"Salvini è imbarazzante". ​L'ambasciatore difende presunto pusher tunisino

Moez Sinaoui ha scritto una lettera alla presidente del Senato: "Quella di Salvini è stata una deplorevole provocazione senza alcun rispetto del domicilio privato"

La citofonata di Matteo Salvini al presunto pusher in via Deledda, nel cuore del quartiere popolare del Pilastro a Bologna, ha scatenato l'ira da parte degli avversari politici. Ma non solo: si è mosso anche l'ambasciatore della Tunisia a Roma che, stando a quanto appreso e riferito da Agenzia Nova, avrebbe scritto una lettera alla presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, per esprimere la propria "costernazione per l’imbarazzante condotta" da parte del leader della Lega. Moez Sinaoui l'ha definita una "deplorevole provocazione senza alcun rispetto del domicilio privato", compiuta da un "pubblico rappresentante dell’Italia", da considerarsi un paese che può vantare "un’amicizia di lunga data con la Tunisia". Il diplomatico sostiene che nell'episodio è stata "illegittimamente diffamata una famiglia tunisina". A suo giudizio si sarebbe trattata di una condotta che avrebbe "stigmatizzato l’intera comunità tunisina in Italia".

Il Forum tunisino per i diritti economici e sociali (Ftdes) ha espresso la propria indignazione per "il bullismo e l'aggressione" che sarebbero stati commessi "contro l'immagine di un immigrato tunisino in Italia". L'Ong, mediante un comunicato stampa, ha chiesto alle autorità di Tunisi di difendere la dignità delle tunisine e dei tunisini dovunque si trovino "alla luce delle crescenti manifestazioni di razzismo e odio in Europa e, in particolare, in Italia".

Le reazioni

Un duro attacco è stato sferrato anche da Osama Sghaier: "Un atteggiamento razzista e vergognoso che mina i rapporti tra Italia e Tunisia". Il vicepresidente del parlamento tunisino ha definito Salvini "razzista e un irresponsabile perchè non è la prima volta che prende atteggiamenti vergognosi nei confronti della popolazione tunisina".

Luigi de Magistris invece ha affermato: "Se qualcuno spaccia, invece di fare buffonate si va dalla polizia e si denuncia. Lo spaccio è un reato ed è previsto anche l'arresto in flagranza. Altrimenti è pura propaganda". Secondo il sindaco di Napoli "Salvini non lo recuperi nemmeno se lo affidi ai servizi sociali. Finora è stato uno dei principali elementi costitutivi dell'Italia dei rancori, della cultura del sospetto, della caccia alla straniero. È razzista ed è contro i diversi".

Matteo Salvini ha così risposto all'ondata di polemiche: "Io ho raccolto il grido di dolore di una mamma coraggio che ha perso il figlio per droga. Un atto di riconoscenza che dovremmo far tutti: la lotta a spacciatori e stupefacenti dovrebbe unire e non dividere". Il segretario federale del Carroccio ha concluso con il famoso slogan leghista: "Tolleranza zero contro droga e spacciatori di morte: per noi è una priorità. In Emilia-Romagna e in tutta Italia ci sono immigrati per bene, che si sono integrati e che rispettano le leggi. Ma chi spaccia droga è un problema per tutti, che sia straniero o italiano non fa nessuna differenza".

Commenti
Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 22/01/2020 - 16:22

Ohhhh la Tunisia s'indigna? Ma quando ci ha scaraventato qui migliaia di indesiderati? Li non s'indignavano i tonacati? E l'affarone dell'olio tunisino? Li andava bene?

ginobernard

Mer, 22/01/2020 - 16:23

già li sento i microcefali cattocomunisti ... ecco bravo il tunisino ... diglielo.

schiacciarayban

Mer, 22/01/2020 - 16:32

Salvini è nauseante. Certo che sono tutti contro la droga, ci mancherebbe, ma da qui a citofonare chiedendo se questa è la casa di uno spacciatore... Veramente un troglodita, pensate in che mani potremmo finire.

Capricorno29

Mer, 22/01/2020 - 16:37

se si indigna tanto l'ambasciatore si riporti in Tunisia tutti gli spacciatori tunisini e famiglia... intanto occupa una casa poopolare costruita con i soldi degli italiani e che andrebbe per diritto ad una famiglia italiana bisognosa

27Adriano

Mer, 22/01/2020 - 16:37

.Ma senti un pochino...Difendere il domicilio dei pusher?? Ma cosa vuol dire??

onurb

Mer, 22/01/2020 - 16:37

Forse De Magistris non guarda Striscia la notizia e quindi non sa quanti spacciatori fanno il proprio mestiere senza nessuno, al di fuori di Brumotti, che li vada, non dico ad arrestare, ma semplicemente a disturbare. De Magistris, quelle documentate da Brumotti sono notizie di reato che i tuoi ex colleghi magistrati, tutti presi dall'obbligatorietà dell'azione penale, fingono di non vedere per non dover intervenire.

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 22/01/2020 - 16:44

schiacciarayban 16:32- Sempre meglio delle mani nelle quali siamo ora.

Korgek

Mer, 22/01/2020 - 16:45

Sì vabbè mi sembra un'imitazione di Arrigo Sacchi.

VittorioMar

Mer, 22/01/2020 - 16:45

...per l'Ambasciatore dovrebbe essere IMBARAZZANTE sapere quanti DELINQUENTI sono stati LIBERATI DALLE CARCERI TUNISINE E FATTI ARRIVARE IN ITALIA e...FOSSE SOLO QUELLO...

venco

Mer, 22/01/2020 - 16:47

Questo ambasciatore se è corretto e onesto deve difendere solo i tunisini entrati regolarmente in Italia e non i clandestini.

Maura S.

Mer, 22/01/2020 - 16:47

schiacciarayban ma vada a farsi un giretto, se avessi avuto lo stesso problema di quella signora, altro che telefonata………… Possibile che non ha altro da fare che prendersela con il Salvini !!!!!!! Nauseante sarà lei nel romperci i cosiddetti giornalmente!!!

dagoleo

Mer, 22/01/2020 - 16:48

lavoratore tunisino in italia...non disturbatelo stà lavorando per pagarci le pensioni. è una preziosa risorsa impegnata.

Ritratto di ohm

ohm

Mer, 22/01/2020 - 16:50

io sono in dovere di denunciare chi spaccia la droga per cui nn rompete con la storia della privacy e robe varie...se sei un delinquente ti denuncio e vai a finire in galera..punto!

jaguar

Mer, 22/01/2020 - 16:50

L'ambasciatore vada a chiedere agli abitanti del quartiere che lavoro fa il suo connazionale.

Ritratto di ierofante

ierofante

Mer, 22/01/2020 - 16:52

Tolleranza zero contro droga e spacciatori di morte: per noi è una priorità, non solo per la lega ma per qualsiasi persona, aggiungo io. Ma allora quando eri ministro perché nel decreto sicurezza non hai inserito alcuna norma in proposito? Bastava modificare quella sullo spaccio di lieve entità, prevedendone l'applicazione solo per il primo arresto. Nel caso di reiterazione del reato, trattandosi di soggetto che spaccia per professione, non si applicherebbe dunque la lieve entità bensì la norma che prevede da sei a venti anni di reclusione. Perchè non l'hai fatto? Certo è più semplice citofonare ad un poveretto che pestare i piedi alla mafia.

carpa1

Mer, 22/01/2020 - 16:52

Se sono tutti così bravi perchè quelle migliaia che ogni giorno vengono a romperci non ve li tenete in Tunisia? Siete forse un paese in guerra? E poi come mai arrivano sempre privi di documenti? Come se non avessimo già abbastanza problemi con i nostri nullafacenti e spesso pure ....enti (medesima rima). Vi ricordiamo che l'Italia è un paese sovrano e quindi ha diritto di accogliere persone di cui potersi fidare; oppure ritenete che anche noi saremmo liberi di entrare nel vostro paese senza documenti, sbarcando di soppiatto sulle vostre coste! Solo perchè qui ci sono dei cialtroni che si spacciano per ipocriti buonisti non significa che abbiate diritto di invadere il nostro paese senza chiedere il permesso di ingresso.

veromario

Mer, 22/01/2020 - 16:58

Vediamo con i nostri occhi nelle nostre città come vengono perseguiti i spacciatori grazie a tutti voi

oracolodidelfo

Mer, 22/01/2020 - 17:00

schiacciarayban 16,32 - anzichè pensare in che mani potremmo finire, pensi in che amni siamo attualmente ed al fatto che gli spacciatori, oltre a spacciare nelle case, nelle stazioni, nei parchi, nelle campagne e chi più ne ha più ne metta....spacciano davanti alle scuole, anche elementari. Questo dà la nausea, o no? Ed il sig. Moez Sinaoui veda di richiamare all'ordine i suoi connazionali che in Italia delinquono a vario titolo e di ricondurli nelle patrie galere tunisine, evitando al popolo italiano esausto di mantenerli. Chiaro Moez Sianoui?

steluc

Mer, 22/01/2020 - 17:06

Schiaccia , ,, per ora siamo nelle mani di chi, con l’ultima amnistia, di pusher ne ha messi fuori a migliaia.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 22/01/2020 - 17:09

RAZZISTI? Siamo tutti razzisti? La realtà é che siamo troppo buoni, al punto di essere "fessi".

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 22/01/2020 - 17:14

Immigrati abituati male. Sarebbe il caso che gli Italiani, spesso troppo buoni, si documentino su quali siano le regole che valgono e varranno per gli stranieri che vogliono entrare in Inghilterra.

Ritratto di aleone059

aleone059

Mer, 22/01/2020 - 17:14

Non lo imbarazzano però le migliaia di Tunisini nelle nostre carceri per crimini? e i vecchi Tunisini a cui stupidamente regaliamo una pensione solo perchè i figli lavorano in Italia? e gli italiani uccisi da terroristi in Tunisia anche per la scarsa sicurezza? Appena salvini andrà al potere dovrà pretendere che questo sfigato se ne vada dall'Italia, indesiderato lui e tutti i suoi concittadini nelle nostre carceri o clandestini in giro a far danni.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 22/01/2020 - 17:19

le dichiarazioni del sindaco di Napoli denotano una immensa ignoranza.

dredd

Mer, 22/01/2020 - 17:26

Imbarazzati dei tuoi compaesani che delinquono.

HARIES

Mer, 22/01/2020 - 17:27

Una cosa è certa: se Salvini ha commesso l'errore di citofonare ad una persona perbene, si taglia le PP da solo. Diversamente, se in quell'appartamento c'è davvero lo spacciatore, mi aspetterei che la Lamorgese suggerisca al questore di mandare subito 10 pattuglie di Polizia per fare una retata in quella zona.

schiacciarayban

Mer, 22/01/2020 - 17:27

oracolodidelfo - Ma possibile che fate finta di non capire? È ovvio che siamo tutti per arrestare gli spacciatori, ma andare a citofonare a casa è un ignobile e ridicolo teatrino, degno di un ignobile e ridicolo personaggio. Ovviamente è solo una bassezza di marketing, non lo capite? Vi sembra questo il modo per combattere gli spacciatori?

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Mer, 22/01/2020 - 17:38

se un poliziotto (pubblico ufficiale) fosse stato presente all'evento, avrebbe dovuto contestare al politico immediatamente il reato: solo un addetto alla Pubblica Sicurezza nell'esercizio della sua attività può agire, ma di sicuro non può agire sulla base di una informazione ventilata da un passante senza un benché minimo riscontro e comunque non davanti alle telecamere ed ai fotografi. quello che ha fatto salvini è grave perché preannuncia lo stile da purga staliniana che si realizzerà quando governerà. E se si presentasse con schiera di giornalisti sotto casa sua Sig. Loudness dei miei stivali, dicendo davanti a tutti che lei è un evasore, a lei non darebbe fastidio? non si indignerebbe? eppure l'evasione non è meno grave dello spaccio

MOSTARDELLIS

Mer, 22/01/2020 - 17:39

Bene, l'Ambasciatore tunisino difende gli spacciatori. Ecco dove si arriva con la tolleranza sinistra. E comunque l'Ambasciatore tunisino non può scrivere direttamente alla Presidenza del Senato, deve scrivere al Ministero degli Esteri. Vada a fare un corso di diplomazia.

marc59

Mer, 22/01/2020 - 17:56

Pure le pulci hanno la voce.

oracolodidelfo

Mer, 22/01/2020 - 18:02

schiacciarayban 17,27 - Tralasciando il nobile e l'ignobile ed il ridicolo...a lei pare giusto il modo di combattere gli spacciatori che ha usato quel magistrato che non ha incarcerato lo spacciatore perchè lo spaccio era l'unica sua fonte di reddito? Notizia reperibile sul web. Anche questo è marketing, ai danni del popolo italiano. Possibile che faccia finta di non capire?