"In sei anni di direzione Berlinguer il Tg3 è diventato Ripubblica.it"

Pubblichiamo la lettera che un giornalista del Tg3 ha inviato al suo Cdr in vista del rinnovo del Cda Rai

Pubblichiamo la lettera che un giornalista del Tg3 ha inviato al suo Cdr in vista del rinnovo del Cda Rai. Una lettera amara, che racconta dall'interno il declino del glorioso Tg che era stato ribattezzato Telekabul e che ora invece, dopo sei anni di direzione Berlinguer, vive una lenta agonia

Sei anni di questa Direzione hanno prodotto la più grande fuga di colleghi nella storia del Tg3 . Abbiamo perso ottime professionalità e, tra quelli che non hanno scelto la fuga, molti sono stati emarginati e umiliati, come il compianto Santo Della Volpe. Il collega Piro, nel solito, deprimente silenzio della redazione, solleva una questione legittima, ma forse il tempo è scaduto. Se Dio vuole (o Allah, Buddha, Shiva o chi preferite), la prossima settimana avremo un nuovo Cda, mi auguro composto, questa volta, da persone competenti. E tra non molto avremo un nuovo Direttore, mi auguro provvisto, questa volta, di grande spessore umano, oltre che professionale. Il Tg3 va incontro ad una epocale riorganizzazione redazionale della Rai con un bilancio a dir poco disastroso. Alcuni miei amici, ottimi colleghi della carta stampata, ironizzano sul nostro vezzo di dare spesso le notizie del giorno prima, ma anche nei nostri corridoi si ride di questa bizzarra usanza. Gli esempi più recenti e vistosi sono la sentenza sulla strage di Brescia e la clamorosa scoperta della Nasa. Forse il Cdr avrebbe dovuto già da tempo indire un referendum redazionale per cambiare nome al Tg3 . Avremmo potuto chiamarlo: Ripubblica.it , oppure «È già ieri». Le notizie, spesso, le facciamo decantare, come il Brunello. Intanto nelle ultime due settimane l'ascolto medio delle 19 si è avvicinato all'8% e Lineanotte è sprofondata sotto il 4 (e tanto per dire, stasera alle 19 ennesima intervista a Gasparri, che l'altro ieri era ospite anche, per l'ennesima volta, di Lineanotte , e poi trovatemi un buon motivo per guardare Tg3 e Lineanotte !). Cito solo le due edizioni che stanno più a cuore a questo direttore che non disdegna di condurle ogni volta che può. Mi chiedo: se una collega si preoccupa solo della conduzione, è proprio necessario che si faccia nominare anche Direttore? Purtroppo anche questa domanda, molto diffusa in redazione, arriva a tempo scaduto.

Il Tg3 avrebbe meritato un epilogo meno imbarazzante. Buone vacanze a tutti.

Commenti

geronimo1

Lun, 03/08/2015 - 09:15

Ma questa qui e' inamovibile?????????????????

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 03/08/2015 - 09:16

Diciamo tutta la verità: Tg3 era tale anche prima, sulla scia della spartizione antica delle "tre" reti fra DC, PSI e PC. Di nuovo c'è solo che ora tutta la RAI sta a pecoroni ai piedi di Renzi, attenta a non disturbare il manovratore. Brilla nella circostanza anche l'eterno Vespa, forse perché punta a maggiori "successi", come segnalato da codesto Giornale.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 03/08/2015 - 13:12

Adesso Rai3 attacca la menata della strage di Bologna... come se fossero stati i "fascisti" a compierla. Tuttavia le stragi avvennero tutte al nord, dunque se si deve proprioo menare il torrone, lo si faccia almeno contro i napolitanisti di nome e di fatto, che ne traggono iniquo giovamento, visto che dopo le famose stragi hanno "incistato" nelle procure e nelle banche i loro adepti a fare i disastri che conosciamo. In quanto al resto, le BR erano e restano squallidi delinquenti.

cgf

Mar, 04/08/2015 - 08:24

Questo TG3 andrebbe chiuso, anacronistico.... in tutti i sensi