Legge elettorale, ok Cassazione al referendum. Calderoli: "Bomba atomica sul proporzionale"

Via libera della Corte di Cassazione alla richiesta di referendum presentata da otto regioni amministrate dal centrodestra per abrogare la parte proporzionale del Rosatellum. Calderoli: "Bomba atomica contro i giochini di palazzo"

Una "bomba atomica". Il senatore leghista Roberto Calderoli non usa mezze parole per definire il via libera della Corte di Cassazione al referendum, proposto da otto regioni amministrate dal centrodestra, per abrogare la parte proporzionale del Rosatellum, la legge elettorale attualmente in vigore. Circa 50 giorni dopo la presentazione del quesito per per l'"abolizione del metodo proporzionale nell'attribuzione dei seggi in collegi plurinominali nel sistema elettorale della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica", l'Ufficio centrale per il referendum presso la Suprema Corte ha dichiarato "conforme alle norme di legge" la richiesta di referendum presentata da otto Consigli regionali: da Abruzzo, Lombardia, Piemonte, Liguria, Friuli Venezia-Giulia, Sardegna, Basilicata e Veneto.

La proposta era stata depositata lo scorso 30 settembre da una delegazione guidata da Calderoli, massimo esperto del Carroccio in materia di Affari costituzionali. Mentre il 7 novembre, sempre Calderoli aveva presentato al Palazzaccio l'integrazione richiesta dalla Cassazione con la "formulazione integrale dei testi delle disposizioni di cui si chiede l'abrogazione". Ora la parola passa alla Corte Costituzionale, a cui spetta il vaglio di ammissibilità del referendum circa i principi costituzionali.

Calderoli: "Una bomba che fa esplodere il Palazzo"

Soddisfatto Calderoli: "Ci siamo! L'ordinanza con cui la Corte di Cassazione ha dato il via libera al quesito referendario per l'abolizione della quota maggioritaria della legge elettorale vigente rappresenta il Big Bang del cambiamento, la bomba atomica che esplode spazzando via tutti i rigurgiti proporzionalisti di chi vorrebbe continuare con i giochini di Palazzo". Secondo il senatore leghista, l'ok del Palazzaccio è un "passaggio fondamentale per arrivare alla richiesta di un referendum abrogativo in materia elettorale finalizzato a ritornare ad un sistema elettorale che sia realmente maggioritario, per cui finalmente chi vince governa e chi perde va all'opposizione, chiudendo per sempre la fase dei giochini di palazzo finalizzati a nascite di Governi che non rispettano la volontà del popolo". In questo modo, conclude Calderoli, "finalmente a decidere sarà il popolo e non il Palazzo".

Maggioranza divisa sulla nuova legge

Ma è proprio il Palazzo, in queste settimane, a discutere di legge elettorale nei ritagli di tempo lasciati dalla discussione sulla manovra e sul decreto fiscale collegato. ultima riunione per trovare una quadra si è svolta mercoledì 20 novembre, ma è stata interlocutoria. Durata circa 40 minuti, ha visto lo scontro tra Pd e il resto della maggioranza. I dem spingono per un doppio turno con premio di maggioranza, mentre Leu, Italia Viva e M5S sono tornati sull'introduzione della soglia di sbarramento. Idee diverse, come capita su una materia scottante qual è la legge elettorale. Attualmente è in vigore il Rosatellum, ma con ogni probabilità si andrà al voto - quando succederà - con un'altra legge. Tra l'altro, il nuovo sistema elettorale fa parte del "pacchetto" di materie su cui le forze di maggioranza hanno promesso di lavorare insieme dopo l'approvazione del taglio dei parlamentari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

bernardo47

Gio, 21/11/2019 - 18:32

quando arrivera' al dunque, ci sara' gia' la nuova legge elettorale proporzionale....

Morion

Gio, 21/11/2019 - 18:39

...massimo esperto del Carroccio in materia di Affari costituzionali... e di leggi da egli stesso definite "porcata". ...chiudendo per sempre la fase dei giochini di palazzo finalizzati a nascite di Governi che non rispettano la volontà del popolo... Ma da che pulpito. Quale impudenza, non par vero!

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Gio, 21/11/2019 - 18:47

Basta cambiare leggermente la legge elettorale in vigore per neutralizzare il referendum, come sempre fatto in passato

Giorgio5819

Gio, 21/11/2019 - 19:14

Finché esistono comunisti in Italia... il voto, ammesso che si riesca ad andare a elezioni politiche, sarà sempre una pericolosa scommessa... ci sarà sempre chi punterà a ripescare i rossi perdenti sputando in faccia agli ITALIANI.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 21/11/2019 - 19:15

staremo a vedere! non c'è da star tranquilli, finchè non c'è scritto chiaro tutto! la lega avrebbe tutti i motivi per intestarsi una vittoria e dei meriti di tutto il centrodestra che non può averli soltanto la lega e solo salvini! quindi.... va bene il referendum, ma vogliamo garanzie per il "dopo" !

elpaso21

Gio, 21/11/2019 - 19:17

"Ora la parola passa alla Corte Costituzionale": e allora...

salmodiante

Gio, 21/11/2019 - 19:18

Finalmente una bella notizia, AZIONE!! Basta giochetti e inciuci. Un referendum con voto trasversale per abbattere il marciume.

marinaio

Gio, 21/11/2019 - 19:21

Cambiare la legge è importante, ma se i politici sono sempre più mediocri, non c'è speranza.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 21/11/2019 - 19:24

sbarramento al 5%, eliminiamo i parassiti.

Iacobellig

Gio, 21/11/2019 - 19:31

Mattarella ora intervieni sul parlamento alla luce della decisione della Corte di Cassazione in ordine alla legge elettorale così neppure tu e quelli come te che verranno potranno approvare i giochi di palazzo!!!

ghorio

Gio, 21/11/2019 - 19:31

Per Calderoli è sempre una bomba, poi finisce in niente.

ilrompiballe

Gio, 21/11/2019 - 19:39

Tutti i paesi del mondo hanno una legge. Noi ne abbiamo cambiate anche troppe, e tutte penose.

Ritratto di mailaico

mailaico

Gio, 21/11/2019 - 19:44

Io sono da sempre contro la riduzione del numero dei parlamentari. Ma lo stipendio piu' di 1500 non deve andare!

rokko

Gio, 21/11/2019 - 19:58

Non ho avuto ancora modo di documentarmi bene al riguardo ma, se come sembra dopo un'occhiata superficiale il referendum trasformerà la legge elettorale vigente in un qualcosa molto vicino all'uninominale secco, andrò a votare e voterò per il sì. Diversamente, caro Calderoli, va ciapà i rat

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 21/11/2019 - 20:09

Per quanto mi riguarda il proporzionale è una "disgrazia".

glasnost

Gio, 21/11/2019 - 20:09

Amici miei, non illudiamoci, o meglio, non prendiamoci in giro. La Corte Costituzionale è una dependance del PD, il PD sa che con un sistema maggioritario non vincerà MAI, di conseguenza la CC non ammetterà mai il referendum. Poche balle, questa è l'Italia

bernardo47

Gio, 21/11/2019 - 20:31

la vera bomba e' stato salvini in agosto al senato! e che bomba! atomica!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 21/11/2019 - 21:05

Non fatevi illusioni. Ministri e presidente li elegge ancora il PdR, i parlamentari non sono ancora soggetti a vincolo di mandato ed è il parlamento a votare la fiducia. Totale: potete fare qualsiasi legge ma i giochini ammessi dalla carta sono rimasti. La transumanza c'è ancora e non è scritto da nessuna parte che chi viene eletto da una parte non si schieri poi con l'altra. Pecunia non olet.

giac2

Gio, 21/11/2019 - 21:15

Attenzione. La proposta dl doppio turno è nient'altro che la possibilità dei perdenti a raggrupparsi e vivere. Il doppio turno serve solo a questo: far vincere i perdenti e non poter governare per i giochi di palazzo.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Gio, 21/11/2019 - 21:34

Non c'e' da illudersi. Si ostacolera' in tutti i modi. Ad ogni modo per avere politici competenti dev'essere inserita la preferenza cosi' finalmente nella mia citta' posso scegliere tra le persone che la mia stessa realta' locale la vivono e se sgarrano dovranno vedersela con i "vicini" di casa.

roberto zanella

Gio, 21/11/2019 - 21:42

ANDIAMO A SPIANARE I COMUNISTI E QUELLI FINTI CHE SCRIVONO SU IL GIORNALE. SALVINI A TESTA IN GIU'? COMPAGNI INVECE A TESTA IN SU, CON LE GAMBE A PENZOLONI....

carpa1

Gio, 21/11/2019 - 22:18

Vedrete che queta maggioranza riuscirà, prima di defungere, a "cambiare leggermente la legge elettorale in vigore per neutralizzare il referendum, come sempre fatto in passato".... e la farsa, con annessi giochi di palazzo, continua!!!

gianf54

Ven, 22/11/2019 - 05:56

Purtroppo, ora arriva la Corte Costituzionale...

Popi46

Ven, 22/11/2019 - 07:08

@mailaico:1500 €? Ma che dici? Vuoi che i grillini affrontino le fatiche di una competizione elettorale per una poltrona che vale solo 1500€? Più redditizie le noccioline

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 22/11/2019 - 09:09

Bomba o non bomba, tenuto conto che il sistema elettorale perfetto non esiste (chi governa cerca sempre di "idearne" uno favorevole a se stesso), se il nuovo sistema elettorale ricalcherà quello inglese allora avrà al mia preferenza. Diversamente me ne starò a casa.

antipifferaio

Ven, 22/11/2019 - 09:11

Fatica inutile... Poi se parla uno come Calderoli...Beh!... Il maggioritario è stato il cancro dell'Italia. L'ha divorata è l'ha portata allo sfacelo per mille motivi. L'unico cerotto ormai è il proporzionale pure con le preferenze e sbarramento al 5%. Bisogna votare le persone, non i partiti. Almeno si trova un accordo per riuscire a far qualcosa di buono invece di aggiungere solo TASSE su TASSE e minacciare la popolazione con blocchi amministrativi e pignoramenti. Lo stato in questi ultimi 20 anni più che nemico si è rilevato un carnefice dell'Italia, e questo anche grazie a un sistema elettorale sballato.

laval

Ven, 22/11/2019 - 09:44

In Italia abbiamo la politica di nessun responsabile, occorre ritornare al sistema elettorale maggioritario in quanto è l'unico che ci consente di vedere quale è il partito che fa il bene o meno degli italiani. In tutti questi anni gli altri sistemi elettorali hanno portato solo confusione e falsità.

GioZ

Ven, 22/11/2019 - 10:13

Ci vuole il ballottaggio tra i primi due gruppi, altrimenti non cambierà molto: ci saranno sempre accordi post-elettorali che non rispecchiano la volontà popolare.