Dl Fisco, raddoppia la "tassa" sui pedaggi

Secondo gli emendamenti presentati dal realtore Emiliano Fenu, i soldi serviranno alla manutenzione delle strade provinciali

Tra le novità del decreto Fisco collegato alla manovra, c'è un emendamento a firma di Emiliano Fenu (Movimento 5 Stelle) che prevede il raddoppio delle risorse da destinare alla manutenzione delle strade provinciali e di quelle ex statali. Le risorse economiche destinate alla manutenzione saranno ottenute dal raddoppio del prelievo sugli introiti dei pedaggi autostradali. La percentuale, che sarà poi destinata ad Anas, passerà dal 21% al 42%.

Non è la sola novità proposta da Fenu riguardo la manutenzione delle strade. Secondo il pacchetto di emendamenti presentato dal relatore del dl Fisco in Commissione Finanze del Senato, c'è anche l'obbligo per i concessionari autostradali di effettuare gli interventi di manutenzione dell'infrastruttura anche dopo la scadenza della concessione, finché questa non sarà stata assegnata.

Per le concessioni già scadute alla data di entrata in vigore del dl, si stabilisce che il concedente, entro sei mesi, "stipula con il concessionario un atto aggiuntivo, senza riconoscimento di alcuna proroga" e che prevede "nelle more dell'espletamento delle procedure di gara per l'affidamento della concessione la progettazione e la realizzazione" degli interventi "urgenti, necessari a garantire il mantenimento e/o l'aumento degli standard di sicurezza dell'infrastruttura autostradale".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

oracolodidelfo

Mar, 13/11/2018 - 22:44

E' un emendamento ed è ancora in fase di proposta.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mer, 14/11/2018 - 08:18

scommettiamo che questo aumento si tramutera' in un aumento delle tratte autostradali per gli automobilisti? scommessa gia' vinta in partenza...bastava che fosse stata messa la dicitura: tassa NON scaricabile al consumatore...ma chiediamo troppo all'intelligenza politica

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 14/11/2018 - 08:28

C'è aria di assunzioni nella Provincia, ma non come impiegatizio manuale per sistemare le strade, ma per impiegatizio da scrivania. Ormai qui in Italia non si va per la crescita del Paese con aziende che producono, anzi sì, l'unica cosa che produciamo sono sedie "poltrone" e "divani". Tra l'altro si sta facendo proprio da poco tempo una campagna pubblicitaria di nuovi negozi per questi articoli.

pardinant

Mer, 14/11/2018 - 10:26

Se non si bloccano i pedaggi autostradali, questo aumento se lo pagherà direttamente il Popolo, oppure auto e camion circoleranno tutti sulla viabilità ordinaria, con disagio per la popolazione in generale sia per l'aumento di traffico sia per l'aumento di spese conseguente gravante anche sulle merci, turismo e costi gravanti sulle attività produttive