Politica

Il sondaggione sui ministri: chi sale e chi scende

Questi i dati registrati da Euromedia Research lo scorso 14 settembre e basati su un campione di 800 cittadini italiani

Il sondaggione sui ministri: chi sale e chi scende

Fiducia in Marta Cartabia, Dario Franceschini e Giancarlo Giorgetti: queste le preferenze, su un campione di 800 cittadini italiani, registrate da Euromedia Research per Italpress. All'interno dell'esecutivo guidato dall'ex governatore della Banca centrale europea Mario Draghi, inoltre, sempre tra gli intervistati, il volto più noto risulta essere quello dell'attuale ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Tra gli 800 italiani scelti come campione del suo sondaggio lo scorso 14 settembre, Alessandra Ghisleri riporta una fiducia nei confronti del ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti pari al 41,3%, stima che sarebbe cresciuta del 4,2% rispetto ad un precedente sondaggio del genere condotto lo scorso mese di luglio.

Anche il ministro della Cultura Dario Franceschini risulta essere tra quelli più stimati, col suo 40,8% di consensi, se pure in lieve calo (- 1,2%) rispetto alle rilevazioni effettuate a luglio. Sul gradino più basso del podio il ministro della Giustizia Marta Cartabia, che si assesta al 36,8% del consenso degli 800 intervistati con un calo dello 0,2% rispetto a due mesi fa. Seguono a ruota il ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, col suo 36,5% (+2,2% rispetto a luglio), il ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna (35%, con crescita dello 0,5%) e il ministro della Salute Roberto Speranza, al 34,4% (+4,9%).

In calo la fiducia nel titolare del Viminale Luciana Lamorgese, che si attesta al 29,4% con un crollo del 5,3% rispetto al sondaggio su campione condotto dalla stessa Ghisleri a luglio. Va meglio comunque al ministro dell'Interno, la quale difende la sua undicesima posizione, piuttosto che al collega delle Politiche giovanili Fabiana Dadone, in fondo alla classifica con il 18,1% (- 1,3%). Poco più in alto, al 22,6%, resta il ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa, in risalita dell'1,5%. A registrare un calo, come per Lamorgese, sono anche i ministri Vittorio Colao (al 33% con un -1,5%), Stefano Patuanelli (al 28,4% con un -1,5%), Enrico Giovannini (al 26,7% con un -1,0%) e Mariastella Gelmini (al 26,6% con un -0,6%). Pur restando basso il consenso nei suoi confronti (28,1%), è il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi a risalire in modo più netto rispetto a luglio (+ 5,9%).

Mettendo da parte la fiducia per la notorietà, svetta in cima alla classifica il ministro degli Esteri Luigi Di Maio (95,7%).

Seguono, dietro il grillino, il ministro della Salute Roberto Speranza (95,3%), quello della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta (94,7%), quello degli Affari regionali Mariastella Gelmini (94%) e quello della Cultura Dario Franceschini (92,2%). Tra i volti meno noti quelli di Maria Cristina Messa (62,5%), Fabiana Dadone (63,5%) ed Erika Stefani (63,8%): chiude questa classifica il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà, al 61,1%.

Commenti