Erdogan agli studenti: "Spiate i prof tedeschi"

Il presidente usa i suoi consolati per chiedere agli allievi di riferire i discorsi in classe

Berlino - Spiare gli insegnanti ostili al presidente Recep Tayyip Erdogan. Informarsi tramite i propri figli su chi in classe critichi il sultano o, peggio ancora, su chi esprima simpatia per l'imam Fethullah Gülen, l'arcinemico del leader turco.

Questo l'odioso compito affidato a voce a tanti genitori. Con un'aggravante non da poco: la richiesta sarebbe partita dal consolato generale della Turchia nel Nord Reno-Westfalia (Nrw) all'indirizzo di tanti genitori di origine turca residenti nella regione. La denuncia è partita dalla redazione di Düsseldorf della Westdeutsche Allgemeine Zeitung (Waz), fra i più diffusi quotidiani regionali nell'ovest tedesco. Non è un caso che lo scandalo sia scoppiato proprio nella capitale del Nrw: il Nord Reno è il Land più popolato della Germania e quello con la più alta percentuale di residenti di origine straniera, gran parte dei quali con il passaporto turco.

L'idea di trasformare bambini e ragazzi nei delatori dei loro insegnanti sarebbe stata comunicata a voce durante una serie di «eventi informativi» organizzati il mese scorso a Düsseldorf, Essen, Colonia e Münster dal consolato allo scopo ufficiale di «combattere la discriminazione degli scolari turchi».

Ai genitori sarebbe stato detto di incoraggiare gli 007 in erba a filmare i professori intenti a criticare la dirigenza turca e di riferire tutto, telefonini alla mano, allo stesso consolato.

Non è la prima volta che il governo di Erdogan viene accusato di condurre una caccia senza freni agli oppositori, tutti peraltro indicati come golpisti o terroristi. La repressione scatenata dal presidente turco dopo il tentato golpe dello scorso luglio non si ferma ai confini nazionali: nei giorni scorsi il ministero turco per gli Affari religiosi aveva richiamato in patria sei imam finiti nel mirino della polizia tedesca con l'accusa di spiare a favore del governo di Ankara.

Un conto è pero ascoltare le conversazioni in moschea fra adulti, un altro è invitare dei minorenni a spiare gli insegnanti.

«La procura di Düsseldorf sta indagando per capire se esistano gli estremi di un reato», ha scritto la Waz citando un portavoce del ministero statale degli Interni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Ven, 24/02/2017 - 14:35

Erdogan é un dittatore e jhadista, ma bisogna ammettere che pensa prima ai suoi sudditi e poi al resto degli invasori.Altro i nostri rappresentanti ( non miei) che pensano a farci invadere e togliere il pane ai nostri pensionati e disoccupati, per darlo a illeggittimi illegali

alkhuwarizmi

Ven, 24/02/2017 - 14:46

Quello di guardarsi dai "professori" tedeschi, affiliati al clan Merkel, è persino un aspetto positivo del nuovo Sultano, che forse ha capito meglio di altri con chi ha a che fare.

venco

Ven, 24/02/2017 - 16:48

Questo è il novo Hitler.