Genova, il sindaco Bucci nominato commissario per la ricostruzione del ponte

Il governo ha deciso: il commissario straordinario per la ricostruzione del ponte di Genova sarà il sindaco Marco Bucci

Il governo ha deciso. Il commissario straordinario per la ricostruzione del ponte Morandi è il sindaco di Genova, Marco Bucci. Dopo una telefonata tra il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il Presidente della Regione Giovanni Toti, Palazzo Chigi ha comunicato l’intenzione di procedere alla nomina del primo cittadino della città della Lanterna. La Regione Liguria ha espresso parere favorevole.

Poco dopo arriva la conferma da parte del capo del governo, che si trova ad Assisi per le celebrazioni di San Francesco, patrono d'Italia: "Tornato a Roma firmerò il decreto che nominerà il commissario straordinario nella figura del sindaco di Genova, Marco Bucci. Oggi entriamo in una nuova fase preordinata alla ricostruzione".

In una conversazione con La Stampa il premier ha sottolineato che in Italia "strade, ponti, scuole, sono state costruite in gran parte negli Anni Cinquanta e Sessanta. Bisogna intervenire subito. Lo sappiamo noi italiani, ma lo sanno anche i francesi, i tedeschi, gli americani. Lo Stato farà la sua parte. E i privati saranno chiamati a fare la loro. In particolare quelli che hanno avuto le concessioni guadagnando un sacco di soldi e che d’ora in avanti dovranno rispettare la parte del contratto che impone loro la manutenzione ordinaria e straordinaria. Controllerò i numeri personalmente". Poi si è rivolto ai genovesi: "Faremo di tutto per consegnargli il ponte entro la fine del 2019".

ll vicepremier Luigi Di Maio ha detto che "il nuovo decreto dà super poteri al commissario per ricostruire in tempi brevi il ponte di Genova. Adesso lo faremo velocissimi perché Genova deve tornare alla serenità che aveva prima".

Il sindaco-manager

Dopo aver vinto alle elezioni del 2017 Bucci ha posto fine a decenni di governo di centrosinistra a Genova. Sindaco-manager, è nato nato a Genova nel 1959. Laureato in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche presso l’ateneo genovese, ha lavorato per la 3M, importante multinazionale statunitense, dopo essersi specializzato negli Usa e in Svizzera. La sua carriera da manager si sviluppa prevalentemente all’estero, ricoprendo la carica di presidente della Carestream Health Inc (colosso americano del settore dell’imaging medicale e dentale, ndr), ceo della Eastman Kodak Company (lo storico marchio della fotografia) e vicepresidente di SGS (azienda svizzera di ispezione e certificazione dove si affermò Sergio Marchionne prima di passare in Fiat). Dall’ottobre 2015 al giugno 2017, chiamato dal governatore Giovanni Toti, ricopre il ruolo di amministratore delegato di Liguria Digitale. Incarico abbandonato dopo l’elezione a sindaco di Genova.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ciruzzu

Gio, 04/10/2018 - 11:19

Si sta dimostrando un ottimo sindaco per Genova e anche Toti.Una assegnazione di buon senso che conforta noi Genovesi

Capellonero

Gio, 04/10/2018 - 11:54

conflitto d'interessi....non conta per il sindaco????

fenix1655

Gio, 04/10/2018 - 12:09

Hanno perso tempo inutilmente per partorire la logica.

SpellStone

Gio, 04/10/2018 - 12:24

un sincero in bocca al lupo!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 04/10/2018 - 14:04

La patata è più che bollente, per questo faccio al sindaco auguri sinceri di portare a compimento un "programma ambizioso" ma insidioso.

Comancheros5

Gio, 04/10/2018 - 17:07

Capellonero con la storia dei conflitti di interesse non si fa mai niente. Poi la sinistra è maestra di conflitti tutti nefasti per la Nazione.

Oresteob

Ven, 05/10/2018 - 08:38

Parma 05/10/*2018 nessuno ha il coraggio di dire a questi improvvisati che la tanta vituperata autostrade in meno di due mesi ha aperto al traffico tangenziale e corsia autostrada dopo il tremendo incidente per lo scoppio della autobotte con relativa distruzione dei ponti tangenziale e una corsia autostradale. A genova dopo quasi due mesi hanno appena nominato un commissario che sarà pure bravo sindaco ma di ponti se ne intende come me.