Ecco perché il Parlamento deve restare aperto

Tornare in Parlamento. Questa l'unica strada da percorrere, senza più indugi. Lo stanno chiedendo con appelli pubblici i leader dell'opposizione Salvini, Meloni e Berlusconi, ma anche esponenti della maggioranza come Renzi

Tornare in Parlamento. Questa l'unica strada da percorrere, senza più indugi. Lo stanno chiedendo con appelli pubblici i leader dell'opposizione Salvini, Meloni e Berlusconi, ma anche esponenti della maggioranza come Renzi. Ma, soprattutto, lo chiedono gli italiani. Il messaggio è chiaro: che il Parlamento riprenda un ruolo che possa essere degno di questo nome. Con le dovute tutele e i dovuti accorgimenti, cui stanno sottoponendosi, con alto senso di responsabilità, tutti coloro - e sono ancora milioni - che continuano a lavorare affinché il «Sistema Italia» non collassi. Ma, soprattutto, sembra arrivato il momento che il governo vada in Parlamento a riferire. C'è un refrain, invero un po' retorico, che piace molto: «Non è l'ora di fare polemiche...»

Certo, nel baratro sanitario ed economico in cui il nostro Paese è sprofondato, ogni polemica appare oggi un fuor d'opera. Giusto invocare un atto di responsabilità collettiva per un unico obiettivo, che è quello di uscire dall'emergenza. Ma neppure si può azzerare il ruolo del Parlamento e imbavagliare ogni diritto di critica e di dissenso sull'azione dell'esecutivo. Anzi, è proprio di fronte a un'emergenza, che in un sistema democratico le Camere devono poter svolgere al meglio, e anzi con maggior vigore di sempre, la loro funzione di controllo politico. Quasi in sede permanente e non come accade oggi - se va bene - a ranghi ridottissimi.

Un dibattito-confronto tra maggioranza e opposizione non deve avvenire, di certo, in prima istanza, sui social, ma nelle sedi istituzionali a ciò deputate. Perché nel diritto la forma è anche sostanza. Se non immediatamente impedito, questo vulnus, soprattutto in una situazione di emergenza e di misure eccezionali come quelle in corso, potrebbe avere conseguenze inquietanti per la tenuta e le prospettive della nostra democrazia. E questo perché il sistema costituzionale è fatto di un delicato meccanismo di bilanciamento tra poteri: le pouvoir arrête le pouvoir - il potere arresta il potere - sosteneva Montesquieu. Solo così si può evitare l'arbitrio di un potere sull'altro. Ma se in un sistema democratico si altera il meccanismo dei checks and balances perché il Parlamento si è, praticamente, autosospeso, cosa succede?

La previsione di situazioni di emergenza è contemplata nella materia costituzionale. Ciò che caratterizza e accomuna le situazioni di emergenzialità, nella loro variegata tipologia, è la loro attitudine a porre una peculiare «domanda di governo». A richiedere cioè che all'eccezionalità dell'evento corrisponda una altrettanta «capacità di governo», e quindi di intervento delle istituzioni, graduata in base alla gravità della situazione. Negli ordinamenti costituzionali avviene comunemente che negli stati di emergenza si accentuino i poteri dell'esecutivo, in quanto organo che risulta il più attrezzato, per capacità decisionale e disponibilità di mezzi, a fronteggiare la situazione di crisi.

Ma tale gestione non è mai a senso unico, perché a fianco del governo ci sono le assemblee rappresentative, espressione del popolo sovrano. In Spagna, la disciplina degli stati di emergenza è collocata, non casualmente, nella parte della Costituzione dedicata alle relazioni tra il governo e il Parlamento, proprio per marcare il ruolo di quest'ultimo nelle situazioni di crisi.

Non solo. Tale relazione tra governo e Parlamento diviene tanto più stretta quanto più l'emergenza non abbia carattere di temporaneità, ma sia destinata a protrarsi nel tempo.

In Italia i Costituenti esclusero una specifica disciplina dell'emergenza scelta che, col senno di poi, si è rivelata improvvida lasciando ai decreti legge del governo, da adottarsi «in casi straordinari di necessità e urgenza», la regolazione di ogni emergenza possibile, senza tipizzazione di fattispecie. Ma l'ampia discrezionalità concessa al governo con lo strumento del decreto legge è temperata da alcune importanti garanzie costituzionali: la verifica preventiva del capo dello Stato in sede di emanazione del decreto legge, il ruolo del Parlamento in sede di conversione in legge e la Corte costituzionale nell'eventuale sindacato di legittimità. A fronte della presente crisi, il governo ha, invece, inteso prescindere dalle suddette garanzie costituzionali. Da settimane si sta procedendo, perlopiù, con decreti del presidente del Consiglio dei ministri, che non contemplano, per loro natura, nessuna delle suddette garanzie. Non è, di sicuro, la migliore terapia da somministrare ad un Paese in ginocchio. E, a maggior ragione, quando con tali decreti si limitano diritti fondamentalissimi, come la libertà personale o quella di circolazione che la Costituzione riserva, non a caso, alla legge del Parlamento. Ad oggi a quest'ultimo non è stato dato il diritto di discutere, né la forma né la sostanza, dei provvedimenti governativi. Qualche interrogativo ce lo dobbiamo porre. E agire. Non domani. Adesso.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 24/03/2020 - 10:18

Il Parlamento non dipende dal governo, può convocarsi autonomamente, lo può convocare il presidente di una delle due camere(Casellati ci sei??), lo può convocare 1/3 dei membri di una camera(opposizioni ci siete???), lo può convocare in via straordinaria il PdR(Mattarella se vedrai che questi nicchiano per farsi propaganda sarebbe opportuno un tuo intervento). Insomma, il Governo nulla c'entra con la sospensione dei lavori parlamentari che è stata votata all'unanimità a cominciare dalle opposizioni.Per riprendere, come spiegato su(art.62 Costituzione) basta adoperarsi.Ma se le opposizioni non lo fanno allora vuol dire che si sta facendo solo propaganda.

MEFEL68

Mar, 24/03/2020 - 10:57

@@@ Agrippina -Se stanno premendo per far riaprire il Parlamento, sicuramente lo faranno. Però, sarebbe un bel gsto che fosse la maggiortanza, cioè la parte che ha la RESPONSABILITA' della gestione a prendere l'iniziativa. Così come ha fatto quando ha colto la palla al balzo per rinviare il referendum sul numero dei parlamentari.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 24/03/2020 - 11:38

Va bene che l'ordine pubblico viene garantito dalle varie forze di polizia, con personale che rischia di essere assalito dal virus che vola nell'aria. Però sembra scandaloso che i due parlamenti siano vuoti perché Senatori e Deputati se ne stanno a casa loro, lontani dal pericolo. Gli eletti al Parlamento, superpagati, vadano a lavorare anche loro, come i medici ed i poliziotti.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 24/03/2020 - 12:52

@MEFEL68, il presidente della Camera Fico ha più volte ribadito che il Parlamento deve tornare a riunirsi regolarmente, c'era un'intesa tra tutti i gruppi parlamentari, ad eccezione di Fi e IV, di far lavorare le commissioni parlamentari online, dato il numero ridotto delle stesse, è una soluzione praticabile.Quanto alle sedute delle camere nessuno si è opposto alla ripresa dei lavori.Insomma una tempesta in un bicchier d'acqua, tanto più che non è il Governo ad aver alcuna responsabilità sui lavori delle due aule.