Berlusconi: "Fondi ai danneggiati, comprendo la rabbia di esercenti e negozianti"

La solidarietà del leader di Forza Italia: «Chi subisce danni dovrà essere ristorato»

Si sente uno di loro, Silvio Berlusconi, e nella sua voce c'è la stessa ansia che si sente in quella di ristoratori, baristi, negozianti piegati da coprifuochi e lockdown striscianti. «Comprendo le preoccupazioni e anche la rabbia di chi, commercianti come piccoli imprenditori, ha paura: è necessario che sia ristorato chi subisce dei danni, sostenuto chi finirà per avere nuove perdite».

Parla in videoconferenza su Zoom con gli amministratori e i dirigenti lombardi di Forza Italia, confermando il suo prossimo ritorno in campo. Ognuno è collegato da casa o ufficio, ci sono il vicepresidente Antonio Tajani, l'assessore regionale alla Sanità Giulio Gallera, il coordinatore regionale Massimiliano Salini. «Grazie anche ai fondi - spiega ai suoi il leader azzurro- che abbiamo chiesto e ottenuto in Europa esistono le risorse e gli strumenti per gestire questa emergenza piuttosto che subirla passivamente, come è sembrato fare sinora il governo nazionale». La critica al premier Conte e alla sua squadra è dura, anche se viene dal partito più aperto alla collaborazione del centrodestra.

Alla riunione milanese partecipano Licia Ronzulli, Sestino Giacomoni, il vicepresidente della giunta Fabrizio Sala, il presidente del consiglio regionale Alessandro Fermi, gli altri consiglieri. «La squadra di amministratori azzurri- sottolinea il leader- è superiore a quella di altri partiti per serietà, preparazione competenza». A un certo punto, nello studio di Gallera al Pirellone compare il governatore leghista, Attilio Fontana. «Ciao Silvio!», saluta. E Berlusconi gli fa i complimenti per come sta gestendo la seconda ondata del virus, gli assicura tutto il sostegno per i suoi provvedimenti, concorda di sentirsi e magari vedersi presto per discutere della situazione in Lombardia.

Gli azzurri della regione tornata in cima alla lista di quelle più aggredite dal virus si sentono in prima linea e si discute di come premere su governo e maggioranza perché venga accolta la proposta «chiara e semplice» di Fi. «Dobbiamo risarcire - concordano tutti-coloro che hanno un'attività e sono stati danneggiati da chiusure e divieti. I soldi ci sono, il governo non perda tempo. Bisogna usare i 15 miliardi stanziati nei decreti anti Covid e non spesi, per risarcire tutte le attività commerciali».

L'emergenza pandemia, con le conseguenze economiche sui privati meno assistiti, non può non essere al centro dell'incontro a distanza del leader con i rappresentanti di Fi nella regione del Nord. Ma Berlusconi vuole anche ricompattare i suoi, motivarli, dare un impulso messo a dura prova dagli ultimi risultati elettorali, insistere sulla posizione «fondamentale» del partito nel centrodestra. Conferma la volontà di «riportare Fi ad essere il primo partito della coalizione di centrodestra, perché è l'unico movimento nel panorama politico italiano che si fonda sui valori dell'Occidente e delle democrazie occidentali: libertà, cristianesimo, garantismo ed europeismo». Per riacquistare peso nella coalizione l'ex premier è sempre convinto che si debbano continuare le battaglie «contro l'opposizione fiscale, l'oppressione giudiziaria, l'oppressione burocratica». Il riscatto azzurro, assicura, poggia anche sull'appartenenza al Ppe, suo capolavoro diplomatico. Il Cav, da europarlamentare, si è battuto ieri in difesa dei nostri agricoltori, del Made in Italy e dei marchi d'origine, votando online per la nuova politica agricola comune europea (PAC), che porterà all'Italia oltre 3,6 miliardi di euro l'anno per sostenere, dice, i veri agricoltori, i giovani e favorire investimenti ed occupazione».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 24/10/2020 - 10:19

berlusconi li capisce, eccome, ma questi esercenti non lo hanno mai capito, se consideriamo che FI è ancora sullo 6% ... significa che gli italiani o non vogliono proprio capire, oppure vogliono essere veramente in malafede!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 24/10/2020 - 10:20

Egr. Cav. se si sente dalla parte dei danneggiati la smetta di portare acqua a questi governi sinistri,tenendoli in sella colla promessa dei suoi voti.

Gio56

Sab, 24/10/2020 - 10:52

mortimermouse,il perchè del 6% l'ha illustrato benissimo gianniverde,provi a pensarci qualche volta.

aldoroma

Sab, 24/10/2020 - 10:54

Caro Zingaretti, i tuoi governi di sinistra hanno tagliato dall'era Monti 37 miliardi di euro sulla sanità, e ora parli di MES???? Grazie a voi se siamo in questa tragica situazione.

Junger

Sab, 24/10/2020 - 11:26

Altri seicento euro a chi ha decine o centinaia di migliaia di euro di costi fissi al mese? Tra l'altro non servono nemmeno i decreti inutili di questi governatori basta l'annuncio per cancellare mesi di prenotazioni negli alberghi e per bloccare i flussi turistici e di affari. Qualcuno andrà mai in vacanza in una zona di "guerra " sottoposta a "COPRIFUOCO NOTTURNO" ?

jaguar

Sab, 24/10/2020 - 11:53

Conte ha detto chiaramente che non ci saranno più aiuti a pioggia, però se chiude tutto i fatti di Napoli sono solo l'antipasto.

MaDaiCheLoSai

Sab, 24/10/2020 - 12:24

E sicuramente e non bisogna essere dei Geni ! Ognuno può capire la differenza tra un Artigiano, un Commerciante ed un Impiegato statale di qualsiasi impiego, o No ? Quest ultimo a fine mese che lavori o meno lo stipendio lo riceve sul proprio conto in banca, chi invece le spese e la propria economia se la guadagna con un negozio o bottega cosa può fare se ti obbligano a chiudere ? Poi si differenzia chi ha un attività commerciale avviata da anni e stabile e chi invece ha aperto, rischiando molto, dal 2019 per esempio. Chi ha inoltre la responsabilità verso il personale assunto e cosi via. Auguri !

Mordechai

Sab, 24/10/2020 - 13:58

Io darei a tutti (ristoratori in primis)un ristoro commisurato al fatturato che hanno dichiarato. Ma non vorranno mai, perché due terzi di quello che incassano è in nero.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 24/10/2020 - 14:47

GIO56 se lei pensa che berlusconi si sia piegato al PD si sbaglia, ma pure molto male! :-) non è non è non è non è non è non è non è non è non è alleanza con il PD!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! FI è sempre alternativa al PD! ficcatevelo bene in testa questo concetto basiliare, e smettetela di bere vino comunista !!! sembra buono ma vi fa diventare inaffidabili :-)

mareblu30

Sab, 24/10/2020 - 15:12

A quelli non basta niente! Hanno troppi VIZI e troppi LUSSI. UN amaro a pranzo ,tavola calda 2.00 euro . Dopo le 15,30 appena finito il pasto L'AMARO 4.00 EURO!!!! Questo 10 anni fa' e' inutile protestare.

sarascemo

Sab, 24/10/2020 - 15:19

Il risarcimento? I soldi che hanno guadagnato in passato ce li restituiscono insieme alle tasse evase, agli scontrini non battuti? O si riconvertono rapidamente o chiudano, lo Stato li deve accompagnare ad un fallimento soft, rimodulando tutte le leggi opprimenti. Nessuno parla del blocco dei licenziamenti, del blocco dei pignoramenti risarcitori e del blocco degli sfratti. Tutti provvedimenti che sono impopolari persino per chi del liberismo ha fatto la bandiera del suo partito. Poverino!

sarascemo

Sab, 24/10/2020 - 15:48

Chi ha un esercizio pubblico si riconverta, scopra la vendita online o laconsegna a casa. Ma di chi dovremmo avere scrupolo, di chi ci vende un panino con hamburger da 40 centesimi venduto a 9 €? una pizza da 70 centesimi a 10 €? una Coca Cola da 2 € a 5 €. Se andate in un pancaffè a Milano, vi renderete conto dei veri prezzi e di quelli assurdi applicati dai ristoratori.

sarascemo

Sab, 24/10/2020 - 16:09

Per asciugarsi gli occhi dopo il piagnisteo, su 163 mld di IRPEF, 85 mld sono versati da dipendenti (52%), gli AUTONOMI 21 mld (13%) e la metà hanno redditi inferiori ai 15.000 € (sì, sì, va bene), mentre i pensionati versano 44 mld (27%), altri il restante. [dati del Governo]. Il vero gettito e ricchezza lo realizzano le grandi industrie e società in fase di dismissione, ce ne rendiamo conto una buona volta per tutte!

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 24/10/2020 - 17:06

Silvio Berlusconi è tornato a farsi sentire. La speranza è che sia lasciato in pace.