Politica estera

Il "contesto", foglia di fico antisemita

Ormai tutto il mondo sa, non importa se poi ovviamente le geniali professoresse che dirigono Harvard, Mitt e Penn hanno fatto un passo indietro

Sally Kornbluth, presidente del Massachusetts Institute of Technology, in un'audizione al Congresso.
Sally Kornbluth, presidente del Massachusetts Institute of Technology, in un'audizione al Congresso.

Ascolta ora: "Fuoco e Fiamma"

Fuoco e Fiamma

00:00 / 00:00
100 %

Ormai tutto il mondo sa, non importa se poi ovviamente le geniali professoresse che dirigono Harvard, Mitt e Penn hanno fatto un passo indietro: per le università più chic d'America «invocare il genocidio degli ebrei» non è in sé contrario al codice di condotta degli atenei, nei cui campus gli slogan «from the river to the sea» risuonano in variazioni fantasiose. Se lo si debba invocare o no, «dipende dal contesto». Risposta molto interessante specie se data davanti alla Camera americana durante un'inchiesta sull'antisemitismo.

Ormai la quotidiana dose di urla, violenze, prese di posizioni e aggressioni fisiche antisemite (sul cui sfondo ormai per il 50% dei giovani fra i 18 e i 25 anni negli Usa la Shoah è un mito e in Inghilterra solo l'11% dei giovani fra i 18 e i 24 anni tengono per Israele) la verifichiamo ogni giorno, l'antisemitismo è di nuovo fra noi sotto forma di odio per Israele, sulla base della ricostruzione fasulla della sua storia e del negazionismo sulla strage del 7 ottobre. Ma addirittura lo sterminio degli ebrei si giustifica col «contesto»? Quale contesto? Le nostre intellettuali non usano le parole a caso.

La cornice conta: il «contesto» del denaro, per cui la loro istituzione è finanziata a centinaia di milioni di dollari; la retta è solo per chi può, essere antisemiti qui è diverso da esserlo in una miserabile banlieu. Qui i giovani musulmani che si mescolano alla sinistra giovanile sono, in un «contesto» di cultura giovanile che le presidi devono considerare nell'ambito della «libertà di opinione». E di che si tratta? Innanzitutto, della rabbia furiosa che ormai è considerata legittima, quella degli oppressi contro gli oppressori. Una furia fisica di cui vedremo espressioni sempre più gravi; un'arrabbiatura teorizzata, che ha già portato a parecchie aggressioni e distruzioni, come quelle di Black lives matter.

Gli oppressi hanno il dovere di infuriarsi. Come disse Borrell? La strage non avviene in un vuoto. Ha le sue ragioni. La rabbia è contro il razzismo, contro il colonialismo, contro coloro che hanno distrutto l'ambiente, contro i maschi, contro l'occupazione; non importa se i violentatori, gli odiatori dei gay, i dittatori, i razzisti sono dall'altra parte. Gli ebrei sono al top del «contesto» woke desiderato. In più, il «contesto» della tradizione genocida antisemita dai tempi dell'antico Egitto non ti tradisce: prima contro la religione, poi contro la razza, ora contro lo Stato. Giustifica perfino lo stupro omicida a centinaia. Il «contesto» per gli ebrei non manca mai.

Commenti