Hanno tolto lo scudo ai medici per levare dai guai Conte & c.

Fallisce il blitz Pd per tutelare i politici. Ma salta anche la garanzia sulle eventuali cause ai camici bianchi

C'è una grande paura che unisce destra e sinistra, maggioranza e opposizione: dopo l'ondata del virus, arriverà lo tsunami delle Procure? Finiranno sotto processo tutti coloro che, da Palazzo Chigi alle sedi delle regioni, hanno preso decisioni sotto la spinta dell'emergenza?

Paura comprensibile, in un paese in cui qualunque calamità (dai terremoti alle malattie delle piante) può dare origine a massicce inchieste giudiziarie più o meno complottiste. Il problema è che, stavolta, a farne le spese potrebbe essere proprio chi ha combattuto eroicamente in prima linea il grande contagio: medici, infermieri, personale ospedaliero. Che ora temono di finire nel mirino di valanghe di denunce ritorsive, e di essere lasciati senza protezione, anche a causa di un tentativo bipartisan un po' goffo, e finito male, della politica di tutelare se medesima.

La cosa è andata così: tra gli emendamenti al decreto Cura Italia, che andrà oggi in votazione al Senato con la fiducia, ne sono spuntati un paio, di opposta provenienza, che hanno fatto scalpore: uno firmato dal leader della Lega Matteo Salvini, l'altro da due poco noti senatori Pd. Entrambi, con formulazioni leggermente diverse, producevano lo stesso risultato: estendere la protezione (più che legittima) per medici e sanitari anche ai livelli della gestione politica dell'emergenza. «È limitata ai soli casi di dolo e colpa grave - recitava il testo firmato dai dem Paola Boldrini e Stefano Collina - la responsabilità civile, penale e amministrativa dei titolari di organi di indirizzo o di gestione che (...) abbiano adottato ordinanze, direttive, circolari, atti o provvedimenti (...) la cui attuazione abbia cagionato danni a terzi». Mentre quella firmata dal capo del Carroccio diceva: «Le condotte dei soggetti preposti alla gestione della crisi sanitaria derivante dal contagio non determinano, in caso di danni agli stessi operatori (sanitari, ndr) o a terzi, responsabilità personale di ordine penale, civile, contabile».

Quando, spulciando la valanga degli emendamenti, sono stati scoperti i due commi, si sono levate le proteste incrociate, da opposte sponde: «Ecco l'emendamento salva Fontana voluto dalla Lega», si è tuonato da sinistra. «Ecco l'emendamento salva Conte, Arcuri, Borrelli, Speranza e compagnia voluto dal Pd», si è denunciato da destra.

Di fronte alle polemiche, e alle proteste dei sindacati della Funzione pubblica che accusavano la Lega di «scaricare tutto sulle spalle degli operatori sanitari», Salvini ha scelto di ritirarlo perché «si presta a fraintendimenti».

Nel frattempo, il capogruppo dei senatori dem Marcucci si infuriava contro i due firmatari del suo gruppo, che - a sua insaputa e su input del ministero della Salute, dicono nel Pd - avevano agganciato il proprio testo a quello firmato da Marcucci e volto proprio a tutelare il personale sanitario.

Alla fine di tutto questo cortocircuito, gli emendamenti sono stati tutti ritirati, incluso però anche quello di Marcucci, trasformato in un ordine del giorno che chiede al governo di convocare un «tavolo» per valutare le misure necessarie. «Purtroppo però ora rischia di essere troppo tardi - dicono in casa dem - vedrete tra un paio di settimane che valanga di cause partirà, sollecitate da avvocati o associazioni dei consumatori prive di scrupoli. Un disastro annunciato».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

steacanessa

Gio, 09/04/2020 - 10:18

La magistratura, anziché perseguire i parassiti per aver intentato cause assurde, sarà molto sollecita nel perseguire medici, infermieri e politici non sinistri.

dredd

Gio, 09/04/2020 - 10:26

Inutili entrambi gli emendamenti. Le norme ci sono già, poi capisco che il problema sia costituito da chi le applica

Surfer67

Gio, 09/04/2020 - 10:28

Non sono credente ma a questo punto spero in paradiso... inferno e purgatorio

Papilla47

Gio, 09/04/2020 - 10:52

Conte parla di misure efficaci del governo poste in essere con suoi DPCM all’avanguardia nel mondo. In realtà è stato il popolo italiano a autoisolarsi spontaneamente per evitare di mettere a rischio la sua salute. Certo non tutti l’hanno pensata alla stessa maniera e molti l’hanno pagata cara anche per l’incauto ottimismo di alcuni di loro. Piuttosto i suoi decreti, a fine avventura, saranno non solo criticati ma impugnati in sede legale in quanto limitativi delle libertà personali proprio per l’introduzione di sanzioni in caso di interruzione della comminata libertà vigilata.

tormalinaner

Gio, 09/04/2020 - 11:03

Siamo in Italia ed è certo che tra poco avverrà uno tsunami giudiziario sul virus, nel mirino medici e infermieri che verranno accusati dai parenti dei pazienti di averli uccisi. Poi i politici della Lega saranno tutti nel mirino.

bernardo47

Gio, 09/04/2020 - 11:26

Chi ha avuto morti.......fa quello che deve fare se ha individuato carenze.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 09/04/2020 - 11:29

Non ci posso credere. Anzi, non lo voglio credere. Quasi 100 medici sono morti in queste ultime settimane! Assurdo che chi rischia la pelle deve sperare di morire per non essere perseguito penalmente. Siamo alle solite, con una magistratura troppo “sapiente”, dove il giudice e l’inquirente appartengono allo stesso gruppo. Così non è nelle democrazie serie, cominciando dagli Stati Uniti d’America.

blackbird

Gio, 09/04/2020 - 11:30

@ tormalinaner: Concordo al 100%! Leggine, Decreti e altro non servirebbero a niente, verrebbero cancellati dalla maggior valenza della Costituzione che sancisce il "diritto alla salute"! Non vorrei essere nei panni di quei medici promossi alla professione per decreto, il decreto sarà certamente anti-costituzionale e verranno accusati anche di abuso della professione medica.

ricciardi_massi...

Gio, 09/04/2020 - 11:50

Aspetto gli avvisi di garanzia anche per la comunità scientifica che a due mesi dallo scoppio dell.epidemia non è stata ancora in grado di trovare ne un farmaco ne un vaccino a tutela del diritto alla salute sancito dalla costituzione

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 09/04/2020 - 11:55

@tormalinaner - speriamo non sia così, perchè si scatenerebbe l'inferno poi.

Cheyenne

Gio, 09/04/2020 - 11:56

italia unico paese in cui chi fa il proprio dovere è perseguito e i criminali scorrazzano impuniti a delinquere. Pienamente d'accordo con steacanessa

Darth

Gio, 09/04/2020 - 12:23

Eh beh, dopo aver causato centinaia di miliardi di danni all'economia (con gli inevitabili danni alla salute e alla vita dei cittadini che ne seguiranno) con lo psicovirus, era ovvio che cercassero di pararsi il fondoschiena per quando la gente, passata l'isteria di massa, si renderà pienamente conto di quello che han fatto. Ma anche se questo tentativo è andato a vuoto, una qualche forma di amnistia la faran saltar fuori comunque.

Franco_Fa

Gio, 09/04/2020 - 12:32

Il titolo è fuorviante rispetto al testo dell'articolo. Sia lega che DEM hanno presentato articoli per mettere sotto protezione i dirigenti e non ci sono riusciti. 1 al palla al centro e bene così

Ritratto di filospinato

filospinato

Gio, 09/04/2020 - 12:35

da mani pulite a coscienze candide

bernardo47

Gio, 09/04/2020 - 12:37

le famiglie che hanno avuto morti, hanno il diritto di difendere la memoria dei loro cari e segnalare eventuali carenze se vi sono state. Mi sembra il minimo. Non scherziamo su queste cose eh?

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Gio, 09/04/2020 - 12:54

In Italia abbiamo migliaia di leggi che la casta della magistratura applica come meglio crede, quindi introdurne di nuove non serve; probabilmente se cancellassimo a caso la metà delle leggi non se ne accorgerebbe quasi nessuno. Dovremmo toglierci dai piedi tutta la struttura della magistratura e mettere delle macchine al loro posto.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 09/04/2020 - 13:17

....vista l'aria che tira,con qualche denuncia aperta(Gen. Pappalardo,Avv. Taormina,etc....),si sono subito fabbricati delle "mutande di ghisa".....il bello è(per modo di dire),che ancora le "intenzioni di voto" premiano Conte,e tutta questa massa di imbranati,con il 40% di "italiani" che non si pronunciano(i "chissenefrega")

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 09/04/2020 - 13:20

...Hanno "cremato" tutti,così non ci sono prove,sul PERCHE' sono morti!

silvano45

Gio, 09/04/2020 - 13:57

Aspettiamo quando i magistrati ora nascosti dietro prudentissime regole ad oc si sveglino per accusare magari medici inferieri poliziotti commesse di tutto quello che andrebbe imputato a chi ci comanda gestisce e giudica a tutti questi signori veri responsabili un augurio di giustizia terrena almeno per una volta.

Gabriele184

Gio, 09/04/2020 - 14:52

Mandiamo Giuseppi a farsi un po' di vacanza.. ne ha bisogno.. soprattutto l'Italia..

cgf

Gio, 09/04/2020 - 15:12

Se i magistrati non applicano quelle norme già esistenti a favore dei medici, come potrebbero applicare quelle di Conte&C.?

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Gio, 09/04/2020 - 15:21

tormalinaner . Mi scusi ma prima di mettere nel mirino i politici della Lega ci penserei due volte, avranno anche loro qualche colpa ma né più e né meno degli altri. Ha qualche prova specifica?

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Gio, 09/04/2020 - 17:16

Chi aveva dei Dubbi?????? Arrivata la cavalleria di SOCCORSO ROSSO. Cosi i tutela chi di dovere.

Ritratto di babbone

babbone

Gio, 09/04/2020 - 17:29

questi sono coloro che vogliono bene al popolo...immagina se gli avessero voluto male.

dafisio

Gio, 09/04/2020 - 17:35

Dredd ha ragione: un avvocato ben informato in materia ha fatto notare che una norma a difesa dei medici esiste già, per questo motivo la quasi totalità della cause viene archiviata. La nuova legge era un doppione ed era finalizzata a difendere amministratori e forse politici.