E i salotti chic brindano ai porti riaperti: "Torna la democrazia, ora tocca allo ius soli"

Dalla sinistra alle star tv, tutti in delirio per l'abolizione dei decreti Salvini. Ma i pasdaran dell'accoglienza non sono soddisfatti: "Cittadinanza a tutti"

Ve ne siete accorti anche voi? Dalla sera del 5 ottobre l'Italia è cambiata. In meglio. A sinistra lo hanno subito capito. Il sole brilla sulla penisola e i meteorologi dicono che probabilmente quest'anno l'inverno non si farà nemmeno vedere, gli uccellini cinguettano, la gente sorride per la strada, dagli alberi crescono banconote da 50 euro e Di Maio ha anche imparato ad usare i congiuntivi. Ma, soprattutto, i clandestini possono tornare a scorrazzare liberamente.

Certo, perché è evidente, il problema dell'Italia non è l'impennata del Covid, il pil che sprofonda, le aziende che chiudono e la moltitudine di cittadini che non riesce ad arrivare alla fine del mese. Ma va là, poveri ignoranti, il problema dell'Italia, la nube nera che offuscava il nostro destino erano i decreti sicurezza. Cioè il tentativo di Matteo Salvini di regolamentare l'immigrazione clandestina.

La sinistra tutta è esplosa in un giubilo scomposto. Nemmeno la sera di capodanno, manco se l'Italia avesse vinto i mondiali. Immaginiamo che nelle case radical chic abbiano improvvisato trenini strombazzando la loro gioia dentro variopinte lingue di Menelik. Festeggiano, logicamente, le Ong che ora sono libere di trasbordare chi gli pare e piace su e giù per il Mediterraneo e di trasformare l'Italia nel campo profughi d'Europa. Festeggia tutta una sinistra che non avendo nulla da festeggiare si eccita per la rimozione dell'opera altrui. Fallito il tentativo di mandare Salvini direttamente in galera, si accontentano di aver cancellato i suoi decreti.

I toni sono quelli da 25 aprile, con la solita trita ed esasperata emotività radical: l'Italia è stata nuovamente liberata. Laura Boldrini non riesce a contenere l'entusiasmo: «Cala il sipario su leggi che hanno portato insicurezza, negazione dei diritti e irregolarità. Oggi è un bel giorno per la democrazia». L'Arci sciabola i mathusalem di champagne: «Cancellata una vergogna giuridica». Nicola Zingaretti segue a ruota e la prende larghissima, passando pure da Bruxelles: «I decreti propaganda di Salvini non ci sono più. Vogliamo un'Italia più umana e più sicura. Un'Europa più protagonista». Certo, la stessa Europa che ci molla tutti i migranti e non ne redistribuisce nemmeno uno.

Resuscita anche Matteo Renzi, assolutamente irrilevante nella questione, ma pronto a twittare: «Cancellati i decreti sicurezza. Dedicato a tutti quelli che dicevano: ma che ci state a fare?». Ecco, appunto, se questo è il grande contributo di Italia Viva potevano anche risparmiarsi la fatica. L'ultrà dell'invasione Luigi De Magistris, invece, è contento solo a metà: «Bene, ma bisogna fare di più sulla concessione della cittadinanza». Scettico anche Leoluca Orlando: «Rimane l'approccio punitivo e intimidatorio nei confronti di chi opera il salvataggio in mare». Non si darà pace finché l'Italia non sarà trasformata in una casbah. Il sempre pacato Oliviero Toscani si abbandona alla gioia: «Finalmente un po' di civiltà e ora lo ius soli. Io non sono assolutamente un buonista. È un ragionamento da macho imbecille. Non è buonismo, è giustizia». Civilissimo. E poi arriva la maestra del pensiero rosso, Alba Parietti: «Bene, posso dire che il primo dovere di un buon cristiano è quello dell'accoglienza. Io credo che chi sosterrà nei prossimi anni le nostre spese saranno anche loro. Lei mi cerchi tra gli italiani chi vuole lavorare sotto il sole, con lavori di fatica, pagato due euro l'ora». Alba Parietti, notoriamente assurta all'onore delle cronache per aver fatto la mondina, curva sulle risaie del Piemonte. Se questa è la sinistra, a destra possono dormire sonni tranquilli.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

venco

Mer, 07/10/2020 - 17:37

Questi "democratici" in realtà massoni anarchici sono la nostra rovina

frapito

Mer, 07/10/2020 - 18:51

Ma perché non li portiamo sotto casa loro, per vedere la faccia "democratica" che faranno!

Giorgio5819

Mer, 07/10/2020 - 19:06

Questa é da definirsi una BANDA. Nell'accezione peggiore, un gruppo di soggetti ben poco raccomandabili che sfruttano una immeritata notorietà per divulgare le loro ideologie malate e pericolose.

Ritratto di Adespota

Adespota

Mer, 07/10/2020 - 19:22

Domanda: quando un pensiero ideologico fortemente minoritario prevale su quel che pensa la maggioranza del Paese si può ancora parlare di democrazia ?

dare 54

Mer, 07/10/2020 - 19:29

Le è scappato, alla Parietti! "...Lei mi cerchi tra gli italiani chi vuole lavorare sotto il sole, con lavori di fatica, pagato due euro l'ora". Per chi non lo avesse ancora capito, ecco lo scopo! Oltre al business dei centri di accoglienza e dei posti di "lavoro" che vengono così artificiosamente creati, per "impiegare" gli italiani, sempre a due euro!

steffff

Gio, 08/10/2020 - 13:38

mi chiedo (e chiedo ai leader dell'opposizione) se e' ancora in vigore 'istituto del referendum abrogativo e perche' non viene iniziata subito una campagna di raccolta firme per chiedere l'abrogazione del decreto del 4 ottobre.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 08/10/2020 - 16:17

Nessuno in Europa vuole i migranti a casa propria. Solo in Italia c’è la follia dell’accoglienza, sostenuta dalla solita sinistra in abbraccio con M5S, il partito destinato a sparire.

lavitaebreve

Gio, 08/10/2020 - 17:35

SE NON LI ACCOGLIETE VOI CHE SIETE RICCHI...

caren

Gio, 08/10/2020 - 17:54

Sale la rabbia. Perchè sono nato in Italia? Beato e fortunato chi può scappare, io non posso purtroppo.

nino49

Gio, 08/10/2020 - 19:02

Strano Paese l'Italia! Mi viene in mente la storiella della "rana bollita" di tal Noam Chomsky. Succederà la stessa cosa a chi adesso nuota beatamente in questo marasma socio-culturale e ... quantomeno glielo auguro vivamente!

ilrompiballe

Ven, 09/10/2020 - 17:44

Porti aperti, ius soli, cittadinanza a tutti.L'orgia del potere, altro che democrazia. D'altra parte, se non ora, quando?

Cheyenne

Sab, 10/10/2020 - 17:17

Purtroppo a destra dormono, non so se sognino, ma l'Italia è ridotta ben peggio di una casbah. Non esistono più leggi e abbiamo un governo fantoccio servo di una ue di matti, di soros e dei peggiori sinistri mai visti. Io mi son sempre chiesto: ma perchè tutti gli altri Paesi europei (non solo il "cattivo Orban e i Polacchi non vogliono clandestini? Per primi gli spagnoli guidati (si fa per dire) dal comunista Suarez. Così come dico perchè in Italia i sinistri vogliono il MES, che nessun Paese europeo chiede?

maxfan74

Gio, 15/10/2020 - 18:47

Che bello vedere quello che si vuole vivendo bene ed in zone tutte carine, peccato che la realtà della situazione e altro...

STREGHETTA

Sab, 17/10/2020 - 17:06

"Porti aperti, menti chiuse "- Il punto è che non ci eravamo accorti che fossero mai stati chiusi. I porti. Le zucche dei sinistri invece lo sono rimaste da che esistono. E non c'è verso che si aprano mai al buon senso e meno che meno alla lungimiranza. Tanto questi pomposi radical-chic vivono al sicuro dei loro privilegi, dei loro soldi, delle loro ville e non c'è pericolo che l'invasione della barbarie impatti mai su di loro. Nel caso, assumerebbero qualche body-guard.