E anche il Papa progressista si è ricordato della Bibbia

Al dunque Papa Francesco si ricorda della Bibbia. "Il Signore fece piovere dal cielo sopra Sodoma e sopra Gomorra zolfo e fuoco" si legge nel primo libro del Libro dei libri

E anche il Papa progressista si è ricordato della Bibbia

Al dunque Papa Francesco si ricorda della Bibbia. «Il Signore fece piovere dal cielo sopra Sodoma e sopra Gomorra zolfo e fuoco» si legge nel primo libro del Libro dei libri. E il Santo Padre ha detto no: i sodomiti non si possono proprio benedire. C'è scritto nero su bianco su un documento dell'ex Sant'Uffizio, firmato dal capo dell'organismo, il cardinale spagnolo Ladaria Ferrer, e controfirmato dal Santo Padre durante un'apposita udienza: «Non è lecito impartire una benedizione a relazioni che implicano una prassi sessuale fuori dal matrimonio, come è il caso delle unioni fra persone dello stesso sesso». Inevitabile la delusione di quanti, fomentati dal famigerato «chi sono io per giudicare un gay?», coltivano da quell'estate 2013 la speranza di una rapida e completa autodemolizione della morale cattolica. Fuori la Chiesa, com'è ovvio, e anche dentro la Chiesa, un po' meno ovviamente. E penso ai prescismatici vescovi tedeschi che hanno appena reagito attraverso il loro presidente, monsignor Bätzing, con una nota contorta e losca in cui si arriva a parlare di «punti di vista della Congregazione». Ignorando, da criptoprotestanti quali sono, la firma del Papa, e degradando il cardinale Ladaria Ferrer a opinionista. E penso all'ineffabile cardinale di Bologna, Sua Bergogliana Eminenza Matteo Maria Zuppi, definito «gay friendly» da Gay.it. Dal 2013 lo smantellamento della morale cattolica è andato avanti, ma a ritmi più lenti del previsto. E oggi gli smantellatori devono fare i conti con questa battuta d'arresto. In verità piuttosto blanda, a leggere il documento per intero. Si intuisce il tentativo di indorare la pillola, di non dispiacere troppo, in particolare dove non si esclude la presenza, nelle relazioni omosessuali, «di elementi positivi, che in sé sono pur da apprezzare e valorizzare». Chissà cosa ne pensa, degli elementi positivi da apprezzare e valorizzare, il Dio di Levitico 20,12: «Se uno ha rapporti con un uomo come con una donna, tutti e due hanno commesso un abominio: dovranno essere messi a morte». Un versetto che in chiesa, in decenni di messe, non ricordo di avere mai sentito: o io sono molto distratto o la Chiesa è molto smemorata.

Commenti