Ira dei ristoratori su aiuti e aperture a singhiozzo: "Ora basta, regole certe"

In migliaia oggi in piazza Montecitorio Coldiretti: chiuso oltre un terzo dei locali

Le strade sono piene, i negozi affollati, gli autobus zeppi. Solo i ristoranti restano chiusi: aperti soltanto nelle zone gialle e soltanto di giorno, quando è la sera che la maggior parte dei locali - soprattutto quelli fine dining - fanno il grosso del lavoro. Ieri un'analisi di Coldiretti ha sottolineato che da ieri - giorno di entrata in vigore della nuova mappa a colori dell'Italia, con Emilia-Romagna, Campania e Molise che si sono aggiunte ad Abruzzo, Liguria, Toscana e provincia di Trento in arancione, mentre Umbria e provincia autonoma di Bolzano hanno autonomamente deciso di mettersi in rosso - è chiuso il 35 per cento dei locali che somministrano cibo: oltre 125mila tra bar, ristoranti, trattorie, pizzerie e agriturismi che non possono servire al tavolo o al bancone ma soltanto preparare cibo da asporto o da delivery.

Oggi i ristoratori tornano a far sentire la loro voce scendendo in piazza a Roma. La loro richiesta è semplice: potere aprire la sera in sicurezza o in alternativa godere di maggiori sostegni economici. Tra le doglianze anche quella del sistema a colori, che tiene la categoria con il fiato sospeso settimana dopo settimana, impedendo di prendere prenotazioni e di organizzare il lavoro e le forniture. La manifestazione, organizzata da Tutela Nazionale Imprese (Tni) e Ristoratori Toscana in rappresentanza di oltre 40mila imprese, e alla quale parteciperà anche il Gruppo autonomo Guide e accompagnatori turistici, esclusi dal contributo a fondo perduto del Mibact, si terrà dalle 15 a Montecitorio e andrà a oltranza, con un presidio fisso destinato a restare anche nei prossimi giorni.

I ristoratori lamentano mesi di chiusure senza aiuti economici sufficienti. «Al premier Draghi - dice Pasquale Naccari, presidente di Ristoratori Toscana e portavoce Tni - chiediamo un cambio di passo prima che sia troppo tardi. Non ci muoveremo da Montecitorio fino a quando sui nostri conti correnti non arriveranno il bonus filiera e i ristori quinquies». Alla manifestazione - il cui hashtag rilanciato da giorni sui social è #draghiarriviamo - parteciperanno centinaia, migliaia di ristoratori che arriveranno da tutta Italia con pullman messi a disposizione da Tni grazie alle donazioni ricevute dagli iscritti e dalle imprese. Oltre ai gruppi delle province toscane «ci saranno delegazioni da Puglia, Umbria, Abruzzo, Veneto, Lombardia, Lazio, Liguria, Emilia-Romagna, Campania e Sicilia», annunciano gli organizzatori, che per scaramanzia non fanno previsione sul numero di partecipanti.

Certa è la rabbia di una catgoria che si sente abbandonata: «In Toscana - spiega Naccari - abbiamo perso 27mila contratti, solo a Firenze 8mila, con un calo di fatturato del 75 per cento nella città metropolitana e del 60 per cento in Regione. Nel 2020 abbiamo raggiunto 2,5 miliardi di euro di perdite». Loro sono sicuri che «i ristoranti sono luoghi sicuri, basta allarmismi infondati» ma vengono trattati come «interruttori elettrici, da spegnere e riaccendere». «Ci aspettiamo - l'appello di Naccari alla politica - che i leader che sostengono la nostra battaglia facciano quello che hanno promesso: indennizzi più corposi, anno fiscale bianco, blocco cartelle e riaperture senza più richiudere le attività».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Rettiliano

Rettiliano

Lun, 22/02/2021 - 10:38

Ma l'Italia è una repubblica fondata sui ristoranti e i Maestri di sci perennemente in ira? No perché il mondo intero è in lockdown e recessione ma sembra che solo qua non si rendano conto della gravità della pandemia.

jaguar

Lun, 22/02/2021 - 11:26

Mi spiace per loro ma se attendono regole certe possono tranquillamente chiudere, anche Draghi continuerà col solito tira e molla delle chiusure a colori.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 22/02/2021 - 11:27

X Rettiliano 10:38 L'ira funesta dei ristoratori e dei maestri di sci travolge l'Italia: Draghi dimettiti!

Calmapiatta

Lun, 22/02/2021 - 11:33

Tranquilli..chiudiamo adesso per riaprire a Pasqua..tutti insieme, separati ma uniti..andrà tutto bene. Ma quante caz..te ci hanno ammannito i politici per un anno? Eppure siamo sempre da capo! Lo vogliono capire che si devono svegliare e cambiare strategia? Le continue chiusure sono inutili e cotroproducenti!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 22/02/2021 - 11:35

Adesso dicono di fare sacrifici e chiudere tutto per festeggiare la Pasqua. Questi sinistri non avevano fatto la stessa cosa per Natale e all'ultimo minuto hanno richiuso di nuovo tutto? Troppe dimostrazioni d'incapacità gestionale.

flgio

Lun, 22/02/2021 - 11:35

L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro DI TUTTI. Dove sono finiti i ristori? Per statali e pensionati, Alitalia & C. dove li prendono i soldi, nel pozzo di San Patrizio? E per gli autonomi canta che ti passa? Quelli che scrivono abbonati a San Paganino.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 22/02/2021 - 11:57

maggiori sostegni economici???? state scherzando! bisogna mantenere i fnti profughi che ogni giorno arrivano in italia! arrangiatevi e vietato lamentarsi

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 22/02/2021 - 12:22

parlano sempre di ristori...ma l'unica cosa certa,sono l'arrivo degli F24