Francesca Totolo, “Le sardine non sono un “movimento apartitico". Ecco da chi è amministrata la pagina dei "pescetti" di Milano: - Fabio Cavallo, esponente della Rete nazionale antifascista, che ha raccolto donazioni per Carola Rackete e Sea Watch; - Emiliano Leone, esponente del partito "Volt", che è stato finanziato da George Soros; - Andrea Rossi, nella squadra della deputata PD, Patrizia Prestipino; - Maria Teresa Maccarrone, militante del Partito Democratico; - Filippo Rossi, giornalista, fondatore di "Caffeina" e ex consigliere di Viterbo, amministratore anche del gruppo di Milano; - Stephen Ogongo, fondatore del movimento politico dei migranti "Cara Italia".

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 07/12/2019 - 18:29

Malgrado le simpatiche "Sardine", la sinistra arranca a fatica, con percentuali di gradimento in calo dappertutto. La risposta é l'odio verso Salvini, che però si é mosso (e si muove ancora) solo e sempre verso gli interessi degli Italiani, tanto é vero che la gente comune, non i ridicoli "fascisti", vede in Salvini un faro ed una speranza. Ciò mentre la sinistra non vuole capire che la sua progressiva discesa nel gradimento politico degli Italiani sta proprio nella sua cecità di fronte all'invasione afro islamica, quella che continua a premere sulle nostre coste, nell'assoluto disinteresse di tedeschi e compagnia. Va bene che a tanti ciò piace, anche perché per vari anni ci hanno guadagnato sopra e quindi vogliono ricominciare a farlo (allora 35 euro al giorno per migrante "accolto"), ma non é un affare per l'Italia, quale che sia il partito politico al potere.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 07/12/2019 - 18:53

Sono di destra, ma le Sardine, tutto sommato, mi sono simpatiche. Però a tutto c'é un limite. La sinistra eviti di cadere nel ridicolo. La Politica é una cosa seria e possibilmente deve essere gestita con onestà. Tale deve essere la regola. Comunque, se le "Sardine" andranno oltre i limiti, ne terremo conto, nel rispetto della legge, ovviamente.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 07/12/2019 - 20:02

le stanno provando tutte, mancano solo i "bambini transessuali antifascisti organizzati"

Ritratto di alejob

alejob

Dom, 08/12/2019 - 13:03

Perché le sardine sono piccole e si lasciano mangiare da qualsiasi pesce? Perché manca loro qualcosa per difendersi e capire il come. Il Come delle sardine a due zampe è semplice, non capiscono che, chi le fomenta, ovvero tutti quelli che fanno il tifo per loro, hanno degli INTERESSE Personali. Sono tutti coloro che, se cambia qualcosa in questo paese hanno da PERDERE.