Garavaglia smaschera i giallorossi: "Colpiranno le partite Iva"

L'ex viceministro dell'Economia svela le strategie di M5S e Pd: "L'aumento selettivo delle aliquote Iva è sul piatto". E a sorpresa apre le porte a Tria: "Può dare una mano in futuro"

"Tenere aperta una partita Iva tornerà costoso". Massimo Garavaglia, intervistato da La Verità, lancia l'allarme e mette in luce il piano studiato dall'esecutivo giallorosso: "Vagheggiano di 100 miliardi di economia sommersa senza sapere che il 20% è fatto dell'elusione delle grandi corporation e un buon 50% dal malaffare criminale. Togli anche il lavoro nero e rimane un 10% di omessa fatturazione". Alla fine a rimetterci saranno i "poveri cristi che non arrivano a fine mese": sebbene sia stata raccontata "la frottola che il Conte bis servisse a disinnescare l'Iva, invece qualcosa alla fine aumenteranno".

La sorpresa Tria

L'ex viceministro dell'Economia è da molti ricordato per il regime forfettario per le partite Iva, da 65.000 e - dal 2020 - 100.000 euro di fatturato, riducendo così le imposte e contemporaneamente semplificando gli adempimenti. Ma sul forfettario il nuovo governo "non intende mantenere questa promessa". Si tratta di una manovra "pericolosa" che potrebbe "invertire la tendenza", correndo il rischio di tornare "nell'economia sommersa". E sull'ipotetica abolizione del pareggio di bilancio in Costituzione è chiaro: "Già oggi la Costituzione è formulata in maniera tale che la spesa in deficit è più che possibile. Se poi chi ci rappresenta va a Bruxelles credendo di rappresentare una colonia anziché un Paese fondatore, tutto si complica".

Il leghista ha poi commentato la possibilità di tassare i prelievi di contante: "Una misura folle. Non interessa certo le fasce più povere della popolazione, semmai le colpisce. Siccome sono un europeista convinto, dico: facciamo come la Germania. Nessun limite all'uso del contante". Sulla nomina del commissario Ue "ho dato la disponibilità. Ma il nome giusto era Giorgetti. E comunque non ci ho mai creduto fino in fondo".

Garavaglia infine ha lanciato una bomba a sorpresa su Giovanni Tria, con cui dice di essere andata d'accordo: "Lo scriva: può dare una mano in futuro".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 27/09/2019 - 11:01

Come al solito TASSE, solo tasse, non conoscono altre strade. Ridere o PIANGERE? Meglio RIDERE!

Duka

Ven, 27/09/2019 - 11:20

Mai e poi mai COLPIRE i politicanti di mestiere. Sarebbe davvero interessante sapere come vengono gestiti 15/20.000 Euro che ogni mestierante della politica intasca ogni mese.

Ritratto di contdjbabi

contdjbabi

Ven, 27/09/2019 - 11:20

Tassare il denaro contante? Ieri sera stavo pagando una ricarica con bancomat, ma il tabaccaio mi ha avvisato che avrei speso 1 € in più e così ho pagato in contanti. C'é comunque sempre da pagare oltre il dovuto. Con la partita iva campo da oltre 10 anni, ma comunque non evado nulla, e comunque riesco appena a sopravvivere, senza raggiungere una pensione adeguata al livello di quadro aziendale industria raggiunto 20 anni or sono...

cabass

Ven, 27/09/2019 - 11:24

Tolgano pure il forfettario, il risultato sarà che una buona parte di chi oggi paga il 15%, pagherà zero, perché passerà dritto al nero. Li fermeranno con la tassa sul contante? Nemmeno, perché chi farà girare tanto contante, lo farà al di fuori delle banche o al limite appoggiandosi su banche straniere, specialmente nelle zone di confine. Forza, tiratevi pure la zappa sui piedi!

TIRATARDI

Ven, 27/09/2019 - 11:28

Solo un pazzo oggi puo' pensare di aprire una partita iva in questo paese, mi rimangono ancora 42 settimane poi....che Dio me ne liberi.

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Ven, 27/09/2019 - 11:34

l'importante è spargere terrore, poi, come al solito, si scopre che è tutta fuffa: il forfettario, per come è stato concepito nella versione odierna, rischia di essere anticostituzionale, infatti in alcuni casi viola l'art. 53 della Costituzione. Che vada rivisto è sacrosanto, perché è assurdo che chi guadagna 50.000-60.000 Euro debba pagare solo l'11,7% (se professionista) quando un soggetto sottoposto a tassazione ordinaria (ad esempio un lavoratore dipendente) paga circa il 35% per un reddito analogo.

PRALBOINO

Ven, 27/09/2019 - 11:44

Togliamo la tassazione dei redditi e lasciamo l'iva

Riccardo111

Ven, 27/09/2019 - 11:55

Questi sono pazzi. Per loro l'uguaglianza è impoverire la classe media in modo che tutti siano poveri. Poi agli amici delle multinazionali del PD si da il lasciapassare con la tassazione dei paradisi fiscali come avviene in Olanda, Irlanda o Lussemburgo. E' una vergogna quello che fanno. Tra le partite iva a regime forfettario ci sono un sacco di neo-laureati infermieri, logopedisti, terapisti.. non proprio gente con stipendi da 65.000 euro l'anno. Stanno invogliando i giovani, quei pochi che riescono a crearsi un lavoro studiando, a scappare dal paese. Questo è un governo sciagurato, dovremmo liberarcene subito.

donzaucker

Ven, 27/09/2019 - 12:01

Sicuramente il Governo dovrà essere grato al Giornale, in questi giorni stanno piovendo un sacco di suggerimenti su come alzare le tasse dai vostri esperti. Ovviamente tutte supposizioni che rimbalzano da Libero-La Verità-Il Giornale, fonti autorevoli e non di parte insomma.

onurb

Ven, 27/09/2019 - 12:10

Clastidium. Forse lei non ha capito che i 65 mila euro sono il fatturato. Per avere tale fatturato occorre spendere per acquistare beni e servizi. Se hai un ufficio ci paghi un bell'affitto; luce, acqua, gas, telefoni, spese per pubblicità, irap, inps, ecc. Questi costi vanno sottratti dal fatturato e alla fine della fiera i 65 mila euro, se va molto, ma molto, bene, si sono ridotti a 20 mila. Senza contare che non hai ferie pagate, che se sei malato non hai lo stipendio pagato. Per avere un guadagno, ossia differenza tra ricavi e costi, di 50 - 60 mila euro all'anno il fatturato deve essere almeno tre volte tanto.

bernardo47

Ven, 27/09/2019 - 12:13

che i 132 miliardi di evasione fiscale siano acclarati e confermati...lo sa anche il buon garavaglia! Cerchiamo di non fare i furbetti del condono tombale e delle coperture agli evasori fiscali! Si vada a riascoltare il discorso di fine anno del Capo dello stato del 2015 e sentira' confermare il dato dei 132 miliardi di evasione! Magari invece garavaglia e la lega, potevano evitare di approvare assieme ai grillini il reddito di nullafacenza che e' un ladrocinio diffuso, conclamato e a ufo e pagato con le nostre tasse! e pure quota cento pur se poco chiesta, affonda INPS e le pensioni degli italiani! quindi connettersi prima di parlare!

cir

Ven, 27/09/2019 - 12:15

Clastidium Ven, 27/09/2019 - 11:34 : verissimo !!

Ritratto di lettore57

lettore57

Ven, 27/09/2019 - 12:24

@Clastidium Non so dove lei ha preso quell'11% ma credo faccia finta, diversamente sarebbe preoccupante per lei, di dimenticarsi che oltre, come gia detto da qualcuno che devono essere detratti i costi, una partita iva, non ha ferie pagate, se mentre va a sciare si rompe una gamba non ha Inps alle spalle mentre, il TFR sono solo 3 lettere. Prima di parlare (in questo caso scrivere) accertarsi di non "scrivere" sciocchezze

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Ven, 27/09/2019 - 12:28

Ma il Giornale mi faccia capire una cosa, lo sta scrivendo lui il programma del governo? Ogni giorno spuntano "nuove proposte".

Ritratto di Walhall

Walhall

Ven, 27/09/2019 - 12:31

Della serie, farsi una guerra con armi peggiori delle nucleari perché la morte avviene lenta e tra atroci sofferenze.

Ritratto di frank.

frank.

Ven, 27/09/2019 - 12:46

Siamo tornati al caro e vecchio smascheramento!!

cir

Ven, 27/09/2019 - 13:47

lettore57 Ven, 27/09/2019 - 12:24 ,No!! . clastidium ha perfettamente ragione .

Gattagrigia

Ven, 27/09/2019 - 13:47

Come sempre si prendono le cose che interessano. In Germania non c'è limite al contante, ma il sistema fiscale è diverso e da poca possibilità di fare nero, anche per gli evasori ci sono pene diverse, innanzitutto certe, sanzioni e carcere. Ma soprattutto la popolazione è diversa, perché sa perfettamente che chi evade ruba a tutti e quindi né stimola questi comportamenti, né li giustifica. In Germania gli evasori non sono furbi, sono ladri

Gattagrigia

Ven, 27/09/2019 - 13:56

Lettore 57,non conosco la tassazione delle partite iva, ma la differenza che c'è tra una retribuzione lorda e netta, cioè la tassazione, serve proprio a coprire i costi per una futura pensione,per l' INPS, e tante altre cose. Il TFR non è nemmeno per i dipendenti un regalo, sono soldi che vengono trattenuti, a mio avviso ingiustamente, dal,datore di lavoro, il quale se fallisce, spesso e volentieri non li restituisce più . Qiuindi vuol dire che questi soldi, che sono miei, li ha in gestione qualcun altro .

cir

Ven, 27/09/2019 - 14:39

lettore57 Ven, 27/09/2019 - 12:24 : per me sei uno che capisce nulla oppure sei disonesto .casa dici in tua discolpa ??

Ritratto di lettore57

lettore57

Ven, 27/09/2019 - 14:47

@Gattagrigia Allora se non la conosce la tassazione delle partite iva (l'articolo parlava di questo) lascia dei commenti: Ancora non capisco se fa apposta o meno ma: 1) ho fatto l'esempio della gamba rotta o se vuole di una banale influenza per la quale la partita iva non lavora e non percepisce nessuna diaria mentre il dipendente si 2) Che i soldi vengono trattenuti ha ragione ma a fine rapporto il dipende li prende e se la ditta fallisce li eroga l INPS Per favore pero non usciamo dal seminato e, per chiarezza dei fatti, non ho nulla contro i dipendenti ma le cose vanno dette chiare altrimenti si alimenta solo confusione.

EliSerena

Ven, 27/09/2019 - 15:29

Metteranno anche 1.000 tasse nuove perché sono masochisti e contro gli italiani ,ma una cosa anche piccola piccola da approvare nella manovra c'è? Lo chiedo all'immenso economista-politologo Luca Sablone

ricktheram

Ven, 27/09/2019 - 15:31

proposta: da domani fare il politico deve essere una passione, quindi non più retribuito. scommettiamo che il parlamento, il senato, il viminale, ecc. diventano dei deserti, e tutto il giro di miliardi che sta intorno, finisce? ecco come recuperare i soldi. Poi a governarci ci pensiamo da soli, regione per regione, che forse è meglio.

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Ven, 27/09/2019 - 15:51

onurb, lei è la dimostrazione che qua circolano principalmente minus habens: se io avessi dei conti come da lei descritti sarei un fesso ad usufruire della flat tax perché perderei la possibilità di dedurmi i costi. la flat tax la utilizzano principalmente quei professionisti che hanno pressoché zero costi (le assicuro ce ne sono) che ne traggono un ingiusto vantaggio; distorce anche la concorrenza perché esonera dall'applicazione dell'IVA (e quindi a parità di costo la fattura di un soggetto "normale" applica anche la maggiorazione IVA che non tutti possono detrarre con conseguente aggravio per il consumatore finale e danno nei confronti di chi fattura con IVA). se avessi 60.000 euro di fatturato e 40.000 di costi andrei a tassazione normale che pagherei solo il 7,4% di imposte sul fatturato anziché l'11,7% del forfettario. prima di dare fiato alle trombe cercate di conoscere l'argomento di cui state parlando, altrimenti è solo fuffa, come l'articolo di questo giornale.

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Ven, 27/09/2019 - 15:54

lettore57, evidentemente legge poco o male: l'imposta che paga un professionista forfettario è pari al 15% del 78% del fatturato. basta usare la calcolatrice e magicamente apparirà il numero da lei non compreso. e nel conto non ho considerato i contributi, che possono essere interamente dedotti (solo se effettivamente pagati), altrimenti l'imposta sarebbe anche inferiore.

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Ven, 27/09/2019 - 15:57

... aggiungo che nelle mie considerazioni non ho incluso le varie addizionali e l'eventuale IRAP che un forfettario non paga ma tutti gli altri si. Con questo non dico che sia da abolire in toto, dico solo che va rivista perché in alcuni casi crea grosse ed ingiustificate discriminazioni.

cir

Ven, 27/09/2019 - 16:13

ricktheram Ven, 27/09/2019 - 15:31 rileggi quento hai scritto , ma domani se ti e' passata la sbornia !!

Korgek

Ven, 27/09/2019 - 16:47

Si devono abbassare le aliquote IRPEF, in modo da avere un solo regime fiscale che possa avvantaggiare tutti e ponga fine al sommerso (altro che tassare merendine e altre sciocchezze da sini-grilloidi). Ritengo che il forfettario sia una buona soluzione per chi risultasse super svantaggiato dal regime ordinario, ma per chi deve sostenere tante spese e quindi non è conveniente il forfettario, solo l'abbassamento delle aliquote IRPEF permette di dare respiro al professionista e di riuscirsi a mettere da parte qualcosa, esattamente come il dipendente si mette da parte lo stipendio! Così devono ragionare i governanti. Ma ci arriveranno mai???

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 27/09/2019 - 16:48

A fine anno chiudo la partita IVA dopo 35 anni, il nuovo governo mi ha convinto !

Korgek

Ven, 27/09/2019 - 16:56

@Clastidium e coloro che lo appoggiano. Mi creda, oggi più che mai per un professionista è difficile mettersi da parte qualcosa. Il dipendente paga le tasse, ne paga tante, ma il suo stipendio è il suo risparmio. Il professionista in generale fa fatica e non risparmia. Non pensi che chi abbia aderito al forfettario oggi nuoti nel denaro, per favore! Sono d'accordo anche io che possa essere rivisto ma sempre in ottica di garantire al professionista quello che viene garantito al dipendente, un risparmio sicuro!

dallebandenere

Ven, 27/09/2019 - 17:04

@clastidium(CASTEGGIO),le è stato già spiegato abbastanza, ma forse lei non capirà mai,oppure ha capito fin troppo bene ma si trova in un inrreversibile stato di malafede.Un forfettario che paga il 15% (o anche l'11,7% applicando l'improbabile coefficiente di redditività) non detrae ne deduce nulla all'infuori dei contributi previdenziali obbligatori.Questo vuol dire che le spese per il suo lavoro: pedaggi,meccanici,carburanti,attrezzature,software,bolli,stampe,affitti e balzelli vari,son praticamente a suo carico.Non ha ferie pagate,ne malattie,ne tredicesime ne quattordicesime,ne premi produzione.Se ragionevolmente fattura sui 30.000/35.000 euro(ed è già un grandissimo risultato,con i tempi che corrono),gli rimane appena di che vivere con l'equivalente di un risicato stipendio.E non risponda che basta non fatturare,perchè la fattura va fatta praticamente a tutti(Enti,Società,Imprese...).Studi CASTEGGIO,studi...

EOSFORO

Ven, 27/09/2019 - 17:11

Giusto il carcere per chi evade! Chiaramente stessa pena con restituzione del maltolto da parte dei furbetti del cartellino tanto cari ai sindacati. Provate ad Andare negli uffici pubblici per un documento dove se non siete fortunati trovate meno della metà del personale disponibile e il poco rimasto ha già chiuso i battenti in largo anticipo per dedicarsi alla lettura del giornale o di qualche social. È chiaro che se state male come dipendenti pubblici potete senza problemi licenziarvi e aprire la partita IVA e avere tutte le grandi agevolazioni che immaginate. La retribuzione di un dipendente pubblico deve essere valutata secondo rendimento, inoltre carcere per chi non lavora e per chi timbra senza essere presente.

dallebandenere

Ven, 27/09/2019 - 17:33

@EOSFORO,lo vado dicendo da tempo:in Italia andrebbero messi tutti a Partita IVA,a partire dai dipendenti pubblici e dagli ancor più lamentosi ed indolenti dipendenti privati.Per i pubblici,pagamento in base alle pratiche istruite ed evase.Niente pratiche evase,niente pagamento.Questo paese,ormai ridotto ad una cloaca nordafricana,diventerebbe un cantone svizzero.

antonomasia

Ven, 27/09/2019 - 17:53

non parliamo di tasse,,,NON CI SONO,,, HO PAGATO CON BOLLETTINI POSTALI (PER IL RINNOVO DELLA PATENTE) 52 EURO IN TOTALE,,,PIU' 4 € DI TASSE SU BOLLETTINI POSTALI LO SCONTO PER GLI ULTRA SETTANTENNI PER I VERSAMENTI,NON ESISTONO PER IL RINNOVO PATENTE E VAI

rrxxrr

Ven, 27/09/2019 - 18:41

In relazione alla tassazione del contante Il Sole 24 Ore dice: "..per alcune tipologie di prodotti e di servizi in settori ritenuti ad alto rischio di evasione (ad esempio i Ristoranti) l’ipotesi sarebbe quella di incrementare di 1 punto percentuale l’IVA per i pagamenti cash e ridurla di 2 punti per chi sceglierà una modalità alternativa e tracciabile." Quindi, se al ristorante mi presentano un conto di 100 Euro+IVA, con la carta pagherò 108, con i contanti pagherò 111. Al ristoratore (che, coma lascia intendere la proposta, NON è onesto) basterà propormi di pagare cash 105 Euro, e non registrare l'incasso (!!) A me questa idea sembra più un incentivo ad evadere che un deterrente. Ma forse mi sbaglio. Quelli intelligenti stanno da altre parti...

onurb

Ven, 27/09/2019 - 18:48

Clastidium 15.51 Per evitare di parlare a vanvera vediamo i numeri. Stamattina ho pagato le varie tasse che risultano dalla dichiarazione dei redditi relativi all'anno 2018. Su un fatturato di circa 93 mila euro, detratte le spese di gestione della mia attività, ho avuto un saldo netto di poco più di 45 mila €. Su questi tra irpef, addizionali regionale e comunale, INPS e IRAP ho versato allo stato poco più di 21 mila €, per cui mi è rimasto un reddito di poco meno di 24 mila €, ossia circa 2 mila € mensili. Facendo la proporzione 93.000 : 100 = 24.000 : x si ottiene che, rispetto al fatturato, il mio guadagno netto è stato del 25%. Amen.

bernardo47

Ven, 27/09/2019 - 18:51

garavaglia e' tra i pochi stimati nel suo campo politico! eviti di scendere a livello di borghi o bagnai! e fara' miglior figura.

Ritratto di adl

adl

Ven, 27/09/2019 - 19:30

Basta con le parole moderate, far pagare più iva a chi non usa il bancomat, cioè ai pensionati ed agli anziani con nessuna dimestichezza, con la moneta elettronica e con internet, è UNA GIGANTESCA PORCATA DISCRIMINATORIA ED INCOSTITUZIONALE.

Ritratto di mailaico

mailaico

Ven, 27/09/2019 - 19:50

ma no ... dai. non faranno come tutti i governi di sinistra. loro sono il cambiamento 2.0.

cir

Ven, 27/09/2019 - 20:33

onurb : ovvero BRUNO , amen un cavolo , e' un risultato strepitoso.

Ritratto di lettore57

lettore57

Sab, 28/09/2019 - 16:44

Clastidium le assicuro che se c'e' uno che legge male è lei: si parla delle partite iva e nelle partite iva non ci sono solo professionisti. I professionisti li ha messe dentro lei. Provi a fare un reset, rilegga l'articolo e il suo primo commento.

rrxxrr

Dom, 29/09/2019 - 10:38

onurb, mio figlio ha avuto un reddito tassabile di 45,000 euro. Tra saldi, INPS ed acconti vari, avrebbe dovuto versarne 47,000. Ergo, lavorare un anno e dare TUTTO allo Stato IN PIU' chiedere un prestito in Banca per riuscire a pagare tutto...e vivere un anno, con moglie e due figli a carico, mangiando l'erba del giardino. Tutto documentabile. A te è andata da Dio!!!