L'odio di Di Battista: "Riforma prescrizione? Ai potenti salva il c…"

L'ex parlamentare del Movimento 5 Stelle all'attacco del Pd sulla riforma della Giustizia. E offende: "Loro votano insieme a marmaglia come Berlusconi e Salvini?"

"Se il Partito Democratico, insieme a Forza Italia, a Silvio Berlusconi, a Matteo Salvini, a tutta questa marmaglia qua, dovesse votare una legge per bloccare la prescrizione, per quanto mi riguarda, sarebbe inaccettabile". Così Alessandro Di Battista torna a parlare, tornando a insultare.

L'ex parlamentare del Movimento 5 Stelle, pizzicato da un inviato de L'aria che tira, è un fiume in piena commentando la riforma della Giustizia, che sul versante caldo della prescrizione in sostanza prevede il fatto che dal primo gennaio 2020, tutti i reati che si commetteranno dal primo gennaio si bloccherà la prescrizione dopo il primo grado di giudizio”. Si tratta di una riforma fortemente voluta dalla compagine pentastellata e promossa con forza dal Guardasigilli (grillino) Alfonso Bonafede, rimasto in via Arenula anche con il cambio dell'esecutivo. Peraltro, la riforma della prescrizione, inserita nella cosiddetta legge "Spazzacorrotti" era stata approvata proprio durante il precedente governo, causando non pochi malumori tra 5stelle e leghisti.

Dibba, ai microfoni della trasmissione di La7, attacca frontalmente: "Secondo me adesso il Movimento 5 Stelle deve andare avanti per la propria strada, se poi il Partito Democratico, insieme a Forza Italia, a Berlusconi, a Salvini, a tutta questa marmaglia qua, dovesse votare una legge per fermare la prescrizione, per quanto mi riguarda, sarebbe assolutamente inaccettabile. Fondamentalmente la prescrizione la vogliono i potenti perché salva sempre il culo a lor signori, mica ai disgraziati…". E non è mica finita qua, perché il grillino tuona ancora, difendendo il senso della riforma: "Il delinquente che sa di essere colpevole e che sa che non potrà arrivare a prescrizione, magari per ridurre i tempi processuali e ottenere uno sconto di pena, chiederà il rito abbreviato. Così il processo durerà meno e si avrà finalmente la certezza della pena…".

"Il Parlamento dovrebbe avere il dovere di velocizzare i tempi processuali, e invece…". E invece litigano, perché Italia Viva e Matteo Renzi si sono detti pronti a votare contro la riforma, e a sostegno del disegno di legge dell'azzurro di Enrico Costa. Dunque Dibba chiosa così: "Ciò che dicono i renziani è pretestuoso e io sostegno, e me ne prendo la responsabilità, che ci sia una parte di potere politico, sistemico, industriale e finanziario che grazie alla prescrizione si salva il culo"....

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 06/12/2019 - 17:32

battista farebbe bene a star zitto. presto o tardi anche lui farà parte del centrodestra :-)

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 06/12/2019 - 17:38

Il dibba è giovane e probabilmente non sa che Craxi andò sotto processo e in poco più di tre anni arrivò la sentenza definitiva in cassazione. Che velocità, quando vogliono .... è bene che il dibba si informi bene sui tempi della giustizia italiana e chi ne gestisce e determina la durata dei processi.

Rugantino49

Ven, 06/12/2019 - 18:10

Dibba dimentica che a suo tempo i 5* ottennero il via libera alla norma sulla prescrizione garantendo che prima della sua entrata in vigore sarebbe stata pronta la riforma globale sul processo penale che avrebbe dovuto assicurare tempi certi e brevi per i processi. Che fine ha fatto questa riforma? Resta il fatto che, senza di euesta, la norma sulla interruzione della prescrizione fa diventare il nostro Paese più barbaro dei peggiori regimi dittatoriali, in cui i sudditi sono sempre alla mercé del potere, foss'anche giudiziario.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 06/12/2019 - 18:58

Per Dibba non solo Salvini, ma anche Silvio, non sono persone, ma sono "Marmaglia". Strano che si sia dimenticata la signora Meloni, che avrebbe potuto designare in modo ancora più mordace, secondo certe squallide abitudini italiane, usate quando si tratta di designare delle donne. Meriterebbe di essere anche lui insultato e le parole adatte non mancano. Ma io, da buon cristiano (di destra, ergo non papale), mi limito a suggerirgli di andare a lavorare. Lavorare fa bene.

edo1969

Ven, 06/12/2019 - 20:18

bravo dibba, mortimermouse ma stai zitto tu va , ignirante pom -pinaro come tua moie

edo1969

Ven, 06/12/2019 - 20:18

scimmietta ho voglia di morderti wuel bel culetto che hai

ciccio_ne

Ven, 06/12/2019 - 20:19

Poro fibbia! De 'sto passo nel prossimo parlamento non ci saranno più i 5Giuda! Nervosetto per l imminente sparizione. Ha fatto i calcoli male quando si è dato al sabbatico...gli uomini veri si riconoscono per la lungimiranza

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 06/12/2019 - 20:25

Tutti scemi i giuristi di tutti i Paesi del Mondo che hanno promulgato la prescrizione, invece è intelligente solo lui.

mcm3

Sab, 07/12/2019 - 07:43

Ha ragione ma non lo potete ammettere, la prescrizione ha salvato troppe persone che sarebbero dovute essere condannate, non e' uno strumento per aiutare la gente, e' unop strumento utilizzato solo per cancellare i processi, da chi ha colpa e le possibilita' di farlo applicare, Conferma ne e' il numero limitatissimo di persone che, sicure della loro innocenza, non l'hanno applicata decidendo di portare a termine i loro processi,