La Meloni attacca Conte: "Soldi dal Venezuela a M5s? Chiarisca"

Il leader di Fdi Giorgia Meloni interviene sulle notizie del Giornale riguardanti presunti finanziamenti venezuelani ai grillini. La Montaruli presenta interrogazione

La Meloni attacca Conte: "Soldi dal Venezuela a M5s? Chiarisca"

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, interviene su quanto rivelato questa mattina da IlGiornale, ossia una conferma da parte di un ex vertice degli 007 venezuelani sul presunto finanziamento che sarebbe arrivato da Hugo Chavez ai "partiti amici", tra cui il MoVimento 5 Stelle.

La Meloni ha domandato a Giuseppe Conte di charire. "Apprendiamo dal quotidiano Il Giornale che l'ex capo dell'intelligence militare di Chàvez, Hugo Carvajal, avrebbe confermato alla giustizia spagnola il finanziamento ai partiti amici del regime venezuelano in giro per il mondo", ha premesso l'ex ministro della Gioventù.

Poi la specificazione: "Tra questi - ha fatto presente la Meloni, come ripercorso da Italpress - ci sarebbe anche il M5S. Una notizia diffusa in passato dal quotidiano spagnolo ABC, che aveva parlato di una valigetta con tre milioni e mezzo di euro in contanti inviata da Nicolas Maduro, allora ministro degli Esteri di Chàvez e oggi presidente del Venezuela, e fatta arrivare a Gianroberto Casaleggio". La richiesta della fondatrice di Fdi è cristallina: "Fratelli d'Italia - ha proseguito - chiede ufficialmente al M5S e al suo presidente Giuseppe Conte di chiarire queste notizie e di prendere politicamente le distanze dalla dittatura comunista di Caracas, che sta affamando il suo popolo e costretto milioni di persone a scappare dalla loro Patria".

Il neo vertice pentastellato Giuseppe Conte, quindi, dovrebbe sia spiegare le "notizie" sia distanziarsi con tutti i crismi dalla dittatura venezuelana. Nel frattempo, Fdi sta per presentare un'interrogazione a firma dell'onorevole Augusta Montaruli. Il Giornale.it è entrato in possesso della bozza di questa interrogazione. E la deputata torinese, nel suo documento, inizia spiegando pure chi fosse Hugo Chavez: "In data odierna, in un articolo del quotidiano nazionale "Il Giornale" - si legge al principio del testo - , è emersa la notizia secondo la quale il Movimento 5 stelle avrebbe ricevuto illecitamente risorse economiche da Hugo Chávez, uomo di punta, sino alla sua morte, del regime venezuelano".

E ancora: "In particolare - prosegue l'onorevole Augusta Montaruli - , l’articolo che si allega riporterebbe dichiarazioni che sarebbero state rese dall'ex capo dell'intelligence militare venezuelana, Hugo Carvajal, attualmente detenuto presso il carcere di Madrid (Spagna), il quale, collaborando con gli organi di giustizia spagnoli, avrebbe rivelato "preziose informazioni sul finanziamento, illecito e rigorosamente "top secret", del chavismo ai politici della sinistra mondiale". E tra le formazioni nominate c'è il MoVimento 5 Stelle.

Poi la deputata piemontese continua: "L'ex capo dei servizi segreti della dittatura di Caracas, nel documento in possesso delle autorità giurisdizionali spagnole, descriverebbe in maniera dettagliata anche i diversi metodi con cui il regime inviava denaro sotto copertura ai partiti politici alleati del chavismo, tra cui figura il Movimento 5 stelle". Tutto questo porta ad un'ulteriore considerazione: "Sempre secondo l’inchiesta giornalistica - annota l'esponente di Fdi - tra le tecniche di scambio di denaro più utilizzate vi sarebbe pure quella dell’utilizzare borse diplomatiche venezuelane che sarebbero state depositate presso organismi internazionali e diplomatici quali consolati e ambasciate oppure quella di finanziare illecitamente società di facciata o, ancora, l’utilizzo dell’ambasciata cubana in Venezuela come centro di smistamento".

In chiusura d'interrogazione, la Montaruli domanda "quali urgenti provvedimenti si intendano adottare per verificare un’eventuale ingerenza di uno stato estero sulla politica nazionali e le scelte assunte dal governo, anche in politica estera". Il tutto verra portato all'attenzione del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese, che avrà modo di rispondere a quanto sollevato da Fdi.

Commenti