Depenalizzazioni, via il reato di atti osceni in luogo pubblico

Nel decrato sulle depenalizzazioni che arriverà in Cdm il 13 gennaio una norma per punire solo con una multa gli atti osceni in luogo pubblico

Nel decreto sulle depenalizzazioni che arriverà in Consiglio dei Ministri il 13 gennaio ci sono delle soprese, anche particolari. Secondo il sito dello studio legale Castaldi, infatti, nella lunga lista di reati che non saranno più tali, si trova la norma secondo cui "chiunque, in un luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, compie atti contrari alla pubblica decenza" non sarà più incriminato in via penale (arresto fino a un mese e multa da 10 a 206 euro), ma sarà punito solo con una multa da 5mila 10mila euro.

In pratica, fare pipì per strada o appartarsi con il partner per il sesso, non sarà più reato. Anche andare in giro nudo comporterà solo una multa. Certo, molto salata.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

MEFEL68

Sab, 09/01/2016 - 13:24

Poi, con la stessa mentalità che ha fatto togliere le sanzioni pecuniarie agli immigrati, adducendo il motivo che per le loro condizioni economiche non avrebbero potuto pagare, anche questo reato resterà impunito. Avanti, fate quello che volete, tanto pagherà solo qualche italiano sprovveduto o un po' fuori di testa. Per tutti gli altri LIBERTA'.

giottin

Sab, 09/01/2016 - 13:45

SOLO LA FAME DI SOLDI FA FARE QUESTO. Il problema sorge quando compie atti osceni chi non possiede nulla.

unosolo

Sab, 09/01/2016 - 16:01

e magari se provano a chiedere documenti per multarli prenderanno tante di quelle mazzate ,,,,,,,,,,,,,,,,,,, prepariamoci ad avere nei bus , nelle metro e nei tram oltre i treni decine e decine di personaggi che si divertiranno a provocare o a mettere proprio in pratica rapporti sotto gli occhi di ignari spettatori.

gisto

Sab, 09/01/2016 - 17:02

Quindi se un immigrato o clandestino senza danari si masturba su un bus,magari davanti alle signore,potrà farlo ancora,tanto non ha soldi. Boldrina,commenta questa decisione!

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Dom, 10/01/2016 - 14:15

E chi ca@@@o le paga le multe?Per una scopata clandestina da 5000 a 10.000 euro?Questi sono tutti scemi.Continuate a votare Pd.