Il grido di dolore della mamma di Elena e Diego: "I ragazzi non si svegliano, cosa gli ha fatto?"

L'uomo non aveva precedenti di violenza e ha covato la rabbia in silenzio

«Che cosa gli ha fatto...»: Daniela Fumagalli lo ripete più volte piangendo. È in una breve pausa del lungo colloquio con il pm di Lecco Andrea Figoni che l'ha ascoltata nella stazione dei carabinieri di Casargo. A poche centinaia di metri suo marito Mario Bressi ha ucciso i loro figli di 12 anni, i gemelli Elena e Diego, e poi si è tolto la vita. La donna, 45 anni, dirigente di una società sportiva nella sua città, esce un momento dalla caserma per abbracciare gli amici che sono venuti a sostenerla e che poi la porteranno via in un'auto dai vetri oscurati. È con loro che si lascia andare, disperata, e ripete: «Che cosa gli ha fatto...».

È toccato a lei trovare i bambini ieri mattina presto nel letto matrimoniale della casa di vacanza a Margno, in Valsassina. Un vicino l'ha vista arrivare insieme ai carabinieri, che lei stessa ha avvisato prima di mettersi in auto da Gorgonzola insieme alla sorella. Dal messaggio che il marito le aveva inviato non aveva dubbi che fosse successo qualcosa di terribile. I gemelli erano stati uccisi alcune ore prima e lei non ha potuto fare nulla: «Non si svegliano», ha ripetuto. Nonostante con Bressi avessero parlato di separazione e avessero contattato un legale, Daniela Fumagalli non aveva avuto niente in contrario quando il marito le aveva detto della breve vacanza solo con i bambini. Desiderava provare a occuparsene lui, aveva spiegato, in vista delle molte occasioni simili dopo la separazione.

Da quello che viene riferito in ambienti investigativi, non ci sono tracce di liti violente nella coppia né di denunce. L'iter di separazione era all'inizio, non era ancora stata presa alcuna iniziativa formale e i coniugi vivevano ancora insieme a Gessate, non lontano da Milano. La situazione, seppur dolorosa, non era sembrata conflittuale. Invece, anche se nessuno lo aveva capito, Mario Bressi covava una rabbia profonda e segreta. Non accettava la decisione che, probabilmente, era stata della moglie e che lei gli aveva comunicato da poco. La sera di venerdì, poche ore prima degli omicidi, i due non avevano litigato al telefono. Pero l'uomo ha inviato diversi messaggi e anche alcune mail. Chi indaga ne deduce una prima e parziale motivazione del delitto. Il 45enne avrebbe voluto punire la moglie, vendicarsi dell'abbandono, togliendole il bene più grande. Anche per questo verranno analizzati computer e telefono dell'uomo alla ricerca di altri messaggi e appunti utili a capire di più e a stabilire se stesse preparando gli infanticidi da tempo.

«Ho contattato la madre, è sotto choc, sembra una bestia ferita - racconta don Bruno Maggioni, parroco della zona pastorale di Margno - È come se gridasse il dolore, è esasperata. So che ha ricevuto conforto medico, ma non basta. È comprensibile che anche il paese sia sotto choc: siamo 300 abitanti, ci conosciamo tutti e ci vogliamo bene. Come parroco ho il dovere ora di essere vicino a tutti. Io conosco i nonni di queste creature, sono 40 anni che vengono qui in villeggiatura. Il papà sarà venuto qualche volta ma lo conosco di sfuggita».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

savonarola.it

Dom, 28/06/2020 - 10:13

In questo paese, dove domina la morale permissivistica dei comunisti, sono oramai più numerosi i pazzi dei sani di mente.

capi_tan_iglu

Dom, 28/06/2020 - 10:28

Aveva ragione qualche scrittore quando asseriva che il genere umano di questo pianeta si sta talmente degenerando che sta diventando più bestiale di un animale feroce. L'anima e lo spirito di questi individui criminali non potrà più reincarnarsi come uomo, ma come scimmia o altro animale, tipo un verme strisciante, serbando però (a differenza degli altri animali) il doloroso e nostalgico ricordo di quando un tempo era un essere umano e la consapevolezza di aver fatto dei gravi passi indietro: un'involuzione invece di un'evoluzione spirituale.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 28/06/2020 - 10:32

Spero che siano in molti ad aiutare quella povera donna che ha perso i suoi figli.Non posso assolutamente immaginare il suo dolore straziante. Posso solo abbracciarla con affetto e tenerezza anche se non la conosco. Coraggio cara, coraggio.

Ritratto di gianky53

gianky53

Dom, 28/06/2020 - 11:15

@10:28. Senza scomodare la reincarnazione. L'anima di individui come Mario Bressi, che per vendetta contro la sua sposa ha ucciso nel sonno i propri figli, era già morta lasciandolo privo di qualsiasi flebile alito di coscienza. Dopo l'orrore ha posto fine alla sua inutile esistenza terrena di individuo già morto spiritualmente.

nova

Dom, 28/06/2020 - 12:03

La mitologica Medea già tremila anni fa, ed era mamma dei due figli di Giasone, dimostrò cos'è l'homo sapiens tradito ed abbandonato.