I regali di Renzi a gay e migranti: unioni civili e cittadinanza facile

Il premier mette sotto l'albero di Natale regalini per extracomunitari e omosessuali, entrambi bacini elettorali per la sinistra

Nell'agenda di Matteo Renzi le priorità non sono certo le missioni europee. Certo, ha a cupre la riforma costituzionale e la riforma della scuola. Ma tra gli obiettivi del governo, ce ne sono due che il premier non vuole assolutamente rinviare, anche se il tempo stringe: il via libera definitivo alla legge sulle unioni civili e alla legge sulla cittadinanza per i figli degli immigrati. Regali di Natale che il premier mette sotto l'albero di Natale a extracomunitari e omosessuali, entrambi bacini elettorali per la sinistra.

"Siamo ancora in pista per i diritti civili - spiega nella sua Enews - ius soli, civil partnership, servizio civile e terzo settore". Il problema, e Renzi lo sa bene, è che sulle unioni civili i parlamentari di Angelino Alfano, hanno idee che non collimano con le sue. Il tema dell'adozione per i gay, per dirne una, vede i dem e i centristi schierati su fronti opposti. Quelli del Pd non vogliono togliere dalla legge la stepchild adoption, mentre il Nuovo Centrodestra non vuol sentir parlare di adozioni perché, nascosta nelle pieghe del disegno di legge Cirinnà, intravede la legittimazione dell'utero in affitto, pratica che in Italia è tassativamente vietata. L'argomento è spinoso e la polemica si è accentuata dopo che una parte del mondo femminista ha sposato la posizione degli alfaniani contro la maternità surrogata.

"Che succederà - si chiedono i centristi - se un membro della coppia (ovviamente si parla di unioni formate da due uomini) va all'estero e ottiene un figlio facendo inseminare una donna che accetta di cedere il bambino al termine della gravidanza? Il bambino potrà essere adottato da tutti e due i partner della coppia gay?". Secondo i centristi sì, in barba alla legge italiana e alle convinzioni morali della parte che rappresentano. Per i dem, invece, il pericolo non sussiste. Su questo scoglio la legge si è arenata al Senato, dove a gennaio ripartirà il dibattito in un clima non sereno. A nome dei centristi il senatore Maurizio Sacconi annuncia già ora battaglia: "Anche i neocentristi sono in pista per il diritto dei bambini ad avere un padre e una madre. I diritti non devono mai essere confusi con i desideri".

La questione si complica ulteriormente, perchè nel Pd alcuni cattolici guidati da Beppe Fioroni sono freddi sull'adozione e chiedono modifiche. Se ne parlerà prima del 22 gennaio, giorno in cui scade il termine per la presentazione degli emendamenti. Ma le voci che girano in parlamento danno per molto probabile un accordo della maggioranza del Pd con i cinque stelle per far passare la legge e archiviare la partita.

L'altro tema spinoso è quello dello Ius soli, ossia della legge sulla cittadinanza per i figli degli immigrati, Il disegno di legge è anch'esso all'esame del Senato, e non convince del tutto i centristi, che lo giudicano troppo "generoso" verso i futuri "nuovi italiani". Ma su questo disegno di legge l'accordo con l'Ncd sembra più a portata di mano.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di do-ut-des

Anonimo (non verificato)

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 27/12/2015 - 21:18

Revocheremo TUTTO non appena gli Italiani con il loro voto, ci daranno il compito di GOVERNARE SUL SERIO, non temete. Feliz año dal Nicaragua.

joecivitanova

Dom, 27/12/2015 - 21:24

EVVIVA L'ITALIA... per gli stranieri e per i diversamente diversi. Giuseppe. P.S.: per ora non riesco a perdonare loro perché non sanno quello che fanno.

Totonno58

Dom, 27/12/2015 - 22:13

Ok, del resto lo sappiamo da tempo...si può essere d'accordo o meno ma si chiamino le cose col loro nome e cognome...ad es.i "matrimoni gay"sono un'invenzione di chi cura la prima pagina di questo giornale"!:)

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Dom, 27/12/2015 - 22:34

E fategli un benedetto sgambetto a questo galletto fiorentino, CHE ROVINI NELLA POLVERE DEFINITIVAMENTE!

aqualung56

Dom, 27/12/2015 - 23:13

Invece di pensare ai tanti problemi irrisolti, Renzi ubbidisce alle lobby gay e ala carità pelosa tanto le tasse le paghiamo noi.

Iacobellig

Lun, 28/12/2015 - 06:41

I GAY NON SONO LA PRIORITÀ DEL PAESE. LA CIRINNÀ VADA A COMANDARE A CASA SUA E SI TOLGA DI MEZZO. QUESTO GOVERNO NON ELETTO, QUINDI ABUSIVO, NON PUÒ APPROVARE LEGGI A DANNO DEL PAESE E AFFRONTARE ARGOMENTI CHE IMPEGNINO GLI ITALIANI.

Luigi Farinelli

Lun, 28/12/2015 - 09:48

Eccola lì, la sinistra a guinzaglio dell'Europa laicista e massonica, tutta tesa a de-virilizzare popoli e nazioni per renderli sempre più fagocitabili nel nuovo ordine che prevede abbattimento della sovranità dei singoli Stati e il rincitrullimento dei cittadini coi fumi di ogni demenziale ideologia da pensiero unico; cittadini da trasformare in stolidi androgini senza più arte né parte, tutto bandiere arcobaleno e "nuovi diritti civili" inventati di giorno in giorno; poveri imbecilli in mano all'élite che li controllerà come galline d'allevamento in uno Stato totalitario che sarà il peggiore che la Storia avrà mai visto perché le catene questa volta saranno messe al cervello di quei poveri diavoli che ne faranno parte e non potranno essere segate.

Totonno58

Lun, 28/12/2015 - 10:32

Luigi Farinelli...il fatto che una legge che riconosca le unioni civili "de-virilizzi" i popoli e le nazioni è fantastico, ha un che di metafisico!:)

VittorioMar

Lun, 28/12/2015 - 11:07

...campagna acquisti e di "Raccattare Voti"...tutto fa mescolanza male assortita..

FRANZJOSEFVONOS...

Lun, 28/12/2015 - 11:34

NCD SIGNIFICA NON C'E' DIGNITA'

Luigi Farinelli

Lun, 28/12/2015 - 19:06

Totonno58: è stato già realizzato nei "civilissimi" Paesi d'Oltralpe, molto "avanzati" in questi campi: fra asili per "bambini rosa", gender, ragazzi cresciuti con coppie omosessuali, la trasformazione antropologia prevista, progettata, indirizzata, imposta per legge, ha già creato una generazione di poveri androgini che possono essere descritti proprio con la parola "devirilizzati" (altro che metafisica!): le prime galline d'allevamento del regime del pensiero unico e del neo-malthusianesimo, ormai incapaci di qualsiasi forma di reazione contro l'élite (ultra-mercantilista) che le ha "amorevolmente" costruite per i propri fini.

Luigi Farinelli

Lun, 28/12/2015 - 19:06

Totonno58: è stato già realizzato nei "civilissimi" Paesi d'Oltralpe, molto "avanzati" in questi campi: fra asili per "bambini rosa", gender, ragazzi cresciuti con coppie omosessuali, la trasformazione antropologia prevista, progettata, indirizzata, imposta per legge, ha già creato una generazione di poveri androgini che possono essere descritti proprio con la parola "devirilizzati" (altro che metafisica!): le prime galline d'allevamento del regime del pensiero unico e del neo-malthusianesimo, ormai incapaci di qualsiasi forma di reazione contro l'élite (ultra-mercantilista) che le ha "amorevolmente" costruite per i propri fini.

angelovf

Ven, 01/01/2016 - 10:54

Renzi dando la cittadinanza agli stranieri si aspetta anche i voti, lui non da niente senza nulla ricevere, è un opportunista che va cacciato subito prima che costruisca altre fortezze intorno alla sua persone di dittatore, perché è un dittatore non votato dagli italiani. È un usurpatore, una persona normale non capisce come si può governare senza essere votati, quando anche in un condominio bisogna essere votato, figuriamoci dare una nazione nelle mani di un abusivo.