Governo, Renzi: "Dopo sei mesi ci ha riportato in recessione"

Matteo Renzi contro il governo: "Dovevano abolire la povertà, ci hanno riportato in recessione" e attacca i grillini: "Se pensi a ciò che fanno Toninelli, Castelli, Lezzi una certezza ce l’hai: peggiorare non si può"

Governo, Renzi: "Dopo sei mesi ci ha riportato in recessione"

"Oggi il Governo del cambiamento festeggia i primi sei mesi. Non è vero che non è cambiato nulla: il mondo di riferimento culturale di Di Maio è pienamente felice". Matteo Renzi attacca nuovamente l'esecutivo Conte, prendendo di mira il vicepremier grillino.

Renzi ironizza sugli provvedimenti del governo: dal condono edilizio allo stralcio delle cartelle di Equitalia alla legge sul peculato. Ma Renzi, pur senza nominare Di Maio, torna implicitamente sulle vicende degli ultimi giorni e scrive: "Prendi lavoro in nero? Ti chiedono di non denunciare, nemmeno se ti fai male. Tanto prima o poi avrai il reddito di cittadinanza e potrai continuare col lavoro in nero". L'ex premier, inoltre, ricorda che "In questi sei mesi però il segno dell’economia è passato da più a meno, il PIL è negativo dopo 14 trimestri di crescita consecutiva, la fiducia delle imprese è crollata". E aggiunge:"Dovevano abolire la povertà, ci hanno riportato in recessione". Renzi, infine, invita ad essere ottimisti e conclude: "Noi speriamo che nei prossimi sei mesi l’azione di questo governo migliori. E migliorerà dai. Perché se pensi a ciò che fanno Toninelli, Castelli, Lezzi una certezza ce l’hai: peggiorare non si può".

Commenti