Il giallo di AstroLuca che sapeva tutto

Parmitano: "Seguivo il virus dallo spazio a novembre". Poi ritratta: "Mi sono confuso"

Che la pandemia di Covid-19 avesse preso il via ben prima che la Cina dichiarasse i primi contagi, è ormai cosa nota. Certi ambienti sapevano e hanno taciuto, forse per paura di un caos mondiale, di una scena apocalittica simile a quella riportata nel film «E venne il giorno». Da tempo i medici notavano morti per strane polmoniti, ma nessuno fiatava. Tanto che, nell'indifferenza più totale, già nel mese di novembre non si riuscivano più a trovare mascherine di protezione in tutta Italia e i siti internet di acquisto dei dispositivi di protezione già ricevevano migliaia di richieste per i prodotti sanitari. Ora arriva la notizia, riportata da Difesa online, che confermerebbe i sospetti. In due distinte trasmissioni, infatti, l'astronauta Luca Parmitano, «AstroLuca», per i più, ha raccontato che già a novembre dello scorso anno, mentre si trovava sulla Iss, la stazione spaziale internazionale, aveva appreso dei primi contagi in Cina. Il 25 aprile a Petrolio, su Rai Uno, il pilota sperimentatore dell'Aeronautica militare, primo italiano a fare nel 2013 una passeggiata spaziale di 6 ore e 7 minuti, ha raccontato: «A bordo abbiamo un collegamento quotidiano con le realtà terrestri. Abbiamo anche accesso alla rete internet, possiamo comunicare con i centri di controllo e già da novembre, avevamo iniziato a seguire i primi contagi, inizialmente soltanto nei Paesi asiatici, poi al mio rientro i primi contagi in Europa».

Il 9 maggio 2020 ha replicato a Tg2 Storie: «Sulla stazione abbiamo seguito - ha spiegato - quello che stava succedendo sulla Terra: anche prima del mio rientro, già da novembre, eravamo al corrente di questo probabile contagio pandemico e soprattutto la gravità che si andava allargando a macchia d'olio proprio in Europa». Parmitano ha fatto rientro dalla Iss il 6 febbraio scorso. Del Covid-19 solo intorno al 20 gennaio si era iniziata a diffondere la notizia. I primi di febbraio furono riportati in Patria i primi connazionali in fuga da Wuhan e fu proprio l'Aeronautica a effettuare il trasporto con un Boeing Kc-767. È quindi molto probabile che Parmitano sapesse. Luca, che ha sei missioni spaziali all'attivo, che è ufficiale dell'Am, impiegato per lungo tempo al Reparto sperimentale volo di Pratica di Mare, eccellenza della Forza armata azzurra, è difficile possa essersi sbagliato riguardo al mese in cui ha appreso la notizia dei primi contagi. Anche perché per ben due volte ha parlato di «novembre». E che la pandemia sarebbe stata di estensione mondiale lo si era capito anche da un primo decreto anti Covid firmato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte il 31 gennaio, in ritardo rispetto al diffondersi della notizia. Un provvedimento che estendeva l'emergenza al 31 luglio. Gli sbagli successivi, con la chiusura del Paese il 12 marzo, sono ormai una certezza. Ma le parole di Parmitano restano: «Nel Continente si andava allargando a macchia d'olio». Ed è proprio così che i contagi si sono diffusi, soprattutto nel Nord Italia.

Peraltro, con AstroLuca, dell'Esa, partirono il 20 luglio dello scorso anno dal cosmodromo di Baikonur anche l'astronauta Nasa Drew Morgan e il comandante Alexander Skvortsov di Roscosmos. Che anche i russi e gli americani sapessero della pandemia? A questo punto pare molto probabile che ad alti livelli si fosse a conoscenza di ciò che stava accadendo. Dall'Esa fanno sapere con un comunicato arrivato in tarda serata che «a bordo dell Iss non si utilizza il calendario, ma il Cordinated Universal Time(UTC). L'anno inizia con il giorno uno e finisce con il giorno 365 e gli eventi vengono eseguiti in base a questa pianificazione. Di conseguenza è possibile confondere un mese con un altro». Inoltre, Parmitano spiega che «intorno alla fine della missione si parlava di varie crisi. Ho fatto confusione - prosegue - tra le diverse conversazioni. A bordo abbiamo appreso del contagio insieme al resto del mondo. Tutto questo è facilmente verificabile perché le comunicazioni sono registrate». L'equipaggio è oltretutto stato messo in quarantena al rientro. L'episodio si tinge di giallo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

giovanni235

Mar, 26/05/2020 - 10:26

Parmitano ritratta:FORSE MI SONO CONFUSO.Detto da uno come lui è imbarazzante.Pensate se trovandosi a dover rientrare sulla Terra confondesse i bottoni:quello che lo fa ritornare con quello che lo spara nello spazio.Fosse stato zitto almeno non risulterebbe RIDICOLO.

Ritratto di Montagner

Montagner

Mar, 26/05/2020 - 10:50

Certamente qualcuno, al governo, sapeva che il covid19 si stava diffondendo prima del suo riconoscimento ufficiale, come pandemia, da parte dell'OMS! . . . Il dubbio è: sapevano e ci hanno tenuto nascosto qualcosa? RIFLESSIONE banale e semplice: _ Il mese di agosto 2019 alcune squadre di calcio europee vanno in Cina per partecipare ad alcuni tornei. _ Al ritorno un allenatore di queste squadre, tale Sarri, viene ricoverato in ospedale per una grave forma di broncopolmonite e resta lontano dai campi di calcio per oltre due mesi. _ Siamo sicuri che quella infezione polmonare NON abbia niente a che fare con il covid19? . . . Fu il solo ed unico caso? _ E se il corona virus avesse iniziato a circolare molto, ma molto prima di quando ci raccontano? Speriamo che i “grandi esperti”, che all'inizio ci segnalavano che era solo una semplice e tradizionale influenza, abbiano sottovalutato la “cosa” perchè diversamente . . . . . . . ogni congettura diventa possibile!

Ritratto di filospinato

filospinato

Mar, 26/05/2020 - 10:55

gli elevati sapevano prima? non siate gomblottisti e gaiabiattisti

Guido_

Mar, 26/05/2020 - 10:57

"A bordo abbiamo appreso del contagio insieme al resto del mondo. Tutto questo è facilmente verificabile perché le comunicazioni sono registrate." Nessun giallo dunque.

hectorre

Mar, 26/05/2020 - 11:03

saranno contenti quelli dell’agenzia spaziale....mandare nello spazio un astronauta che fa confusione!!!!....avrà ricevuto una chiamata e un consiglio che non poteva rifiutare????....se fosse vero, caro Parmigiano, testa alta e attributi!!!!!....difendere simili cialtroni è avvilente..

ruggerobarretti

Mar, 26/05/2020 - 11:06

Medici della mia zona dichiarano: "ad ottobre trattate strane polmoniti virali".

Abit

Mar, 26/05/2020 - 11:07

Doveva tacere!

Sempreverde

Mar, 26/05/2020 - 11:12

Ciò che dispiace è che un uomo grande e quasi un eroe deve smentire se stesso per salvare la vilta’ di qualcuno. Confondersi una data in modo macroscopico non risulta credibile. Questi ragazzi possono pilotare con una mano, un occhio solo, leggendo in russo o cinese, in condizioni di emergenza e semisvenuti. Mi dispiace ma non ci crede nessuno alla temporanea confusione. Ora la domanda risulta: chi ha dato ordine di smentire? Chi ha voluto nascondere tutto? Il virus mostra traccie evidenti negli anticorpi del sangue di donatori da dicembre. Due prove indipendenti inconfutabili. Ps. Correte a distruggere il sangue nei centri di raccolta prima che vi arrivi un PM e cancellate le comunicazioni nel web. Questo farebbe il governo di Estasia nel romanzo di Orwell 1948

maurizio@rbbox.de

Mar, 26/05/2020 - 11:22

Guido_ - "facilmente verificabile perché le comunicazioni sono registrate"... quando il "registratore" è acceso. Un po' come i radar dell'Aeronautica ai tempi di Ustica. ... quasi 33 mila morti eh!!!

Sempreverde

Mar, 26/05/2020 - 11:27

La magistratura deve indagare per strage

DRAGONI

Mar, 26/05/2020 - 11:36

MA POI HA AVUTO UN RIPENSAMENTO SE NON ERRO!!CHI SA PERCHE' UN SUPOER UFFICIALE ASTRONAUTA ANCHE HA DICHIARATO DI ESSERSI "CONFUSO"!! QULACUNO LO HA "CONSIGLIATO" IN MODO TALE DA NON ESSERE UN "TESTIOMONE" INFORMATO DEI FATTI DELL'ATTO DI GUERRA BATTERIOLOGICA SCATENATA DALLA CINA COMUNISTA CONTRO IL MONDO LIBERO ????

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 26/05/2020 - 11:42

Un visionario e un precursore come il professorTarro! Ma se sapeva perché non ha parlato? Credi che si sia veramente confuso ...

Papilla47

Mar, 26/05/2020 - 11:44

Ormai parlano tutti e dicono cose che ci disorientano ma fatela finita un volta per tutte. Noi vogliamo solo andare a votare per cambiare questo schifo. Berlusconi, Meloni e Salvini sono dei giganti e non c'è gara se i competitori dell'altra parte sono Azzolina, Boccia e Speranza o, a vostra scelta, chiunque altro a cominciare da Toninelli.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mar, 26/05/2020 - 11:52

Vedremo cosa stabilirà il Copasir.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 26/05/2020 - 12:04

ennò non sei confuso! negli ambienti astronauti queste sono eventualità che vanno previste! non si può lasciare nulla al caso, perchè una astronave che parte per marte, non deve essere messa in pericolo per colpa di un batterio o virus ! ecco perchè seguivano anche quelle vicende in cina! :-)

Fjr

Mar, 26/05/2020 - 13:06

pensa che il primo che diceva che questo virus era una burla era toninelli e quell'altro della regione lazio che con la faccettina diceva ,ma sono solo due casi macchessara' mai

Sempreverde

Mar, 26/05/2020 - 13:24

Grazie Luca, so come la pensi. La tua smentita forzata costituisce una conferma inequivocabile. Stanno accadendo cose in Italia che mettono in pericolo la democrazia. Governi che nascondono informazioni alla popolazione mentre si creano camere di rianimazione e magistrati che tramano contro aree politiche. Nonostante tutto questo il silenzio di certa stampa e di certe cariche politiche apicali offende i cittadini.

capi_tan_iglu

Mar, 26/05/2020 - 13:30

Sapevi tutto e non ci hai detto niente.......io proprio non lo so.......

Ritratto di sbuciafratte

sbuciafratte

Mar, 26/05/2020 - 13:45

Si, si,I topmen sapevano. Ricordate il pope Francesco che schiaffeggio'la cinese che lo aveva toccato? Eh già, il pope ha orecchie ovunque anche a Wuhan. Evidentemente i topmen sapevano ma nascondevano il pericolo, salvo poi dirlo al momento opportuno per azzerare tutto compresa l'economia globale, petrolio a picco, tutti giù per terra. Sapremo mai la verità di ciò? Mistero

SemprePiùBasito

Mar, 26/05/2020 - 13:50

Abbiamo capito che il sig. Conte sapeva tutto e non ha fatto niente. Penso che costui potrebbe essere denunciato per strage e me lo auguro che lo si faccia assieme a il M5S e il PD.

Klotz1960

Mar, 26/05/2020 - 14:29

Ma cosa volete che sapesse questo BUFFONE? Saranno almeno 50 tra Americani e Russi ad aver passato settimane nello spazio, e nessuno si da' le arie di questo qui.

vinvince

Mar, 26/05/2020 - 14:52

... certo che dall’alto le cose si vedono meglio !!!

Lugar

Mar, 26/05/2020 - 16:39

Ma certo che si sapeva. A gennaio durante l'epidemia cinese, ero convinto che arrivasse anche da noi. Non ho avuto dubbi tanto che ho provveduto subito all'acquisto di beni di prima necessità, insomma ho fatto scorte. Nel frattempo i nostri media cercavano disperatamente di minimizzare accusando qui e la di catastrofismo e addirittura di razzismo. La nostra sinistra che storicamente fa il bastian contrario sostenendo l'insostenibile e per dimostrazione, ha sacrificato il suo leader rischiando di perderlo. Conclusione: non siamo un branco di pecore da governare ma persone con le responsabilità di famiglie e aziende, le cose ci vanno dette con serietà e fermezza. Ma ci vanno dette in tempo.

Lugar

Mar, 26/05/2020 - 16:43

Una cosa volevo precisare, non lo chiamate AstroLuca, mi sembra di sminuirlo a mo di personaggio dei fumetti. Si chiama Luca e lavora nello spazio.

Ritratto di anno56

anno56

Mar, 26/05/2020 - 19:34

È sempre un militare ha dei superiori a cui obbedire,pena problemi disciplinari, alla fine della catena di comando ci troviamo qualche politico, ministro, viceministro o sottosegretario che sia quindi...