Domiciliari ai più vicini al "fine pena"

Esce chi deve scontare meno di 18 mesi. Udienze sospese fino al 15 aprile

Era una delle rivendicazioni urlate dai tetti delle ventidue prigioni che tra l'8 e il 9 marzo erano insorte contro le restrizioni e le paure dovute al coronavirus: l'allargamento delle maglie per accedere agli arresti domiciliari, scontando la pena fuori dalle mura dei penitenziari. Ma anche da giudici ed avvocati era arrivata la richiesta di una misura straordinaria svuotacarceri, per limitare l'impatto di eventuali focolai in istituti da sempre sovraffollati.

Ed ecco che dal ministero della Giustizia arriva il provvedimento che punta proprio sugli arresti domiciliari per allentare la pressione sulle carceri, aprendo le porte a migliaia di potenziali scarcerazioni. L'articolo 120 del nuovo decreto coronavirus prevede che siano ammessi a scontare la pena a casa o in comunità tutti i detenuti che abbiano meno di diciotto mesi da scontare. Non è un indulto (che sarebbe dovuto passare per l'approvazione del Parlamento) ma è comunque una misura eccezionale, anche perché i giudici di sorveglianza potranno liberare i detenuti senza aspettare la relazione delle direzioni carcerarie.

I capi della rivolta, i detenuti che all'inizio della scorsa settimana hanno guidato sommosse e devastazioni, però non potranno beneficiare della conquista. Il decreto tra le cause di esclusione dal beneficio indica l'avere ricevuto rapporti disciplinari in seguito alle rivolte. E non potranno uscire, anche se a meno diciotto mesi dalla fine della pena, neanche i detenuti condannati per i cosiddetti reati «ostativi»: mafia, terrorismo, corruzione e pochi altri.

Tutto da verificare in concreto l'impatto della clausola che prevede che «ove possibile» chi va ai domiciliari venga munito di braccialetto elettronico per essere controllato a distanza. Il problema è che i braccialetti sono da tempo esauriti, al punto che per essere ammessi ad utilizzarli i detenuti devono spesso sottostare a lunghe liste d'attesa. Ma dal testo letterale del decreto, almeno nella versione circolata finora, sembra di capire che i detenuti con meno di un anno e mezzo di pena residua potranno andare a casa comunque, con o senza braccialetto.

Di dubbi interpretativi, d'altronde, ne sta ponendo anche la parte dei decreti coronavirus che affronta l'altro versante dell'emergenza giudiziaria, ossia il congelamento dei processi civili e penali. Nel nuovo testo, che proroga dal 22 marzo fino al 15 aprile la sospensione di tutte le udienze (con poche eccezioni) il governo è dovuto intervenire chiarendo che la sospensione della prescrizione riguarda tutti i processi, e non solo quelli coinvolti dal rinvio in queste settimane. Bloccati anche i termini massimi di custodia cautelare in carcere.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

gianf54

Mar, 17/03/2020 - 10:07

Diamogli anche un premio! Questo ci fa capire che in Italia, quando ci si comincia a ribellare e far casino, si ottiene tutto....

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 17/03/2020 - 10:17

foto: coppia da brividi, povera Italia in che mani siamo messi.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 17/03/2020 - 10:22

Ma che governo ci è capitato:poveri noi!

Nicola48ino

Mar, 17/03/2020 - 10:23

Diamo loro pure il rdc e via, dopo vuotate le carceri i cittadini onesti blindati in casa i giudici e malafede con la scorta. I farei il contrario:giudici e malafede in carcere.

Giorgio5819

Mar, 17/03/2020 - 10:28

Perfetto, sarebbe l'invasione di risorse colorate che tornerebbero in circolazione per ricominciare tranquillamente a delinquere.....

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 17/03/2020 - 11:09

Provvedimento poco saggio e ingiusto.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 17/03/2020 - 11:18

Giorgio5819 Mar, 17/03/2020 - 10:28 Carissimo Giorgio i diversamente colorati difficilmente vanno in galera se non per reati gravi e che abbiano un minimo di pena detentiva di quattro anni,grazie al decreto firmato e sottoscritto da quel genio di Gentiloni. Bonafede e la ministra degli interni di turno invece vorrebbero dare i domiciliari per la maggior parte nostrani,anche se ci sono risorse colorate che hanno commesso reati più gravi. Comunque sia questo governo deve andare a casa ,assolutamente!

Una-mattina-mi-...

Mar, 17/03/2020 - 11:44

AI DOMICILIARI NON LI9 CONTROLLA NESSUNO: Q

Una-mattina-mi-...

Mar, 17/03/2020 - 11:45

AI DOMICILIARI NON LI CONTROLLA NESSUNO: QUELLO DI FRONTE A ME VA E VIENE A PIACERE A TUTTE LE ORE