Il governo M5S? Un incubo per tre italiani su quattro

Solo il 25% ritiene "positiva" l'ipotesi di un esecutivo grillino. Perplesso pure il 4% degli elettore Cinque stelle

Le vicende romane del Movimento Cinque Stelle hanno portato il partito di Beppe Grillo nell'occhio del ciclone. E hanno fatto emergere le, peraltro già note e più volte sottolineate da osservatori e studiosi del fenomeno, debolezze strutturali del movimento fondato dall'ex comico genovese.

In questi giorni esse sono venute (nuovamente) alla luce in modo prepotente finendo su tutte le prime pagine dei giornali. Su questi ultimi i commentatori hanno posto soprattutto l'accento sulla palese approssimazione di certe scelte e anche sull'incompetenza che taluni esponenti del Movimento hanno talvolta dimostrato. Il fatto è che alcuni, molto giovani e, forse per questo motivo, un poco inesperti, si sono trovati di colpo a dovere gestire responsabilità, anche considerevoli, di gestione e di indirizzo. Evidentemente i temi su cui si è sviluppata la loro crescita politica (la critica all'establishment, alla casta, ecc.), che pure si sono dimostrati molto attraenti per l'elettorato, non forniscono sempre e necessariamente una base di conoscenze sufficiente per poi assumere le redini del governo.

Al riguardo, Claudio Cerasa ha osservato sul Foglio come «i principi grillini sono da molti punti di vista incompatibili con i principi di governo». Ma la «colpa» di tutto questo non sta naturalmente tanto nelle caratteristiche dei singoli individui, quanto in un fenomeno più generale: l'assenza di una vera e organica strutturazione del Movimento che è appunto tale e non è un «partito» come tradizionalmente si intende.

Questa sua connotazione porta a debolezze consistenti nella fase di selezione della leadership e, specialmente, dei candidati alle diverse cariche elettive, spesso prescelti con pochi voti espressi sul web, con una partecipazione straordinariamente modesta della base elettorale (diversamente da come Gianroberto Casaleggio aveva previsto e auspicato). E, al tempo stesso, ad un processo decisionale fortemente concentrato nei vertice peraltro non sempre presente e totalmente privo di procedure condivise interne, specie nei momenti cruciali.

Probabilmente anche per questi motivi, solo una minoranza (anche se consistente) degli italiani, pari al 25%, ritiene oggi che «sarebbe una cosa positiva» che i Cinque Stelle andassero al governo del Paese in caso di loro vittoria alle elezioni politiche nazionali. È uno dei dati che emerge da un sondaggio su di un campione rappresentativo della popolazione adulta italiana, condotto mercoledì scorso dall'Istituto Eumetra Monterosa. È immediato notare come la percentuale di quanti ritengono che i grillini siano adatti al governo del Paese risulti persino inferiore allo stesso seguito attuale del M5S, che ancora negli ultimi giorni è stato stimato attorno al 29% (anche se una recentissima rilevazione, che andrà tuttavia verificata in seguito, ipotizza un calo del M5S sino al 25%). Sta di fatto che nel sondaggio di Eumetra Monterosa, anche tra coloro che dichiarano di votare oggi per il movimento di Grillo, si riscontra un 4% di perplessi nel pensare il M5S alla guida dell'esecutivo. È interessante rilevare come i sostenitori del M5S al governo sono in particolare i più giovani di età. Infatti, il 25% di convinti dell'utilità di una ascesa al governo dei pentastellati si accresce considerevolmente isolando la popolazione under 24: tra costoro è ben il 44% a pensarla così, segno di una molto più elevata popolarità del Movimento di Grillo tra le nuove generazioni di elettori.

A fronte del 25% di fautori di una ascesa al governo dei grillini, una percentuale superiore, il 28%, dichiara espressamente che questi ultimi «non sono in grado di governare». Questa opinione è relativamente più diffusa tra i meno giovani e tra chi ha un titolo di studio più elevato, con una ulteriore accentuazione tra i laureati, ove raggiunge il 37%.

Ma il risultato che più colpisce per la sua diffusione nelle risposte a questo sondaggio è la popolarità della risposta che afferma come la presenza del M5S al governo risulti essere in fin dei conti indifferente tanto i partiti sono tutti uguali. È un'opinione superficiale, affrettata, ma molto presente tra chi ed è, spesso lo si dimentica, la grande maggioranza degli italiani segue poco e distrattamente le vicende politiche. Si tratta per lo più di persone con un basso titolo di studio, casalinghe, pensionati, ma anche molti disoccupati o in cerca di prima occupazione. È tra costoro che più spesso si trova chi si astiene alle elezioni o è comunque tentato dal farlo. Ciò che anima questo segmento di elettori è un radicato disprezzo verso la politica e i suoi esponenti (compresi, in parte, una porzione di quelli del Movimento Cinque Stelle coinvolti nelle vicende di questi giorni), un senso di forte lontananza dalle istituzioni democratiche rappresentative e, come ha osservato Stefano Folli, un rancore permanente e una assoluta sfiducia verso chi governa o si trova comunque vicino all'area governativa.

È proprio questa la base potenziale di movimenti populisti come il M5S. Anche i risultati di questo sondaggio mostrano dunque come, al di là della sfiducia che appare oggi coinvolgere anche il Movimento di Grillo, il sentimento populista continui a restare molto (troppo) ampio nel nostro Paese. Ed è significativo che esso sia presente anche in parte dell'elettorato dei partiti tradizionali, tanto che il 31% degli elettori del Pd, il 39% di quelli di Forza Italia e addirittura il 54% dei votanti per la Lega Nord (oltre, naturalmente, il 66% di chi è intenzionato ad astenersi) non esisti ad affermare che i partiti compreso il M5S sono tutti uguali.

Insomma: se è vero che dalla vicenda romana i Cinque Stelle hanno perso parte della loro credibilità (ciò che si potrebbe ma il condizionale è d'obbligo tramutare in una erosione del loro seguito elettorale), è vero anche che le altre forze politiche non ne hanno acquisita. Lasciando intatto il potenziale populista del nostro Paese.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di italiota

italiota

Sab, 10/09/2016 - 08:52

meglio continuare a farci derubare dai soliti "amici degli amici"

vale.1958

Sab, 10/09/2016 - 09:02

Orgoglioso di essere l UNO dei quattro..! Quando si dice la propaganda becera come aliena i cervelli di tre italiani su quattro..Povera Italia.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 10/09/2016 - 10:01

Se dovessero governare la Nazione, la percentuale sarà da incubo, molto più alta. Di contro gli attuali non è che siano da meno.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 10/09/2016 - 10:29

Puo' essere, ma di sicuro il governo pd lo stiamo provando e ci sta portando allo sfascio. Ha ragione italiota, lasciamoci rubare tutto dal pd, distruttori certificati.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Sab, 10/09/2016 - 10:45

Egregio vale.1958 era Lun, 11/07/2016 e alle 20:18 scrissi il post che segue: "Virgì, hai capito ora quale matassa devi sbrogliare? Roma è come l'Italia: è inutile governarla. Ti fagociterà e, insieme a te, il consenso del M5*****. Auguri di cuore". Erano ancora tempi non sospetti e quindi pronosticai solo quello che sta attualmente accadendo. Non è becera propaganda ma solo manifesta incapacità. Ed il bello deve ancora arrivare. Il tempo è galantuomo. Stia bene. Dalton Russell.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Sab, 10/09/2016 - 10:47

Pardon, facociterà. Dalton Russell.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Sab, 10/09/2016 - 10:48

Perché definire "ex comico" il Grillo? Secondo me è un comico a tempo pieno ed a tutti gli effetti, anche perché non ha mai detto di ritirarsi dalle scene. E poi in tutto questo ambaradan politico e pentastellato non vedete l'opera grandiosa di un vero comico? Ma, da non dimenticare, c'è anche l'importante manina di un leader, di un sedicente statista, che per buggerare la Meloni e Salvini, quindi cdx vs cdx, è arrivato sino a questo, a preferire la salita al potere di Roma del M5S. Viva Berlusconi!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 10/09/2016 - 10:55

"Se non ci fossimo noi in parlamento sarebbe già arrivata Alba Dorata!" Alla luce della situazione attuale mi chiedo se ci sia ancora da vantarsi di aver conseguito questo risultato.

Tarantasio

Sab, 10/09/2016 - 11:02

a quale sondaggio vi riferite? sul web non ne trovo traccia... è stato forse commissionato dal sig. Manheimer

gabrio

Sab, 10/09/2016 - 11:02

non voto M5S ma quest'articolo è davvero una c...ta. L'attenzione di tutti i giornalisti ormai è su Roma, meglio dimenticare tutto il resto e dedicarsi solo a questo. E' proprio vero: i giornalisti sono il cancro del mondo.

ectario

Sab, 10/09/2016 - 11:15

Ma come si fa a giustificare la pochezza di questi 5S con "quelli che c'erano prima erano peggio"? Certamente, non peggio un vero schifo di ladri (capaci benissimo a ladrare), dove il PD ne è l'emblema (perchè incapace per natura e perchè gestisce il 98% dei soldi e potere) ma questi qua si incartano da soli, ai primi passi (vagiti), mentono alla prima occasione, inciampano in cose fatte da loro: ma siete matti ad auspicare l'avvento nazionale di questi NO Tutto, di cui si capisce perchè, perchè sono iperincapaci, splendidi chiacchieroni, che non sanno fare un "O" con un bicchiere. Neanche il banale ordinario sanno o sarebbero capaci di gestire, figurarsi lo straordinario che a Roma è impellente. Che incubo questa Italia, si cade dalla monnezza che più monnezza non si può alla....... fate voi!

COSIMODEBARI

Sab, 10/09/2016 - 11:25

Ho letto chi ha scritto questo articolo, quindi chi lo firmato, e l'ho cercato su Wikipedia, ricordando qualcosa che non andava bene. Che qui riporto. Wikipedia a proposito di Roberto Mannheimer scive "In gioventù ha fatto parte di gruppi della sinistra extraparlamentare, tra cui il gruppo maoista Servire il popolo, nel quale aveva un incarico particolare: smerciare i libri che i compagni ricchi avevano sottratto alle biblioteche paterne per l'autofinanziamento[2]. È stato sposato con Barbara Pollastrini[3]. È stato fino al febbraio 2014 presidente dell'Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali del Comune di Roma, da cui si è dimesso in seguito all'inchiesta giudiziaria che lo ha coinvolto[4] (condanna per evasione fiscale, per la qual cosa ha dovuto restituire al fisco italiano le cifre evase al netto di interessi)[5]. Letto questo, saputo tutto. Punto e basta.

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Sab, 10/09/2016 - 11:25

Sì vabè dai… allora teniamoci il cazzaro per altri vent'anni, con la sua amichetta Etruria, le bancherotte, i vari bucci e poletti, le coop e mafia capitale, i record di disoccupazione e debito pubblico. Bello eh?

INGVDI

Sab, 10/09/2016 - 11:47

Ci vuole coraggio ma sopratutto incoscienza a dare il voto al M5S. Personaggi incapaci manovrati da un comico che fa ribrezzo solo guardarlo. Il loro pensiero? E' quello del PD, un neocomunismo di moda, portato avanti da moralisti senza morale.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 10/09/2016 - 11:50

Devo capire una cosa. Tutti quelli che sbraitano contro i giornalisti, hanno urla per tutti oppure sono solo riferite a quelli di questo giornale? Non si capisce bene.

carlottacharlie

Sab, 10/09/2016 - 11:57

Quel che preoccupa e' il 25 per cento. Sicuro e' che l'imbecille alligna sempre.

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Sab, 10/09/2016 - 12:16

Il problema non sta nei partiti, che sono entità astratte, ma sta negli uomini, nel condomino che alla vista di un indubbio guadagno (stipendio alto, emolumenti e privilegi vari) perde ogni scrupolo e arraffa quel che può, e spesso lo fa in nome dell' "Onestà", usata come una foglia di fico.

LupoSol

Sab, 10/09/2016 - 12:33

Lo penso da sempre: questi sono più a sinistra dei comunisti (e di conseguenza più pericolosi!) nonostante amino giocare a fare le verginelle. Sarebbe una vera sciagura e la loro presunta "santità e castità" ha già mostrato la sua vera faccia (Parma e Roma in primis). Che Dio ce ne scampi e liberi.

vale.1958

Sab, 10/09/2016 - 12:36

Egregio Dalton Russel...mi creda un incapace puo' solo che migliorare...i vecchi dicevano che nessuno nasce imparato..i ladri che votta e difende Lei invece sonontalmente abituati a rubare che non cambieranno piu'!! Forza Raggi l Italia degli onesti e' con voi!

Ritratto di liusstrale

liusstrale

Sab, 10/09/2016 - 13:10

L’azione berlusconiana e grillina nella politica, sono la conseguenza del’imprudenza del Pool di Milano.Dopo l’eliminazione in Italia della storia dei partiti politici fin troppo bene è andata per l’Italia. Forse avevano sperato che le cose sarebbero andate diversamente, ma come spesso accade il diavolo fa le pentole e non i coperchi. La gente non ha ancora metabolizzato questa situazione,complicatasi ancora di più con l’entrata in politica di Grillo. Il disorientamento è ancora grande nel Paese e la protesta trova un terreno fertile.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Sab, 10/09/2016 - 13:47

Egregio vale.1958, seppur nel Suo stentato Italiano, credo di aver "afferrato" il senso del post. Io non voto, si figuri i ladri. Detto questo, Le racconto una barzelletta: un pugile, alla vigilia di un icontro importante e con un avversario tosto, si lascia andare a dichiarazioni alquanto avventate: lo rompo, lo spacco, l"'apro come una scatoletta di tonno". Una volta sul ring, con gli occhi gonfi ed il naso sanguinante, chiede al suo angolo: come vado? Sei in vantaggio risponde il manager. E allora, (dice il pugile) chi kazzo mi sta menando? l'arbitro? Capito la metafora? Stia sempre bene. "L'alieno" Dalton Russell.

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Sab, 10/09/2016 - 13:48

Sab, 10/09/2016 - 10:45 Sig.Dalton Russel Tempo fa ne scrissi un altro che diceva"Temo che a questa Raggi,il Pd le abbia fornito i cerchioni e la bicicletta completa volutamente senza inserire il sistema di frenatura...Ho paura che i 5 stelle a Roma dureranno l'arco di 6 mesi al max."Dopo Mafia Capitale,il Pd li ha voluti fare vincere a mano bassa,sfruttando l'onda di populismo e cambiamento che i romani chiedevano a furor di popolo.Ritorneranno le solite parole e promesse di circostanza,con Buzzi sindaco e Carminati il suo vice.Auguri.Romani.

salvofranco

Sab, 10/09/2016 - 14:20

ectario-11:15 Egregio, io sono uno di quelli che lei disprezza e ne vado fiero. Ora mi dica – ma con onestà – a “ladrare” in questa nazione è stato solo il PD? Io sono un ex elettore del berlusca, pensi un po’… Una cosa è certa, di loro può dire solo il contrario: il Movimento ha DATO, più che ladrare come gli altri, e lei lo sa benissimo. Tant’è che non ne parla nemmeno. Se invece non lo sa davvero, allora digiti “tirendiconto”, così poi non potrà dire che non lo sapeva.

gabrio

Sab, 10/09/2016 - 15:11

@Leonida55: io personalmente ritengo che TUTTI i giornalisti siano feccia, che girano le cose come vogliono loro.

Lapecheronza

Sab, 10/09/2016 - 15:12

La strategia per conservare il malaffare in Italia dei tradizionali partiti che hanno portato il Paese, sopratutto Roma, a come si trova ora è quello di sabotare l'immagine del M5S in ogni modo, evidenziare in modo martellante con continui articoli sulle prime pagine delle principali testate nazionali. Come se gli altri avessero amministrato in modo impeccabile; l'ATAC, i rifiuti, Mafia Capitale, il debito faraonico di Roma (e non solo quello), vari scandali come gli oltre 800 flaconi di disinfettante all'ASL di Foggia che costano 60€ ma pagati 1920 €... Lo scopo è risollevare il Paese tutti compatti o spartirsi la torta tra i soliti noti ?

Marcello.Oltolina

Sab, 10/09/2016 - 15:17

Chi ha governato Roma negli ultimi 20/30 anni è stato capace di accumulare debiti per 22 miliardi, una combricola di ubriachi avrebbe fatto meno disastri - I Grillini faranno anche loro degli errori ma è gente onesta e faranno sicuramente meglio dei loro predecessori, vanno appoggiati e incoraggiati non ostacolati altrimenti riprendetevi i ladri e gli incapaci di prima-

ectario

Sab, 10/09/2016 - 16:38

Salvofranco, il mio disprezzo va sempre e comunque a quelli che ci opprimono da 50 anni distruggendo l’identità Italia e lo spostamento della ricchezza da un ceto produttivo a quello loro, improduttivo e parassitario, espropriando soprattutto il futuro. Per amministrare MLD, servizi, fiducia, prospettive, i 5S hanno un progetto? NO tutto è un progetto?) Le olimpiadi a Roma? Una opportunità fantastica vista dalla loro supposta onestà e trasparenza. Potrebbe essere il laboratorio per l'auspicato nuovo modo di gestire risorse per il bene dei cittadini, ma partoriscono (4 gatti) “olimpiadi no grazie” (comodo, becero e trito slogan) perchè? perchè morirebbero sotto le macerie della loro pochezza. La gente con capacità ed esperienza ci sarebbe ma viene mortificata e costretta a nascondersi. Se invece Le basta che si restituiscano 30 mln di € per farli angeli e destinatari di ogni fiducia delle sorti dell'Italia.......

Kosimo

Sab, 10/09/2016 - 17:17

Certo che da quando Berlusconi vi ha comandato di aiutare Renzi contro i 5 stelle...

salvofranco

Dom, 11/09/2016 - 20:24

ectario, lei non si è molto documentato sui 5S (neanche sui numeri..) e continua a stracciarsi le vesti. Non sono in vena di polemiche (analisi costo beneficio delle Olimpiadi e scelta di altre priorità per i romani) ma mi tolga almeno una curiosità: quando parla di quelli che ci opprimono da 50 anni non può riferirsi solo al PD ovviamente. E allora fino ad ora chi ha votato? e domani chi voterà? L’ astensionismo tecnicamente avvantaggia lo schieramento che prende un voto in più del secondo. Chi non ha votato alle 2013 ha dato un voto al csx.